Il ritardo del trasporto aereo sulla riduzione delle emissioni inquinanti


Il termine ultimo delle Nazioni Unite di istituire meccanismi di offset nel corpo dell'aviazione nel 2016 non sarà raggiunto, ritardando, in tal modo, l'azione verde del trasporto aereo sui cambiamenti climatici.

La crescita del numero dei passeggeri e di nuovi vettori che solcano i cieli, ritardano gli obiettivi dell'industria aeronautica, che mira a conseguire "una crescita carbon-neutral" da raggiungere entro il 2020: é un obiettivo volontario di dimezzare le emissioni ai livelli del 2005 entro la metà del secolo. L'impronta di carbonio del settore aereo è  equivalente al settimo paese più grande del mondo.

Secondo un funzionario che partecipa alla discussione del problema, non ci sarà uno strumento chiave per ribadire le emissioni delle compagnie aeree, che verrà adottato dalla International Civil Aviation Organization’s (ICAO), nel prossimo incontro nel 2016. Andreas Hardeman, vice direttore dell' ICAO, ha detto che un meccanismo di compensazione non sarebbe pronto per il congresso triennale. "Ci sarà un sistema completamente sviluppato in tempo per ICAO? No. Ci sono stati un sacco di progressi, ma c'è ancora un sacco di lavoro da fare il prossimo anno per ottenere gli stati e gli operatori pronti per quest, "ha detto al Carbon Expo a Barcellona.

In base alle proposte, a partire dal 2020 le compagnie aeree dovranno compensare la crescita delle emissioni di crediti di carbonio indirizzate verso investimenti per progetti di riduzione di CO2, come un parco eolico nel Nepal, ad esempio.

L'industria favorisce un meccanismo basato sul mercato come il modo più efficace per regolamentare le emissioni.

Allo stato attuale, solo i voli all'interno dello spazio aereo dell'European Economic Area sono soggetti ad alcun tipo di tassa carbonio, essendo inclusi nel sistema di scambio di emissioni dell'UE. Le proposte di estendere ai collegamenti aerei con destinazioni al di fuori dell'Unione europea sono state ritirate. Di conseguenza, gli occhi di tutti sono puntati sullo schema dell' ICAO per offrire un piano completo per le emissioni.

I trasporti aerei incidono per circa il 2% delle emissioni globali di gas serra, e il 13% di quelli da trasporto. Sono circa 3,1 miliardi le persone che volano all'anno, tre volte il numero di 30 anni fa.

"Il trasporto aereo è un settore internazionale come pochi altri," dice Niclas Svenningsen, operatore sui cambiamenti climatici presso le Nazioni Unite. "Non è esplicitamente incluso nel processo UNFCCC."

Le emissioni, visibili nel cielo sotto forma di sentieri condensati, sono difficili da regolare poichè appartengono a tutti e nessuno. Poi, scarseggia la volontà politica dei paesi e dell'industria.  

Una questione chiave sarà l'accordo di forti criteri di ammissibilità in modo che i crediti utilizzati rappresentano riduzioni di emissioni reali e non provocano danni ambientali e sociali.

Immagine: ecowatch.com