Il ghiaccio marino antartico cresce sempre di più

Buongiorno, bentrovati! Eccoci di nuovo qui a parlare stavolta di ghiaccio antartico. Forse perchè dopo aver preso tanto sole ho bisogno di frescura. Quale migliore frescura del ghiaccio?

Bah, andiamo con la notizia!  

Il ghiaccio marino antartico cresce sempre più e limita l'accesso al continente australiano e agli altri paesi antartici confinanti, sempre più vittime del problema climatico incombente. Ciò interessa le operazioni nel continente più meridionale, dove c'è troppo ghiaccio.

Nel momento in cui molte masse di ghiaccio si stanno sciogliendo più rapidamente a livello mondiale, il ghiaccio dell'oceano antartico sta invece aumentando. Questo blocca di più l'accesso al continente, limitando i movimenti marittimi di rifornimento vitale.

Il blocco di ghiaccio sta alzando i costi di gestione delle basi antartiche, soprattutto per la stazione più antica australiana di Mawson.

Secondo la NASA, lo scorso settembre, il ghiaccio marino ha raggiunto il record massimo di 20,14 milioni di chilometri quadratio. Per l'Intergovernmental Panel on Climate Change's AR5 Report, l'espansione avviene, anche se il ghiaccio antartico sulla massa terrestre si va perdendo ad un tasso di circa 147 miliardi di tonnellate ogni anno.

Spinto in gran parte dai forti venti freddi, il ghiaccio marino soffia fuori dal continente.
Per Tony Worby, capo esecutivo dell' Antarctic Climate and Ecosystems Cooperative Research Centre, questi venti a loro volta stanno producendo la riduzione dello strato di ozono e di gas a effetto serra.

"Questa è gran parte del motivo per cui l'estensione del ghiaccio marino è dove è", ha detto il professor Worby. "Perché stiamo assistendo a cambiamenti nei modelli del vento attorno all'Antartide, stiamo anche assistendo ai cambiamenti nella distribuzione del ghiaccio del mare."

A 1,2 per cento di crescita per decennio, la crescita potrebbe sembrare bassa, ma il suo effetto è molto diffuso, secondo Rob Wooding, general manager dell'Australian Antarctic Division.

"Su gran parte del continente antartico, la sfida del ghiaccio marino sta diventando sempre più grande", ha detto Wooding.

Per 51 anni, nella vecchia stazione di Mawson, il ghiaccio non era fuoriuscito, almeno in parte, dal suo porto per diversi anni.

 "Nella stagione 2013-14 non abbiamo potuto avvicinarci a Mawson a causa del ghiaccio marino. Abbiamo dovuto portare il carburante lì in elicottero, che è inadeguato per la sostenibilità a lungo termine della stazione." ha spiegato il professore.

Problemi analoghi sono stati riscontrati dalle spedizioni francesi e giapponesi, che hanno trovato solo ora il modo di fornire le loro basi sul mare ghiacciato.

Il Professor Worby ha detto che le previsioni del ghiaccio marino dovrebbero migliorare, affinchè le navi non subiscano la sorte dell'Akademik Shokalskiy, rimasto bloccato nel ghiaccio marino per 15 giorni l'anno scorso, costringendo il salvataggio di 52 persone da una spedizione privata.


"Al momento l'Antartide e la zona di ghiaccio marino in particolare, sono solo alcuni dei dati di più regioni sparse sulla Terra", ha detto il professor Worby.

Per sfidare il ghiaccio marino, l'Australia ha progettato il nuovo costoso icebreaker, descritto dal Primo Ministro Tony Abbott come una parte importante per la sicurezza economica e nazionale dell'Australia. La nave, che sarà commissionata dal 2019, avrà la capacità di rompere il ghiaccio di 1.65m a tre nodi, rispetto ai limiti delle uscenti "Aurora Australis" di 1,23 metri a 2,5 nodi.

Fonte notizia: www.smh.com.au 

Immagini: www.timeshighereducation.co.uk- www.seafilms.com.au

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria