Passa ai contenuti principali

Il Summit sul clima di Parigi finanziato dai grandi inquinatori

Ne avevamo parlato QUI e ne parliamo ancora poichè c'è da parlarne.

Circa il 20% dei 170 milioni di dollari del costo della conferenza sul clima di dicembre PARIGI COP 21 proviene da aziende quali Saint-Gobain, Nissan-Renault, IKEA, BNP Paribas, Air France, Michelin...  E fin qui, nulla da obiettare. Quando però, a sovvenzionare il summit sul clima di Parigi, dove il nemico principale da abbattere sono le emissioni inquinanti da combustibili fossili, ci metti aziende del calibro di EDF e la maggiore azienda elettrica francese Engie (precedentemente GDF Suez), che investe in combustibili fossili, oltre ad Air France, be', probabilmente ci sarebbe qualcosa da dire.

Il vertice sul clima delle Nazioni Unite di Varsavia del 2013, patrocinato da grandi inquinatori, tra i quali General Motors, culminò  in un sciopero senza precedenti da parte degli ambientalisti, furiosi per la mancanza di progressi, accusando il lobbying internazionale delle imprese di combustibili fossili.

Gli stessi alti funzionari sul clima francesi dicono che le aziende di combustibili fossili e i grandi emettitori di carbonio che sponsorizzano il vertice sul clima di Parigi sono "una parte del problema" che i delegati affronteranno, ma il loro patrocinio era inevitabile per motivi finanziari.

"Il nocciolo della questione è che abbiamo effettivamente bisogno di qualche finanziamento da parte del settore privato per far fronte alle spese della conferenza di Parigi", ha detto al Guardian un funzionario dell'organizzazione del summit. "Se dovessimo solo chiedere sostegno da parte delle aziende più consistenti tecnologie pulite, molti dei quali sono relativamente piccole, non avremmo raggiungere questo obiettivo."

"Il mondo è imperfetto e stiamo cercando con un grande senso di urgenza di muoverci in una direzione migliore. Pensiamo che dovremmo lavorare con coloro che possono essere parte del problema per il momento, ma che sono sulla strada giusta, e seriamente interessati a migliorare la situazione. Non è una scelta perfetta. Si tratta di una scelta pragmatica, ma abbiamo dovuto farlo ", ha aggiunto il funzionario.

Pare comunque che gli organizzatori del vertice di Parigi hanno già rifiutato le offerte di assistenza finanziaria da alcune aziende di combustibili fossili perché grandissimi inquinatori. Queste offerte sono state considerate "non compatibili con lo spirito del COP 21" e non sincere nei loro obiettivi.

Ma una dichiarazione congiunta di cinque associazioni ambientaliste, tra cui Friends of the Earth Europe and 350.org mettono in dubbio la sincerità dei piani del governo francese, alla luce della lista degli sponsor.

I gruppi verdi hanno sostenuto che Air France si era opposto alla riduzione delle emissioni nel settore dell'aviazione mentre Engie è stata responsabile per le emissioni di carbone pari a quasi la metà della produzione annua di carbonio della Francia. Inoltre, BNP Paribas è stato identificato come una delle 10 banche top globali finanziatrici di carbone tra il 2005 e il 2013, nel campo della ricerca per Bankwatch, il Network che lavora in tutta la regione dell'Europa centrale e orientale per monitorare le attività delle istituzioni finanziarie internazionali e proporre alternative ambientali e sociali costruttive alle politiche e ai progetti che supportano.


Immagini: www.theguardian.com - brandingsource.blogspot.it

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…