Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2015

Il mostruoso ghiacciaio dell'Antartico Occidentale

Immagine
Gli scienziati che in più di qualche occasione hanno sollevato degli allarmi circa la lastra di ghiaccio in via di estinzione nel West Antarctica, dicono di aver identificato un ghiacciaio in particolare che potrebbe rappresentare la più immediata minaccia per il mondo - e stanno spingendo per un urgente nuovo tentativo di studio

Il ghiacciaio non è molto conosciuto, forse qualcuno ne ha sentito parlare. Si tratta del Thwaites Glacier,lungo il Mardi Amundsen (Amundsen Sea),nell'Antartide occidentale: 182.000 chilometri quadrati a rischio di crollo, dicono gli scienziati.

E ' uncorpomostruoso ed è la più grande isola del Sudehascaricatopiù di 100miliardi di tonnellate dighiaccioogni annonegli ultimi anni.

Il ghiacciaioè ampio e vulnerabile,perchéla sua baseoceanicaè esposta in acqua calda
e a causa di una singolare serie di circostanze di natura geografica, questo significa che se esso inizia a collassare, non ci può essere fine al processo.

Ma è anchedifficile da studiarea caus…

La Nuova Zelanda annuncia il più grande santuario marino del mondo

Immagine
Nell'ambito della conservazione degli oceani e della fauna oceanica, la Nuova Zelanda ha annunciato un programma per la creazione di un enorme santuario marino nell'Oceano Pacifico del Sud per proteggere uno dei più incontaminati ambienti marini.

Il Primo ministro John Key ha detto che il Kermadec Ocean Sanctuary, che comprende un'area delle dimensioni della Francia e il divieto di pesca e minerario, si trova a circa 620 miglia al largo della costa nord-orientale della Nuova Zelanda. Circa 20 tonnellate di pesce vengono pescati ogni anno nella regione, che fa parte di una zona economica esclusiva e vanta già un certo livello di protezione.

"Il Kermadec Ocean Sanctuary sarà una delle zone completamente protette più grandi e più importanti del mondo, che conserva importanti habitat per gli uccelli marini, balene, delfini e tartarughe marine in via di estinzione e migliaia di specie di pesci e altra vita marina" ha detto Key, annunciando la creazione del santua…

L'incontro Obama - Xi Jinping ha sortito il Cap-and-Trade cinese

Immagine
Dal 2017 la Cina adotterà un sistema per limitare le emissioni di CO2 nelle grandi industrie.

La strada per Parigi si va accorciando ed il mondo si sta muovendo in tutte le direzioni per tentare di vincere la guerra contro il cambiamento climatico e dare al COP 21, la chiave per redigere un nuovo Protocollo, più efficace ed equo.

Cina e Stati Uniti, i due più grandi inquinatori del pianeta (insieme raggiungono il 45%), che stanno reciprocamente impegnandosi nell'affrontare il cambiamento climatico, sempre insieme potrebbero imporre una direzione al mondo intero. 

Così, in vista della Conferenza sul clima di Parigi di fine novembre, l'incontro bilaterale alla Casa Bianca tra il presidente cinese Xi Jinping e Obama, si è concluso con un impegno importante da parte di una Cina sempre più rivolta al verde.

Un' intesa più avanzata rispetto a quella di 10 mesi fa a Pechino per la lotta all'inquinamento e ai cambiamenti climatici, con la Cina che s'impegna ad introdurre…

La Russia in vista del summit di Parigi e le contestazioni ambientaliste

Immagine
In vista della Conferenza sul clima di fine anno a Parigi  (COP 21), il mondo ambientalista critica fortemente il poco impegno russo sul taglio delle emissioni inquinanti. Con le sue gigantesche riserve di petrolio, gas e carbone, la Russia emette 2 miliardi di tonnellate (gigatonnes) di CO2 equivalenti all'anno, il che lo rende il quarto più grande produttore di gas serra dopo Stati Uniti, Cina e India.

Secondo Greenpeace, l'85 per cento delle emissioni di CO2 equivalenti in Russia proviene dalla sua industria energetica.

Eppure a marzo il grande Paese si è impegnato di mantenere le emissioni al 25-30 per cento al di sotto del livello che ha generato nel 1990, l'anno prima che crollasse l'Unione Sovietica e il suo vasto complesso industriale.

Un gruppo di quattro gruppi di ricerca sul clima globale, conosciuti collettivamente come Climate Action Tracker, hanno valutato l'impegno della Russia come "inadeguato", peggio della valutazione "media"…

Crescita zero nelle emissioni di CO2 della flotta mercantile mondiale

Immagine
L'International Chamber of Shipping (ICS) è pronto a difendere i miglioramenti dell'industria del settore sulla riduzione delle emissioni alla Conferenza dell'ONU sul clima a Parigi (COP 21).

ICS, la cui composizione comprende associazioni di armatori nazionali provenienti da 37 paesi, che rappresentano più dell' 80% della flotta mercantile mondiale, presenta alcuni messaggi chiave per i negoziatori del governo sul progresso degli spedizionieri che sta facendo  per ridurre le emissioni di anidride carbonica.

Secondo ICS, l'industria globale sta già producendo una crescita zero nelle emissioni di CO2 di oltre il 10% rispetto al 2007, nonostante l'aumento del commercio marittimo.

Le emissioni di CO2 del trasporto marittimo internazionale ora rappresentano solo il 2,2% del totale delle emissioni di CO2 a livello mondiale, rispetto al 2,8% nel 2007 (UN IMO Green House Gas Study, 2014).

"Questi sono una vera diminuzione attraverso l'efficienza del carbu…

Energia solare: i grandi progetti della Marina americana

Immagine
La Marina americana annuncia il progetto del parco solare in Georgia.

Gli otto sottomarini classe Ohio ormeggiati nella Naval Submarine base Kings Bay sono la più grande della flotta degli Stati Uniti, con scafi in acciaio di quasi 183 metri di lunghezza in grado di ospitare fino a 24 missili nucleari. Presto, nelle loro vicinanze avranno qualcosa di ancora più grande: un campo di pannelli solari così vasto che 500 dei giganteschi sottomarini potrebbero nascondersi nella sua ombra.

Se tutto procederà secondo i piani, ciò avverrà alla fine del prossimo anno. Circa 136.000 pannelli di vetro saranno installati su un angolo della base navale, a 35 miglia a nord di Jacksonville, Florida.

La solar farm coprirà un'area delle dimensioni di 280 campi di calcio. Ciononostante, dal momento che sarà completata, essa non sarà il più grande impianto solare della Marina. Potrebbe anche non essere il più grande impianto solare militare in Georgia.

I pannelli solari di Kings Bay sono solo l'u…

Terremoto in Cile, un paese tra i più esposti ai terremoti catastrofici

Immagine
Segnaliamo il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). Chi non l'ha sentita l'ha vista in diretta TV durante il telegiornale nazionale. Per 5 ore ci sono state altre 30 repliche tra i 6 e 7 gradi della scala Richter.

Un milione di sfollati e, per fortuna, non troppe vittime ma molti feriti. Secondo gli esperti questo terremoto è stato il più forte dell'anno in corso. La prima scossa, quella più forte, è stata avvertita anche in Argentina. L'epicentro è stato localizzato a 16 metri di profondità nel nord del Paese, a 200 chilometri dalla capitale Santiago. Un terremoto che si è trasformato subito in maremoto, con onde alte fino a 5 metri, dall'Oceano Pacifico all'Atlantico. L'allerta è stata diramata anche in California e Nuova Zelanda.

L'allarme tsunami è stato cancellato in quasi tutte le regioni del Cile, ad eccezione di Coquimbo e Atacama, più vicine alla zona dell'epicentro. Lo t…

Blue economy nell'Oceano Indiano

Immagine
All'inizio di questo mese 21 diverse economie, facenti parte dello IORA (Indian Ocean Rim Association), hanno firmato un patto per promuovere la Blue Economy nell'Oceano Indiano.

La Blue Economy offre un modello di sviluppo basato sugli oceani, piuttosto che sulla terra, ed è più adatto alle sfide e alle opportunità delle economie dell'Indian Ocean Rim Association.  Sottolinea il ruolo della biodiversità e degli ecosistemi marini nel sostegno dell'attività economica per migliorare la sicurezza alimentare.

La Conferenza si è svolta nelle isole Mauritius.

Tra gli stati membri dello IORA appaiono grandi nazioni come India, Australia, Indonesia e Sud Africa, così come piccoli paesi insulari. Si tratta di un raggruppamento in cui l'India è membro e la Cina è un osservatore, in un momento in cui il Paese del dragone sta compiendo strenui sforzi al fine di diffondere la sua influenza regionale. In qualità di membro fondatore della IORA istituito nel 1997, l'India d…

Si celebra oggi il World Ozone Day

Immagine
Il mondo celebra oggi la Giornata Internazionale per la Preservazione dello strato di ozono (World Ozone Day), istituita nel 1994 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite.

Ridurre la nostra impronta di carbonio, sia nella nostra vita personale che nelle attività industriali resta la chiave per salvare la Terra dal degrado ambientale.

Più comunemente conosciuta come la "Giornata Mondiale dell'ozono" (World Ozone Day), il 16 settembre ricorda il Protocollo di Montreal, che è stato firmato il 16 settembre del 1987 dai 24 paesi membri dell'ONU, al fine di limitare e infine eliminare gradualmente la produzione di prodotti chimici artificiali quali i clorofluorocarburi (CFC) e 95 altre sostanze che riducono lo strato di ozono.

Lo slogan per quest'anno è "Ozone: All that is there between You and UV" (Ozono: Tutto ciò che c'è tra Voi e UV) ha lo scopo di mostrare come l'attività umana può influire lo strato di ozono e, in definitiva, la sopr…

La terra respira meglio grazie all'Oceano Antartico

Immagine
In base al post di oggi, mi sento di dire:finalmente una buona notizia per il pianeta! Si sta aprendo una via di fuga nell'Oceano Antartico, per salvarlo dalle emissioni inquinanti provocate dalle attività umane.

Per un certo periodo, gli scienziati hanno notato la tregua nell'emisfero meridionale della Terra, la parte della terra che agisce come un enorme pozzo di carbonio. Ora, hanno scoperto che l'Oceano Antartico assorbe anidride carbonica ad un tasso maggiore.

Questo suggerisce che l'oceano del sud può ancora contribuire a ridurre la quantità di CO2 nell'atmosfera terrestre. Difatti, l'Oceano Antartico assorbe quasi il 43 per cento di CO2. Questo rallenta la crescita dei gas serra in atmosfera.

Uno studio pubblicato su Geophysical Research Letters ha dimostrato che il Drake Passage (passaggio di Drake), un'area nell'emisfero sud che si espande dal Sud America alla Penisola antartica occidentale, sta aumentando l'assorbimento di CO2 a partire…

Il grande gioco dell'Artico

Immagine
L'Artide è l'insieme delle terre e dei mari che si estendono intorno al Polo Nord al limite del Circolo polare artico. Comprende gli estremi lembi settentrionali dell'Europa, dell'Asia e dell'America. La regione artica ha ricchissimi giacimenti minerari: carbone, petrolio, stagno, oro, uranio. Queste risorse stanno diventando sempre più accessibili a causa del progressivo scioglimento dei ghiacciai che stanno restringendo la calotta polare. Il loro sfruttamento fa gola alle potenze regionali che stanno scaldando i motori. Russia, Norvegia, Canada, Danimarca e Stati Uniti hanno già rivendicato i loro diritti sul territorio della regione.

Il recente viaggio del presidente Barack Obama in Alaska ha messo in evidenza la politica estera di vitale importanza, così come le sfide ambientali. Tuttavia, le difficoltà che si presentano nella regione artica, innegabilmente, sono gravi.

La Russia, guidata dal presidente Vladimir Putin riveste un ruolo di leadership internazion…

El Nino: Godzilla? Perfino Bruce Lee l'hanno chiamato!

Immagine
I meteorologi del NOAA (National Oceanic Atmospheric Administration) lo hanno soprannominato Bruce Lee, in quanto potrebbe diventare El Nino più forte mai registrato.

Come Godzilla che sale dalle profondità del Pacifico, El Niño, l' anomala corrente oceanica, che riscalda un'area dell'Oceano Pacifico centrale e può influire sulle condizioni meteorologiche in tutto il mondo, è apparso di nuovo. Ma la sua visita periodica, quest'anno è diversa dalle precedenti. Questo andamento climatico è così difficile non solo da essere comparato al famigerato mostro misterioso del cinema giapponese, ma anche alla micidiale arte marziale del mitico Bruce Lee.

El Niño e la sua controparte più fresca La Niña, che tende ad esacerbare la stagione dei tornado, ha una forte influenza sulle previsioni. Nel sud-ovest secco e arido, gli inverni di El Niño sono accolti bene perché il suo potenziale è più pioggia e neve.

Ma El Niño può anche causare il caos, passando rapidamente da benefici …

Kazakhstan: mistero sulla morte improvvisa di 60.000 antilopi

Immagine
E 'iniziato a fine maggio, quando nel Kazakhstan centrale vennero gli esperti della fauna selvatica dell'ADCI(Altyn Dala Conservation Initiative) [unprogrammasu larga scala perconservare gli ecosistemiela biodiversità delle pianure del nord e del deserto], per monitorare il parto di una mandria di saigas, in grave pericolo di estinzione, nella sconfinata steppa dimora di antilopi. Il saiga é un tipo di antilope noto per il naso buffo e prominente che sta morendo ad un ritmo allarmante.

Steffen Zuther, medico dell'ADCI e il suo staff  controllavano una mandria di 60.000 saigas, quando è avvenuto l'incidente. In soli quattro giorni, l'intera mandria di saigas era andata.

