Kepler 452B, il pianeta che ci sta mettendo sulla buona strada


Siamo soli nell'Universo? La domanda che ha afflitto sempre pensatori, scienziati, mistici, luminari di tutti i tempi, a cui nessuno però ha mai dato una risposta.

E se fossimo soli davvero?! 


SI. Si, siamo sempre stati soli nell'Universo. La razza umana è sempre stata sola. E se il nuovo pianeta di cui ora parleremo avesse già avuto la vita; e se prima di esso un altro pianeta lontano aveva avuto la vita... fino a che la vita non è diventata più possibile (alte temperature, ribollimento degli oceani, effetto serra megalattico, cataclismi uno dietro l'altro...)...

Ora è il turno della Terra, che un giorno lontano (sperando che l'uomo non combini troppi casini per anticiparlo), sposterà la vita su un altro pianeta... in una mitica staffetta interspaziale in cui solo la vita prende il testimone, perché il pianeta, che sino a quel momento aveva reso possibile la vita, allo stadio raggiunto, non è più in grado di farlo.

Ma torniamo a noi.

Grazie al telescopio spaziale Kepler, la Nasa ha annunciato di aver scoperto un pianeta abbastanza simile alla nostra Terra (Kepler 452B). Il sole lassù ha infatti dimensioni solo leggermente più grandi rispetto alla nostra stella madre. Sul suolo potrebbero scorrere fiumi, e in cielo potrebbero formarsi nubi e temporali, simili a quelli a cui siamo abituati noi. Anche nelle dimensioni il nuovo pianeta è simile alla Terra: il suo diametro è, infatti, di 7000 km superiori a quello terrestre.


Il resto dell'articolo su thesundaypost.blogspot.it (il post della domenica)

Immagine: www.bigquestionsonline.com

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria