Passa ai contenuti principali

Parigi Cop21: l'ultima chance per cambiare le cose...


"Non appartiene all'uomo che cammina nemmeno di dirigere il suo passo" (Geremia 10:23). 

Nel corso dei secoli i passi dell'uomo sono spesso stati fallaci. L'uomo non potrà mai liberarsi delle sue ambizioni, dei suoi sogni di gloria, dei suoi interessi personali, del suo sentirsi onnipotente. Seguendo i suoi istinti l'uomo ha sempre avuto voglia di dominare, di contrastare, d'imporsi con violenza sugli altri, di scatenare guerre, di fregarsene del pianeta che ha continuato a saccheggiare, inquinare, impoverirlo delle sue risorse, agendo di solito insensatamente. Per fortuna il pianeta Terra ha dimostrato una straordinaria resistenza e stabilità nell'ospitare la vita, almeno fino ad ora. Ma se si continua così, con questo caldo bestiale che toglie il respiro, se l'uomo non porrà regole nuove, più efficaci, non si sa bene come andrà a finire.

Attualmente ogni anno viene emessa una quantità esorbitante di anidride carbonica in atmosfera corrispondente a 36 miliardi di tonnellate. Questo gas in parte si scioglie negli oceani generando una serie di problemi come l'acidificazione delle acque e un'altra parte si accumula in atmosfera ed è quella CO2 che va ad aumentare l'effetto serra naturale facendo così aumentare anche la temperatura.

Tuttavia, se queste alte temperature, questi mari che lessano i pesci, questo allarmante aumento del livello del mare, questa deforestazione selvaggia, questi repentini cambiamenti climatici che causano uragani, tsunami, cicloni tropicali, super-tifoni mettendo a repentaglio la vita di centinaia di milioni di persone non si placano... allora sarà dura ma molto dura. Oltre ciò, secondo uno studio indiano indipendente sull'impatto dei cambiamenti climatici sulla resa dei raccolti, se i problemi derivanti dal riscaldamento globale non saranno affrontati in maniera adeguata, entro il 2050, circa 200 miliardi di dollari del valore di colture in grano, riso e mais andrà perduto.

Stavolta, auguriamoci che il senso di responsabilità dell'uomo prevalga e che sappia dirigere i suoi passi nella giusta direzione. Per saperlo non ci resta che attendere la fine dell'anno, quando a Parigi,  dal 30 novembre all'11 dicembre, nel corso della Conferenza mondiale delle Nazioni Unite per la riduzione dell'emissioni di gas a effetto serra (COP 21) dovrebbero essere poste delle nuove regole vincolanti, che a differenza del Protocollo di Kyoto, il quale coinvolgeva solo una parte dei Paesi del mondo, stavolta interesserà, in un accordo vincolante sulle emissioni di gas a effetto serra, tutti i governi del mondo (circa 194 stati sovrani), che dovrà tener conto delle differenze tra i Paesi più ricchi e quelli in via di sviluppo, i quali dovrebbero svilupparsi in un modo nuovo senza ripetere gli errori degli altri sul loro stile di vita occidentale.

Cop21 sarà una conferenza cruciale, dove un nuovo accordo internazionale sul clima, applicabile a tutti i paesi, avrà l'obiettivo di mantenere il riscaldamento globale sotto i 2 ° C.

La posta in gioco è alta: l'obiettivo è raggiungere, per la prima volta, un accordo universale, un accordo giuridicamente vincolante che permetterà di combattere efficacemente i cambiamenti climatici e promuovere il processo di transizione verso un economia resiliente e a basse emissioni di carbonio. Per raggiungere questo obiettivo, il futuro accordo deve concentrarsi anche sulla riduzione dei rischi - vale a dire, gli sforzi per ridurre le emissioni di gas ad effetto serra al fine di limitare il riscaldamento globale al di sotto di 2 °C - e l'adattamento delle società ai cambiamenti.  Questi sforzi devono tener conto delle esigenze e capacità di ciascun paese. L'accordo entrerà in vigore nel 2020 e dovrà essere sostenibile per permettere un cambiamento a lungo termine.

ALTRO POST : 2015: il grande caldo secolare

Immagine: zeenews.india.com

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…