Passa ai contenuti principali

Donne Masai: le missionarie dell'energia solare


Loro, le donne, si alzano presto al mattino e si coricano tardi la notte, dopo ore di intenso lavoro.

La mancanza di piogge in questa zona significa che loro, le donne, soffrono di più perché debbono camminare di più ogni giorno per chilometri e chilometri su sentieri impervi e dal suolo impoverito a cercare pascoli e a prendere l'acqua, che portano in anfore troppo grandi per loro, ma che serve per cucinare o dissetare la famiglia o la comunità in cui vivono.

Succede in Africa, tra le donne Masai.

Nella cultura Masai, le donne non posseggono nulla, niente eredità e un'intera vita sotto l'autorità degli uomini.

Sino a qualche tempo fa, il crepuscolo era un momento di forte disagio per la gente di Magadi, un villaggio nella contea di Kajiado, nel Kenya. Al tramonto, gli agricoltori cominciavano a preoccuparsi per il loro bestiame, facile preda di iene e leopardi. I bambini accendevano il fuoco per terminare il loro lavoro scolastico, riempiendo le case di fumo.

Ora, come scende il buio, le luci guizzano sul villaggio, grazie all'impegno profuso da più di 200 donne Masai, loro, sempre loro, anche in prima linea nella rivoluzione solare.

Tutto ciò è stato possibile grazie a Green Energy Africa, che vede il sole come una grande risorsa per la comunità, e punta sulle donne affidando loro incarichi importanti.

Dopo un adeguato corso di formazione, Renewable Energy Project (WEREP), un'iniziativa di Green Energy Africa, trasforma le donne Masai in installatori di pannelli solari, incoraggiandole a commercializzare il concetto di energia pulita ad altri pastori.

Fornite di campionari composti da pannelli solari, piccole batterie ricaricabili ed altri prodotti, con un significativo sconto, le donne vendono i prodotti, con un buon profitto (300 scellini = R40) per ciascuna, che va sul conto del gruppo per acquistare il resto dello stock.

Per trasportare il loro materiale solare di casa in casa nella remota regione, le donne, utilizzano gli asini, dando in tal modo alle famiglie il loro primo accesso all'acqua pulita e ad una energia affidabile.

"Per noi, l'impatto della tecnologia solare è senza precedenti", ha detto Jackline Naiputa, che dirige il gruppo Osopuko-Edonyinap, uno dei gruppi di cinque donne che fanno conoscere l'energia alternativa nella zona.

Naiputa, che nel 2014 ha perso 10 capre, ha detto che suo figlio adolescente trascorreva le notti fredde nel recinto del bestiame per proteggere il loro gregge. Ora, con le lampade solari installate attorno, Naiputa e i suoi quattro figli possono dormire sonni tranquilli nel calore della loro casa.

"La luce spaventa le iene a distanza, quindi non c'è da preoccuparsi di perdere gli animali di notte," ha detto.

Stand Up Africa

Immagini: raspberryketonehealth.com 

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…