Lo smog delle città proviene anche dalla sporcizia delle sue strade, vecchi edifici, monumenti...


Le grandi città del mondo, che sono tante, sono piene di strade, marciapiedi, lampioni, vecchi edifici, statue, monumenti... colmi di sporcizia. Migliaia di sostanze chimiche  vengono vomitate quotidianamente dai tubi di scappamento delle auto e bus, fabbriche e altre fonti di particolato.

Ma secondo una nuova ricerca presentata questa settimana dall'American Chemical Society di Boston, sembra che quando la sporcizia urbana è esposta alla luce del sole, rilascia nitrogen oxides (ossido di azoto), che é fonte di ozono troposferico e smog. Come la luce del sole corrode il contenuto di azoto della sporcizia, nuova sporcizia ricca di azoto viene continuamente depositata. 

"L'attuale comprensione dell'inquinamento atmosferico urbano non prevede il riciclo di ossidi di azoto e potenzialmente di altri composti da superfici di edifici", ha detto il professor James Donaldson dell'Università di Toronto, che ha eseguito il nuovo studio. "Ma sulla base dei nostri studi di settore in un ambiente reale, questo sta accadendo. Non sappiamo ancora in che misura questo accade ma può essere molto importante determinare come va contabilizzato ciò nell'inquinamento atmosferico delle città." 
 
Per verificare il ruolo della luce del sole in uno scenario reale, Donaldson e i suoi colleghi hanno istituito dei "collezionisti sporcizia", ​​fatti con vassoi di perle di vetro sui tetti delle città di Toronto e di Lipsia, in Germania. Dopo sei settimane a Lipsia, le perle nelle zone ombrose contenevano il 10 percento in più di nitrati di quelli esposti al sole. Il lavoro su  Toronto è ancora in corso.

Gli ossidi di azoto sono un gruppo di composti formati quando l'azoto combina con l'ossigeno, sia come ossido nitrico (NO), biossido di azoto (NO2) e protossido di azoto (N2O). Mentre questi prodotti chimici vengono creati in natura da processi batterici, crescita biologica e decadimento, fulmini, incendi boschivi, grandi quantità vengono pompate in atmosfera anche dall'uomo mediante l'uso dei combustibili fossili.

La ricerca pubblicata dall'American Lung Association lo scorso anno ha rilevato che quasi la metà degli americani vive in zone in cui i livelli di inquinamento dell'aria spesso sono pericolosamente alti. 

Secondo il rapporto elevati livelli di ozono mettono le persone a rischio di morte prematura, asma aggravata, difficoltà respiratorie e futuri problemi cardiovascolari. Si possono anche avere seri problemi al cervello. Uno studio pubblicato online questa settimana sulla rivista Plant, Cell and Environment ha trovato che il biossido di azoto, oltre a provocare lo smog, produce polline che spesso causa reazioni allergiche.

Che dire? Davvero un bel vivere il nostro nelle grandi città del mondo!

 Immagine: (a  statue in Columbus Circle in New York City) by news.discovery.com

 

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria