Passa ai contenuti principali

Energia solare: i grandi progetti della Marina americana


La Marina americana annuncia il progetto del parco solare in Georgia.

Gli otto sottomarini classe Ohio ormeggiati nella Naval Submarine base Kings Bay sono la più grande della flotta degli Stati Uniti, con scafi in acciaio di quasi 183 metri di lunghezza in grado di ospitare fino a 24 missili nucleari. Presto, nelle loro vicinanze avranno qualcosa di ancora più grande: un campo di pannelli solari così vasto che 500 dei giganteschi sottomarini potrebbero nascondersi nella sua ombra.

Se tutto procederà secondo i piani, ciò avverrà alla fine del prossimo anno. Circa 136.000 pannelli di vetro saranno installati su un angolo della base navale, a 35 miglia a nord di Jacksonville, Florida.

La solar farm coprirà un'area delle dimensioni di 280 campi di calcio. Ciononostante, dal momento che sarà completata, essa non sarà il più grande impianto solare della Marina. Potrebbe anche non essere il più grande impianto solare militare in Georgia.

I pannelli solari di Kings Bay sono solo l'ultima di una serie di progetti solari annunciati di recente come parte di un vasto progetto di energie rinnovabili della Marina che ha guadagnato terreno negli ultimi mesi. Dalla Florida alla California, i funzionari della difesa hanno firmato contratti con le società municipalizzate di grandi imprese solari ed eoliche all'interno di basi militari o nelle vicinanze.

Il Pentagono ha detto che sta cercando di generare la propria potenza di energia per potenziare la sicurezza energetica in un momento in cui le reti elettriche tradizionali sono sotto la minaccia di attacchi informatici. Ma a causa delle loro dimensioni, i progetti stanno inevitabilmente influenzando i mercati energetici nel resto del paese, riducendo così i costi per le energie rinnovabili e smorzando la domanda di nuove centrali che bruciano gas naturale o carbone.

"Siamo nel bel mezzo di una tempesta perfetta - una perfetta, positiva tempesta di luce del sole", ha detto Dennis McGinn,  assistente segretario per l'energia, gli impianti e l'ambiente, che hanno contribuito a promuovere il progetto di Kings Bay in una mattina nuvolosa dell' ultima settimana. "Siamo impazienti di fare molto di più "ha aggiunto.

La solar farm di Kings Bay è il quarto progetto annunciato per le basi militari in Georgia, con gli altri tre già in fase di costruzione. Tutti e quattro saranno costruiti e gestiti dalla   Georgia Power, e collettivamente genereranno 120 megawatt di energia solare, quanto una centrale elettrica a carbone di medie dimensioni.

Il mese scorso, la Marina ha firmato un contratto per la costruzione di una solar farm molto più grande nel deserto dell'Arizona, un progetto di 210 megawatt, dove 650.000 pannelli fotovoltaici genereranno un terzo dell'energia elettrica utilizzata da 14 basi della Marina e del Corpo dei Marines degli Stati Uniti occidentali. A livello nazionale, la Marina è sulla buona strada per produrre più di un gigawatt (1.000 megawatt) di energia elettrica entro il 2020, sufficiente a fornire metà dell'elettricità per tutte le sue basi militari nazionali. La dimensione degli ordini di acquisto hanno stimolato la concorrenza tra i fornitori solari e fatto scendere i costi delle attrezzature.

E questo, è a tutto vantaggio dell'ambiente ed è un passo avanti verso la mitigazione del clima, in un Paese in cui circa la metà dell'elettricità è generata dal carbone e dal gas naturale, che di recente ha superato il carbone come fonte per la produzione di energia elettrica.

Fonte: www.stripes.com

Immagini: www0.scoopnest.com - kingsbayperiscope.jacksonville.com (From left, Georgia Power Chairman, President and CEO Paul Bowers, Assistant Secretary of  the Navy For Energy, Installations and Environment Dennis V. McGinn)


I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…