Passa ai contenuti principali

Papa Francesco tra evangelizzazione e culti pagani nella delicata visita in Bolivia

Questa volta "uno sguardo sul mondo" si sofferma sulla seconda visita di Papa Francesco nel suo continente, "quasi alla fine del mondo", come disse dal balcone di San Pietro nel giorno della sua elezione. Stavolta tocca ad Ecquador, Bolivia e Paraguay, tra differenze sociali e baraccopoli che parlano di miseria. Queste tre nazioni, che sono le più piccole e più povere del Sud America, si stanno preparando con l'entusiasmo tipico di questi popoli. Francesco porterà un messaggio di solidarietà per gli oppressi.

A Quito, Ecuador, il pontefice  è stato accolto da una folla grandissima. Da qui si recherà poi in  aereo a Guayaquil, porto sull'Oceano e seconda città del Paese, dove celebrerà la messa nel Parque de Los Samanes. Quindi pranzerà con la comunità dei gesuiti del Collegio Javier.

Francesco, che dopo  l'Ecuador, andrà in Bolivia e Paraguay, ha espresso ieri la sua vicinanza all'Ecuador nelle sfide per lo sviluppo.


Sarà però in Bolivia la visita più critica, anche se lo stanno aspettando con grande gioia e fede. Sarà interessante seguirlo nell'incontro con il Presidente Morales, primo presidente indigeno del Paese, che spesso si è scontrato con la Chiesa.

La Bolivia é una nazione che nutre sacrifici animali e culti pagani e i rapporti tra le comunità indigene e la Chiesa cattolica romana sono piuttosto tesi.

Nella città boliviana di El Alto, una città satellite arroccata sopra la capitale La Paz, Francesco è atteso anche dalle streghe, nel mercato loro dedicato, tra feti di lama secchi (dicono che portano fortuna), appesi nelle bancarelle di latta e guaritori che leggono il futuro nelle foglie di coca e si rivolgono agli antichi spiriti per curare i mali. In fila, per le cure medicinali, donne che indossano cappelli a bombetta e scialli colorati profumati.

"Spero che venga con buone intenzioni e non con lo stesso pensiero del  passato," dice Luisa Quispe, 60 anni, una tra le streghe più apprezzate nel mercato di El Alto.

I dirigenti della Chiesa in Bolivia chiedono una visita di "riconciliazione e di rinnovamento." Il pontefice argentino, cercherà di ricucire gli strappi tra indigeni del paese e i discendenti dei suoi conquistatori coloniali spagnoli, che hanno portato la fede cattolica in Bolivia. Tre su quattro persone nel paese di 10,6 milioni sono cattolici.

"Il papa è un dio europeo, non un Dio andino", dice un guaritore che non vuol dire il suo nome a Huffington Post, temendo rappresaglie del governo. "Sembra assurdo che il governo abbia speso tanti soldi per la visita del papa."

Morales, un indiano Aymara, in carica dal 2006, ha promesso all'inizio della sua presidenza di governare in favore della maggioranza indigena, emarginata dalla classe dirigente, che ha lasciato gli agricoltori poveri dopo che la Spagna ha colonizzato la nazione andina.

Nel 2008, l'ex coltivatore di coca definì la Chiesa cattolica "uno strumento di dominio che porta ingiustizia e disuguaglianza". Un anno dopo, Morales ha sostenuto un referendum costituzionale che ha tolto alla Chiesa cattolica il suo status ufficiale, dichiarando la Bolivia uno stato laico.

Padre José Fuentes, che sta aiutando l'organizzazione della visita del Papa, ha detto che Morales era mosso d'animosità verso la Chiesa cattolica. Ora però, la visita del papa è finalizzata ad aiutare i boliviani a superare le loro differenze.

"Abbiamo bisogno di un incontro tra la popolazione indigena e i discendenti dei colonizzatori spagnoli, tra razze, tra quelli in Bolivia e coloro che hanno dovuto lasciare per la mancanza di giustizia", ​​ha detto Fuentes.

Felix Cardenas, vice-ministro della Bolivia per la decolonizzazione e sostenitore delle modifiche costituzionali del 2009, ha riconosciuto che le riforme hanno danneggiato le relazioni del governo con i leader cattolici conservatori.

Tuttavia, ha citato le preoccupazioni del Papa per l'ambiente come un potenziale ponte. "Sembra un Papa che vuole prendersi cura di Madre Terra", ha detto Cardenas. "Speriamo che il papa possa essere un esempio positivo per gli elementi ulta conservatori della chiesa qui." Masticare la coca sarebbe un segnale forte, il papa apprezza i valori indigeni della Bolivia, ha aggiunto Cardenas. Seguendo l'uso locale Papa Francesco potrebbe masticare una foglia di coca per lenire il malessere quando atterrerà a quota 4000 metri, vicino a La Paz. Il Vaticano ha detto che sarà lui e solo lui a decidere se masticare o no le foglie, che sono uno stimolante delicato, in cui l'ingrediente principale è la cocaina.




Immagini: www.france24.com - blog.gruporosario.com

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…