2100: saremo tanti, molti, troppi... Come faremo?


Entro la fine di questo primo secolo del III millennio, la popolazione mondiale salirà fino a 11,2 miliardi. 

Fino al 2050 salirà a  9,7 miliardi per poi accellerare fino a giungere a più di 11 miliardi cinque decenni più tardi, ha spiegato John R. Wilmoth, direttore Divisione Popolazione del dipartimento nel corso della presentazione al Joint Statistical Meetings in Seattle.

Sebbene le proiezioni demografiche sono per loro natura incerte, la divisione può stimare con un'affidabilità del 95 per cento che la popolazione mondiale sarà stimata tra 9,5 miliardi e 13,3 miliardi entro il 2100. Le proiezioni della popolazione a livello globale, continentale e nazionale sono strumenti importanti per i leader politici e per le decisioni che dovranno assumersi sul lungo termine, ha detto Wilmoth in un comunicato stampa della American Statistical Association.

La divisione della "World Population Prospects" spiega, per esempio, che "la concentrazione della crescita della popolazione nei paesi più poveri renderà sempre più difficile per i governi nello sradicamento della povertà e delle disuguaglianze, combattere la fame e la malnutrizione, espandere l'istruzione iscrizione e i sistemi sanitari, migliorare la fornitura dei servizi di base e implementare altri elementi di un programma per lo sviluppo sostenibile, al fine di garantire che nessuno venga lasciato indietro ".

Secondo il rapporto, l'Africa rappresenta più della metà della popolazione mondiale, stimata in crescita nell'anno 2050, con il continente,che  produce 1,3 miliardi dei 2,4 miliardi di persone che dovrebbero essere aggiunte entro la metà del secolo.

Il continente è anche l'unica area di grandi dimensioni dove un notevole sviluppo demografico è previsto che continui oltre il 2050. La quota della sua popolazione mondiale aumenterà nei prossimi decenni mentre invece diminuerà quella del continente più popoloso: l'Asia.

L'ONU prevede che l'India diventerà il paese più popoloso del mondo, superando la Cina nei primi anni del 2020. Allo stesso modo, la divisione prevede che la popolazione della Nigeria supererà quella degli Stati Uniti attorno al 2050, il che lo renderà il terzo paese più popoloso del mondo. Gli Stati Uniti dovrebbero aggiungere una media di 1,5 milioni di persone l'anno per raggiungere i 450 milioni entro la fine del secolo.

Al contrario, le popolazioni in diversi paesi sono attesi a ridursi del 15 per cento o più entro la metà del secolo: Bosnia-Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Ungheria, Giappone, Lettonia, Lituania, Repubblica di Moldavia, Romania, Serbia e Ucraina.

La relazione sottolinea che la fertilità è diminuita nella maggior parte del mondo, anche se ci sono ancora grandi variazioni. Quasi la metà della popolazione del mondo è nei paesi a "bassa fertilità", dove le donne hanno in media meno di 2,1 figli (come Stati Uniti, Cina, Brasile e tutta l'Europa). Una parte simile vive in paesi con "intermedia fertilità", con una media di 2,1 a 5 bambini (come India, Indonesia, Messico e Filippine). Il restante 9 per cento vive nei 21 paesi (tra cui Nigeria, Repubblica Democratica del Congo e Afghanistan), dove il tasso di fertilità è superiore a 5.

Un'altra conseguenza di un declino della fertilità è una popolazione che invecchia. Il numero di persone in tutto il mondo  è di età superiore ai 60 anni (attualmente si attesta a circa 901 milioni),  dovrebbe più che raddoppiare entro la metà di questo secolo e più del triplo del suo fine. il numero di persone con più di 80 anni si prevede che sarà più del triplo entro il 2050, ed entro il 2100 ci si aspetta che sia  sette volte di più di quello che è oggi..

Che dire: ci sarà lunga vita per molti, e questa è una cosa buona, anche perchè se così fosse sta a significare che l'uomo avrà risolto in gran parte il problema ambientale (deforestazione, temperature alte, energie rinnovabili). Tuttavia, l'idea di tanta umanità (il doppio di oggi) che respirando butta fuori anidride carbonica, seppur irrisoria ( 4,5% di 8 litri ), mi fa star male. Se la scienza non avesse trovato invece alcun rimedio possibile al riscaldamento globale (global warming), se si continuerà ad inquinare l'atmosfera coi gas impuri, aumento delle temperature... allora, sapreste dirmi voi come si potrebbe vivere tra 12, 13 miliardi di persone ?

Fonte: www.newsweek.com

Immagine:  sentinelrepublic.com