Passa ai contenuti principali

Palmyra, la mitica città dell'imperatrice Zenobia

Nelle case distrutte dell'antica Palmyra sventolano orgogliosamente le bandiere nere dello Stato Islamico. Anche sui templi della citta incantata, della sposa del deserto, come fu sopranominata, sventolano le bandiere nere. I combattenti dell'IS hanno preso Palmyra, distruggendo alcune moderne statue di gesso e sollevando la loro bandiera sull'antico castello che domina le rovine romane. I suoi resti antichi, invece, saranno, probabilmente, rivenduti all'Occidente, riempendo le loro casse, così con il petrolio e il gas dei suoi giacimenti.

Palmyra significa avere il controllo di tutti i valichi principali tra l'Irak e la Siria e il controllo dell'unica via di accesso a sud ovest, su Damasco, dove il il presidente siriano Assad è come assediato nella sua capitale. E come se non bastasse, con la dovuta amplificazione che si da alla notizia, parte integrante della strategia, l'ISIS alza la posta, annunciando un attacco nel cuore dell'America, un'operazione clamorosa, senza precedenti, usando l'arma nucleare, acquistata dal Pakistan e contrabbandata attraverso la Libia, un altro Paese in balia di grandi trasformazioni.

Per le strade di quella che fu la capitale del deserto, oggi patrimonio dell'Unesco, restano ora  allineati i cadaveri di almeno 400 civili, in maggioranza donne e bambini, rei, secondo i combattenti jihadisti, di collaborazionismo con le forze governative.

La magica Palmyra, creata su una sorgente resa ricca da palme, ulivi e melograni, edificata con giganteschi massi, "la città segreta" del deserto siriano, già crocevia di carovane e di fiorenti commerci, rimasta sepolta per 14 secoli, fu una importante metropoli, capitale di uno Stato che servì da tramite tra Parti e Romani. Le carovane provenienti dall'Arabia e dalla Persia, dalle Indie e persino dalla Cina attraversavano l'oasi di Palmyra per raggiungere le coste del Mediterraneo orientale.

Anticamente Palmyra si chiamava Tadmor, che significa "posto di guardia". Fu poi l'imperatore Adriano ad attribuire all'avamposto carovaniere, divenuto nel frattempo vera e propria città, il nome di Hadriana Palmyra verso il 120 d.C., quando ormai i romani avevano affermato il loro dominio sulla zona.

"Abbiamo creato tutte le cose viventi a partire dall'acqua" insegna Allah nel Corano, e questo è tanto più vero nel deserto, dove le sorgenti scaturiscono come per miracolo, dando vita alle oasi, veri e propri porti nel mare di sabbia e rifugio di nomadi.

Ai tempi dell'imperatore romano Galieno, Palmyra era nelle mani dell'imperatrice Zenobia, vedova di Odonato, insignito dai romani con i titoli di "imperator" e "corrector" di tutto l'Oriente. La donna, a cui non era stato esteso dai romani l'autorità imperiale, come lo era stato per il marito, esercita il potere per conto del secondo figlio Wahballat e sconfigge le truppe di Galieno, consolidando la potenza di Palmyra e conquistando parte dell'Egitto e l'Asia Minore.

Nel 270 però Aureliano pose fine al grande sogno di Zenobia, la quale, non accontentandosi delle concessioni offerte al figlio Wahballat, proclamò l'indipendenza di Palmyra, battendo anche moneta raffigurante la sua effigie oltre quella del figlio. Per Aureliano è troppo: mettendosi personalemte alla testa delle sue truppe, penetra in Asia Minore e ha la meglio sull'esercito di Zenobia, inseguendolo fino a Palmyra e cingendo d'assedio la città.

L'indomita Zenobia riesce però a fuggire oltrepassando le linee nemiche, per chiedere aiuto ai Persiani, ma viene catturata e condotta al campo di Aureliano.

Poco dopo, nel 272, Palmyra si arrende e la sorte di Zenobia si perde nella leggenda. Non si sa bene come, però. Secondo lo storico bizantino Zosimo, che racconta come due oracoli avessero predetto la sua sconfitta, Zenobia sarebbe morta di stenti sulla strada verso Roma dove, invece, secondo altre fonti, vi sarebbe giunta al seguito del carro trionfale dell'imperatore romano, carica di catene d'oro.

Nel 273 d.C. della splendida metropoli carovaniera non restarono che le rovine anche se, grazie alla presenza dell'acqua, il luogo non fu mai del tutto abbandonato.

Immagini: blessedistruth.wordpress.com - www.aljazeera.com - judithweingarten.blogspot.it

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…