Passa ai contenuti principali

Il valore stratosferico degli oceani nel contesto mondiale


Gli oceani coprono circa il 71 per cento della superficie terrestre e il loro valore è incalcolabile sia per il pianeta che per l'umanità. Essi sono una risorsa naturale vitale, complessa e totalizzante che va dalle risorse alimentari, fondamentali in molte parti del mondo, all'energia rinnovabile, e come potenziale serbatoio di approvvigionamento idrico. Inoltre, molte zone ancora inesplorate lungo il fondale marino, potrebbero contenere riserve sfruttabili di minerali, petrolio e gas naturale, risorse necessarie per tenere il passo con la domanda in costante aumento dell'umanità.

Ancora più importante, gli oceani globali sono le arterie vitali dell'economia mondiale con circa il 70 per cento del commercio marittimo mondiale e contribuiscono a proteggerci dai peggiori impatti dei cambiamenti climatici.

Messo in un contesto internazionale, se l'oceano fosse un Paese sarebbe la settima più grande economia mondiale, posizionandosi tra il PIL (prodotto interno lordo) del Regno Unito e quello del Brasile, afferma il nuovo rapporto del WWF International (realizzato in associazione con The Global Change Institute e il Professor Ove Hoegh-Guldberg, così come The Boston Consulting Group), che si prefigge di dare un valore agli oceani del mondo e ne stima il valore economico patrimoniale ad almeno 24 trilioni di dollari.

Tuttavia, questa è ancora una stima prudente, dato che sono contabilizzate solo le "uscite dirette (pesca, acquacoltura), i servizi abilitati (turismo, istruzione), il commercio e il trasporto (navigazione costiera e oceanica) e i benefici (sequestro del carbonio, la biotecnologia)".

Dato che "molti dei principali servizi ecosistemici fondamentali sono difficili da quantificare" non compresi in questa valutazione sono "uscite che non sono generate di per sé dall'oceano, come quelle del petrolio e gas o energia eolica, e preziosi beni immateriali, come il ruolo svolto dall'oceano dinel regolare il clima, la produzione di ossigeno e la stabilizzazione della temperatura del nostro pianeta. "

Intrinsecamente, l'oceano non ha prezzo. Perché  "il valore effettivo del mare è molto più alto." La civiltà umana non sarebbe durata molto a lungo senza di esso. Ma mettendo un valore monetario alle sue vaste risorse, i ricercatori sperano di illustrare ciò che ci costerà se l'inquinamento marino, la pesca eccessiva, la distruzione degli habitat marini e il cambiamento climatico continueranno senza che si riesca a correggerli. L'oceano sta diventando sempre più la discarica finale dei rifiuti della civiltà moderna.

"Gli oceani del pianeta sono il capitale naturale, una "fabbrica" che produce un incredibile gamma di prodotti e servizi necessari che tutti noi vogliamo,"  ha detto Brad Ack, WWF senior vice president for oceans. "Ma ogni giorno li stiamo inquinando sempre di più. Le condizioni del mare peggiorano costantemente: l'economia dell'oceano è già debole e la sua produzione è ad un punto di rendimento decrescente" indica il rapporto.

Il WWF chiede un'azione immediata per combattere il cambiamento climatico, che potrebbe anche contribuire a ridurre gli impatti di rovescio del riscaldamento globale, l'acidificazione degli oceani, il fenomeno che sta sconvolgendo l'equilibrio chimico dei mari. 

Leggi QUI l'intero rapporto del WWF, che rende il caso economico per la conservazione degli oceani e dettaglia una pletora di minacce per i nostri oceani e propone otto azioni per ripristinare e  garantire il "fondo di ricchezza condivisa" del mare.

Immagini: wwf.panda.org- www.takepart.com

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…