Notizie di casi simili in altre parti del Kazakistan aveva raggiunto gli ambientalisti, nei mesi di maggio e giugno.


L'anno scorso, una moria di massa aveva già colpito i saigas causando la morte di 12.000 esemplari. Ma questa era senza precedenti.

Secondo Live Science, i ricercatori hanno trovat…

Mount Tambora: come andò, in realtà, l'eruzione più distruttiva della storia dell'umanità

Immagine
E' stata l'eruzione più distruttiva della storia dell'umanità. Ne abbiamo parlato brevemente nel post "Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia".  Ora vi inseriamo il presente post.

Ripercorriamo ora una una recente rivisitazionee del disastro: Tambora: The Eruption that Changed the World, di Gillen D’Arcy Wood,  il quale mostra effetti planetari così estremi che molte nazioni e comunità ebbero a subire carestie infinite, malattie, disordini civili e declino economico. Coltivazioni disastrose a livello globale.

Gli effetti della massiccia eruzione vulcanica del 1815 del vulcano Tambora (Mount Tambora) si sono fatti sentire in tutto il mondo per anni. Nell' aprile del 1815, la più potente esplosione vulcanica mai avvertita prima ha scosso il pianeta in una catastrofe
talmente vasta che 200 anni più tardi, i ricercatori stanno ancora cercando di comprendere le sue ripercussioni. Un ruolo, che ora si è in grado di comprendere, nel gelo, nel col…

Cambiamento climatico: l'innalzamento degli oceani misurato dall'alto

Immagine
Una nuova visualizzazione basata su dati satellitari dal 1992 mostra che la media del livello degli oceani sta aumentando di 3,2 mm l'anno.

La Nasa, l'agenzia spaziale statunitense, si sta concentrando con più risorse alle indagini sull'innalzamento del livello dei mari: una conseguenza del riscaldamento globale che è di crescente preoccupazione per gli scienziati che analizzano le nuove misurazioni satellitari degli oceani.

"Quello che sappiamo oggi su come l'oceano si espande quando si riscalda e come le lastre di ghiaccio e ghiacciai si aggiungono alle acque dei mari, è sintomatico del fatto che siamo a quasi un metro di innalzamento del livello del mare, e probabilmente di più", dice Steve Nerem della University of Colorado, e capo del Sea Level Change Team della Nasa.

La nuova visualizzazione basata su dati satellitari dal 1992 mostra che la media livello del mare globale è salita di 3,2 mm l'anno, anche se questo si sviluppa in modo non uni…

Gray Swan, la super tempesta del futuro improbabile ma possibile

Immagine
Un nuovo studio prevede che il riscaldamento globale potrebbe riservare fenomeni estremi come non si sono mai visti prima. Entro la fine del secolo, il cambiamento climatico potrebbe aumentare notevolmente il rischio di danni causati da tempeste inattese. Gli uragani e le mareggiate diventeranno più intensi nel corso del prossimo secolo.

Secondo i  nuovi modelli sviluppati dai ricercatori del Princeton and Massachusetts Institute of Technology le probabilità di queste tempeste aumentano con il cambiamento climatico.

Li hanno chiamati, chissà perchè, Black Swan e Gray Swan (Cigno nero e cigno grigio). I Black Swan sono fenomeni catastrofici inaspettati che hanno un impatto enorme, che nessuno vede venire, mentre i Gray Swan, sono fenomeni estremi altamente improbabili, super-tifoni per i quali non c'è nessun precedente storico, ma che potenzialmente potrebbero ancora essere previsti.

Nessuna delle recenti tempeste più gravi che la maggior parte ricorda: gli uragani Katrina e…

Cambiamento climatico: visita in Alaska del Presidente Obama

Immagine
La tragedia della fame, delle guerre, delle carestie e della siccità sta causando una migrazione di proporzioni enormi che ha messo in moto eserciti di persone che fuggono dal Medio Oriente, dall'Africa, dal sudest asiatico, un flusso di persone disperate in cerca di un domani migliore nei Paesi industrializzati.

Questo lo scenario che intravede Barak Obama qualora non si riuscirà a risolvere la questione dell'effetto serra. Il Presidente degli Stati Uniti,ha portato la sua crociata in Alaska in un viaggio di tre giorni progettato per evidenziare gli effetti devastanti del riscaldamento globale e promuovere iniziative per affrontare la questione

"L'attività umana sta distruggendo il clima, per molti versi più velocemente di quanto si pensasse in precedenza", ha detto Obama, durante una riunione dei delegati internazionali ad Anchorage. E ancora: "Il cambiamento climatico non è più certo un problema lontano. Sta accadendo qui. Sta accadendo ora. "…