Guerra alle zanzare: uno studio ne indica la via

Tra tutti gli animali e insetti, le zanzare uccidono il maggior numero di persone con quasi un milione di morti ogni anno.

Un nuovo studio sul comportamento di questi fastidiosi insetti messo a punto da un team della University of Washington e il California Institute of Technology,  rivela che le zanzare hanno sviluppato una tripla minaccia mettendo in campo segnali visivi, olfattivi e termici per individuare gli esseri umani e poi morderli. Con l'aiuto della loro eccezionale capacità di fiuto, le zanzare individuano i corpi a sangue caldo e poi usano gli altri sensi, tra cui la visione di succhiare il sangue del bersaglio.

Le zanzare possono sentire l'odore di anidride carbonica  (CO2), un gas che gli esseri umani e gli altri animali espirano naturalmente, dai 10 ai 50 metri di distanza. Poi la zanzara si avvicina verso la preda e ad una distanza di 5 a 15 metri inizia a studiare la propria strategia.  Poi, guidata da segnali visivi si muove più vicino al corpo dell'ospite e quando è quasi ad 1 metro di distanza inizia a sentire il calore corporeo dell'ospite. Finalmente decide dove colpire e si fionda come un kamikaze col suo morso sulla posizione individuata... lasciando il suo pruriginoso segn

Lo studio aiuterà gli scienziati a progettare repellenti per zanzare più efficaci nel prossimo futuro, di modo che la puntura di una zanzara può essere evitato, e di conseguenza anche diverse morti.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Science Direct.

By "il post della domenica" 

Immagine: www.washington.edu/