Passa ai contenuti principali

Amazzonia: è stata inaugurata la torre ATTO


La struttura in metallo bianco e arancione chiamata Amazon Tall Tower Observatory (Atto), è un nuovo audace strumento per capire meglio i cambiamenti climatici e il ruolo vitale delle foreste pluviali.

Foreste che, sulla base di recenti dati e immagini satellitari raccolti da oltre 100 paesi, potrebbero essere a rischio di deforestazione, perdendo un pezzo di 289 milioni di ettari entro il 2050, più o meno un'area di foreste grande quanto l'India. In poche parole, se il ritmo dell'attuale deforestazione continuerà alla stessa velocità, altri 169 miliardi di tonnellate di anidride carbonica potrebbero essere aggiunti in atmosfera entro il 2050. La quantità stimata di anidride carbonica è equivalente al gas di 44.000 impianti alimentati a carbone, in funzione ininterrottamente per oltre un anno.

Ma, torniamo all'Amazon Tall Tower Observatory (ATTO), di cui abbiamo detto QUI.

Costruito nella riserva naturale di Uatuma, 350 chilometri (217 miglia) dalla città di Manaus é raggiungibile solo dopo ore di strade dissestate e di un giro in barca.

"Essere lontano dalle città e dall'influenza dell'uomo assicura che possiamo raccogliere dati relativamente puri", ha detto Meinrat Andrae, direttore del Max Planck Institute of Chemistry, che sta collaborando con l'agenzia di ricerca brasiliana Inpa  sul progetto tedesco-brasiliano.

In quel luogo, invece del tipico frastuono di clacson, motori, il rumore più forte attorno è il chiacchiericcio delle cicale e degli uccelli tropicali.

L'Amazzonia è vista come un grosso pezzo del puzzle del riscaldamento globale, dal momento che gli alberi sono un'arma fondamentale nel catturare in modo sicuro i gas nocivi all'ambiente.

Il ruolo delle foreste sul clima é fondamentale: assorbono CO2 e agendo come geyser  legnosi trasferiscono immensi volumi di acqua nell'atmosfera, creando un clima relativamente stabile. Un affascinante complesso sistema messo a rischio dalla deforestazione in atto in tutti i più importanti polmoni verdi del pianeta. 

Antonio Ocimar Manzi, uno degli scienziati brasiliani del progetto ATTO dice: "Grazie a questa torre saremo in grado di comprendere meglio il ruolo del Rio delle Amazzoni, il suo effetto sul clima locale e anche sul clima globale".

Le emissioni di gas serra sono salite alle stelle a partire dalla seconda metà del 20 ° secolo, riscaldando pericolosamente il pianeta. Le foreste sane sono uno dei modi migliori per assorbire i gas. Ma la deforestazione per legname o allevamento, é una questione assai importante in Amazzonia, è una delle principali cause dei gas, dal momento che il CO2 immagazzinato viene rilasciato dall'albero morto in atmosfera.

Lo scenario peggiore previsto da alcuni modelli prevede un circolo vizioso in cui il riscaldamento globale e la siccità uccideranno una gran parte dell'Amazzonia. "La regione amazzonica è di importanza globale: essa "produce metà dell'ossigeno della parola, gli impatti del ciclo dell'acqua attraverso l'evaporazione e stabilizza il clima" ha detto il Max Planck Institute of Chemistry.

La torre, che costa circa 7 milioni e mezzo di dollari, si compone di 15.000 pezzi, ed è stata inaugurata la scorsa settimana, ma non raccoglierà i dati sino al più tardi nel corso dell'anno.

L'obiettivo è di avere ATTO, che si collega con due torri minori di 50 e 80 metri, in esecuzione tra loro per 20, 30 anni. Ciò permetterà uno studio a lungo termine degli effetti dei gas di carbonio. La sua altezza, al centro della foresta, sarà un grande miglioramento rispetto ai metodi precedenti.

Immagine: www.businessinsider.com

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…