Passa ai contenuti principali

Ambiente: ora, bisogna soltanto agire

A parlare con troppa enfasi delle malformazioni ambientali che stanno compromettendo gravemente i meccanismi del nostro pianeta, si rischia di passare per fanatici e disfattisti.  Tuttavia, non è il caso del sottoscritto, che scrive di queste cose da 10 anni, consapevole che non ci si può privare di colpo di tutte quelle comodità (consumo sfrenato di tutto ciò che è plastica, congegni elettronici, spreco d'acqua, inquinamento del suolo... ) a cui siamo abituati (uso indiscriminato di combustibili fossili, maggiormente).

Ora, però, bisogna soltanto agire, agire globalmente per tentare di salvare il nostro pianeta e noi stessi. E' una faccenda improcrastinabile, a cui dobbiamo far fronte con molta energia, se vogliamo evitare quel giorno in cui ai nostri figli e ai nostri nipoti  sembrerà di vivere, non su un pianeta sano, meraviglioso, desiderabile, bensì all'interno di un forno.

Ai miei tempi le stagioni erano quattro, ma quattro veramente! L'estate faceva caldo, ma era un caldo sopportabile. I frutti degli alberi erano migliori, più saporiti, gustosi e di dimensioni regolari. L'inverno faceva freddo: era una stagione che durava come minimo tre mesi di filato. L'autunno cadevano le foglie e arrivavano le prime abbondanti piogge e i venti freschi, e col primo fresco era anche meno traumatico il ritorno a scuola. Quando si approssimava la primavera te ne accorgevi dal colore vivido dell'erba dei prati e dei fiori e poi il sole ti rigenerava dopo i mesi invernali

Il clima era diverso: meno macchine, meno aerei, meno deforestazione, e le foreste, alcune, ancora vergini, facevano respirare meglio il pianeta. E non sto parlando di un tempo molto lontano, ma degli anni 70 e 80 del secolo scorso.

I principali inquinatori di anidride carbonica, pur essendo consapevoli del danno che stanno causando al pianeta, continuano a estrarre e vendere i combustibili fossili. Ma anche molti di noi fanno ben poco per tenere in salute il nostro mondo.

Siamo però incoraggiati dalla Enciclica sull'ambiente "Laudato si', sulla cura della casa comune" di Papa Francesco, impegnato in prima persona sul problema del clima, che condanna questo modo sfrenato (e incosciente) di vivere. L'enciclica sembra fatta apposta per avere un impatto massimo sul pubblico, dare quindi il destro a Barak Obama in vista della riunione che li vedrà assieme come oratori al Congresso degli Stati Uniti e all'assemblea generale delle Nazioni Unite che si terrà a settembre. Sarà forse questo importante evento lo spartiacque alla questione ambientale che tanto ci affligge?  Di certo, sarà una grossa occasione da sfruttare, un'opportunità che potrà darci lo sprono ad agire con una protesta globale che chieda di porre più attenzione verso le anomalie climatiche che imperversano, ormai senza freno, causate dalle insensate attività umane.

Immagine: www.123rf.com


I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…