Oibò! Il riscaldamento ha superato il punto di non ritorno


Il nuovo rapporto sullo stato attuale del clima del US National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) informa che il riscaldamento dell'oceano supera il punto di non ritorno.

Anche se i livelli di gas serra fossero azzerati, dicono i ricercatori, si prevede che gli oceani continuino a riscaldarsi.

Il rapporto ha rivelato che i livelli del mare, i gas ad effetto serra, lo scioglimento dei ghiacciai, le tempeste tropicali e le temperature hanno toccato livelli record dello scorso anno, mentre la perdita di ghiaccio marino é continuata. I risultati sono basati sul lavoro di 413 scienziati indipendenti di 58 paesi.

Greg Johnson, oceanografo presso il Pacific Marine Environmental Laboratory del NOAA, ha dichiarato: "Anche se dovessimo bloccare i gas serra ai livelli attuali, il mare  continuerebbe a riscaldarsi per secoli e millenni, e continuerebbe a scaldare e ampliare il livello del mare, che tenderà ad aumentare."

Il livello globale dei mari ha anche raggiunto un livello record, con l'espansione di quelle acque riscaldate che mantengono il passo di 3.2 ± 0.4mm  annuo con in aumento del livello del mare nel corso degli ultimi due decenni.

Quattro set di dati indipendenti hanno confermato lo scorso anno come l'anno più caldo mai registrato, con gran parte di quel calore azionato dal riscaldamento degli oceani. A livello globale, gli oceani assorbono il 90% del calore in eccesso causato dalla crescita delle emissioni di gas a effetto serra.

I gas serra hanno contiunato a salire con maggiori concentrazioni di gas a effetto serra: anidride carbonica, metano e protossido di azoto; che hanno raggiunto  massimi storici. Lo scorso anno le concentrazioni di anidride carbonica in atmosfera è aumentato dello 1,9 ppm., per una media globale di 397,2 ppm, dai 354 ppm nel 1990.

La temperatura media globale sulla terra è stata la più calda dall'inizio delle rilevazioni nel 1880. La temperatura media annuale dello scorso anno è stato 0,37-0,44 ° C superiore alla media 1981-2010, e 0,88 ° C superiore a quella del 1880.


Più di 20 paesi in Europa hanno stabilito nuovi record di alta temperatura. Come continente, un nuovo record è stato fissato per l'Africa. L'Australia ha avuto il suo terzo anno più caldo mai registrato, il Messico ha avuto il suo anno più caldo mai registrato, e Argentina e Uruguay ognuno ha avuto il secondo anno più caldo mai registrato. Il Nord America orientale è stata l'unica grande regione a sperimentare temperature annuali inferiori alla media.

Le temperature della superficie del mare hanno raggiunto livelli record La media globale della temperatura superficiale del mare è stata la più alta mai registrato. Il calore è stato particolarmente rilevante nel Pacifico settentrionale.


L'Artico ha continuato a scaldarsi; l'estensione del ghiaccio marino è rimasta bassa.

L'Artico ha registrato il quarto anno più caldo dall'inizio delle rilevazioni nel 20esimo secolo. Lo scioglimento della neve artica si è verificato circa 20-30 giorni in anticipo rispetto alla media 1998-2010. Sul versante nord dell'Alaska, temperature elevate a 20 metri di profondità sono state registrare da quattro dei cinque osservatori sul permafrost.

La minima estensione del ghiaccio marino artico ha raggiunto 5,02 milioni di chilometri quadrati, il il 17 settembre, la sesta più bassa poiché le osservazioni del satellite sono iniziate nel 1979.


I cicloni tropicali sono stati invece sopra la media generale: ce ne sono stati 91 lo scorso anno, ben al di sopra delle 82 tempeste tra 1981-2010. Stanno aumentando nella frequenza e nella forza.

E ancora mancano i dati di questo caldissimo periodo che stiamo vivendo! Probabilemte, avranno frantumato ogni record!

Eh si! Siamo proprio messi male, miei cari e pazienti lettori. Più che una rivoluzione verde qui ci vuole un vero miracolo. L'uomo ha causato tutto questo e l'uomo dovrà pagarne il prezzo. Anche noi che con le scelte politiche ambientali degli scorsi decenni non c'entriamo nulla, dobbiamo pagare l'errore di politicanti e multinazionali incoscienti... Che ingiustizia! Che errore madornale ha compiuto l'uomo!

Ma forse, con la follia che annaspa ancora nelle nostre teste calde (nel vero senso del termine, però), che non guasta mai, possiamo provare a fare qualcosa: agire con la testa  e cambiare il mondo.


 Immagine: defence.pk

- www.greenleft.org.au