Passa ai contenuti principali

Idrogeno: la migliore fonte di energia rinnovabile del futuro

H2 Energy Now, una start up israeliana nel campo tecnologico, é stata invitata ad una delle più prestigiose manifestazioni europee per la sua tecnologia di energia alternativa basata sulle onde radio..

Si sa che uno dei maggiori problemi che limitano l'adozione delle energie rinnovabili quale fonti di energia su larga scala, è la difficoltà e la spesa d'immagazzinamento dell' energia. Le batterie sono costose, pesanti, e possono contenere solo una quantità limitata di energia. Secondo molti esperti del settore, le fonti di energia rinnovabili, come l'energia solare ed eolica, non saranno adottate su vasta scala fino a quando il problema di stoccaggio non sia risolto.

Le energie alternative dipendono dal sole splendente, dal vento che soffia  e dall'acqua  corrente affinchè possano essere utilizzate come energia pulita e rinnovabile.

Ora, appunto NOW H2energy Now ritiene di avere la soluzione di stoccaggio dell'energia che consentirà alla società di adottare facilmente l'energie alternative.

L'alimentazione a idrogeno non è nuova. Fino alla fine del 1700 è stato utilizzato sperimentalmente nelle macchine di potenza, ma ciò che è nuovo è l'uso di onde radio per abbattere idrogeno e ossigeno.

La tecnologia é così promettente che l'Unione europea ha invitato H2energy Now all'Alpine High-tech Venture Forum, promosso da Eureka, the EU’s R&D framework organization. H2energy Now è la prima società israeliana ad essere invitata al Forum, giunto al suo 15° anno.

"Abbiamo sviluppato il metodo più efficiente per l'immagazzinamento dell'energia - usando solo onde radio e, che ci crediate o no", ha detto Sonya Davidson (immagine lato), presidente e CEO della società, parlando con il Times di Israele della sua start-up, ad un evento di tecnologia a Ashdod. "La nostra soluzione tecnologica si basa sull'acqua, la base della vita. Ma c'è molto di più nell' acqua; essa ha il potere di immagazzinare l'energia, e di fare l'energia - in forma di idrogeno - è proprio dentro l'acqua ".

Il sistema di H2energy Now utilizza acqua fresca o salata, che viene filtrata in gocce. Ogni goccia viene "inviata" con le onde radio,  con una frequenza che può "smuovere" il legame idrogeno-acqua sufficiente per separare i due gas.

Se si utilizza acqua salata, il sale appena scende dall'acqua evapora in due gas (un problema su cui Davidson sta ancora lavorando  è cosa fare dell'enorme quantità di sale che sarebbe generato se il sistema dovesseessere ampiamente adottato).

Una volta "liberato", l'idrogeno può essere conservato in un contenitore leggero, pronto per essere trasformato in elettricità, carburante, o qualsiasi altro sostituto combustibile fossile. Secondo Davidson, lo stoccaggio dell'idrogeno è perfettamente sicuro, e infatti le case automobilistiche Nissan e Honda - così come le imprese di trasporto pubblico dalla California in Israele per la Cina - utilizzano l'idrogeno per i loro veicoli, con serbatoi di stoccaggio dell'idrogeno che sono progettati

 L'Unione Europea ha investito un miliardo di euro in sicure soluzioni di stoccaggio dell'idrogeno e gli STATI UNITI hanno speso 950 milioni di dollare per perseguire tali soluzioni. "Lo fanno perché vedono l'idrogeno come la migliore fonte di energia rinnovabile del futuro ", ha detto Davidson

Immagine e video: www.youtube.com - www.f6s.com

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…