Il Summit sul clima di Parigi finanziato dai grandi inquinatori

Ne avevamo parlato QUI e ne parliamo ancora poichè c'è da parlarne.

Circa il 20% dei 170 milioni di dollari del costo della conferenza sul clima di dicembre PARIGI COP 21 proviene da aziende quali Saint-Gobain, Nissan-Renault, IKEA, BNP Paribas, Air France, Michelin...  E fin qui, nulla da obiettare. Quando però, a sovvenzionare il summit sul clima di Parigi, dove il nemico principale da abbattere sono le emissioni inquinanti da combustibili fossili, ci metti aziende del calibro di EDF e la maggiore azienda elettrica francese Engie (precedentemente GDF Suez), che investe in combustibili fossili, oltre ad Air France, be', probabilmente ci sarebbe qualcosa da dire.

Il vertice sul clima delle Nazioni Unite di Varsavia del 2013, patrocinato da grandi inquinatori, tra i quali General Motors, culminò  in un sciopero senza precedenti da parte degli ambientalisti, furiosi per la mancanza di progressi, accusando il lobbying internazionale delle imprese di combustibili fossili.

Gli stessi alti funzionari sul clima francesi dicono che le aziende di combustibili fossili e i grandi emettitori di carbonio che sponsorizzano il vertice sul clima di Parigi sono "una parte del problema" che i delegati affronteranno, ma il loro patrocinio era inevitabile per motivi finanziari.

"Il nocciolo della questione è che abbiamo effettivamente bisogno di qualche finanziamento da parte del settore privato per far fronte alle spese della conferenza di Parigi", ha detto al Guardian un funzionario dell'organizzazione del summit. "Se dovessimo solo chiedere sostegno da parte delle aziende più consistenti tecnologie pulite, molti dei quali sono relativamente piccole, non avremmo raggiungere questo obiettivo."

"Il mondo è imperfetto e stiamo cercando con un grande senso di urgenza di muoverci in una direzione migliore. Pensiamo che dovremmo lavorare con coloro che possono essere parte del problema per il momento, ma che sono sulla strada giusta, e seriamente interessati a migliorare la situazione. Non è una scelta perfetta. Si tratta di una scelta pragmatica, ma abbiamo dovuto farlo ", ha aggiunto il funzionario.

Pare comunque che gli organizzatori del vertice di Parigi hanno già rifiutato le offerte di assistenza finanziaria da alcune aziende di combustibili fossili perché grandissimi inquinatori. Queste offerte sono state considerate "non compatibili con lo spirito del COP 21" e non sincere nei loro obiettivi.

Ma una dichiarazione congiunta di cinque associazioni ambientaliste, tra cui Friends of the Earth Europe and 350.org mettono in dubbio la sincerità dei piani del governo francese, alla luce della lista degli sponsor.

I gruppi verdi hanno sostenuto che Air France si era opposto alla riduzione delle emissioni nel settore dell'aviazione mentre Engie è stata responsabile per le emissioni di carbone pari a quasi la metà della produzione annua di carbonio della Francia. Inoltre, BNP Paribas è stato identificato come una delle 10 banche top globali finanziatrici di carbone tra il 2005 e il 2013, nel campo della ricerca per Bankwatch, il Network che lavora in tutta la regione dell'Europa centrale e orientale per monitorare le attività delle istituzioni finanziarie internazionali e proporre alternative ambientali e sociali costruttive alle politiche e ai progetti che supportano.


Immagini: www.theguardian.com - brandingsource.blogspot.it

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria