Gray Swan, la super tempesta del futuro improbabile ma possibile



Un nuovo studio prevede che il riscaldamento globale potrebbe riservare fenomeni estremi come non si sono mai visti prima. Entro la fine del secolo, il cambiamento climatico potrebbe aumentare notevolmente il rischio di danni causati da tempeste inattese. Gli uragani e le mareggiate diventeranno più intensi nel corso del prossimo secolo.

Secondo i  nuovi modelli sviluppati dai ricercatori del Princeton and Massachusetts Institute of Technology le probabilità di queste tempeste aumentano con il cambiamento climatico.

Li hanno chiamati, chissà perchè, Black Swan e Gray Swan (Cigno nero e cigno grigio). I Black Swan sono fenomeni catastrofici inaspettati che hanno un impatto enorme, che nessuno vede venire, mentre i Gray Swan, sono fenomeni estremi altamente improbabili, super-tifoni per i quali non c'è nessun precedente storico, ma che potenzialmente potrebbero ancora essere previsti.

Nessuna delle recenti tempeste più gravi che la maggior parte ricorda: gli uragani Katrina e Sandy, il Super Typhoon Haiyan, potrebbero qualificarsi come Gray Swan. Anche se tutti hanno avuto un impatto fuori misura, erano tutti rischi noti dati i documenti storici delle tempeste, rispettivamente su New Orleans, New York e nelle Filippine.

Ning Lin, insieme a Kerry Emanuel, co-autore e professore di scienze dell'atmosfera presso il Massachusetts Institute of Technology, nel considerare "casi estremi", hanno valutato le minacce di fenomeni Gray Swan su tre città potenziali: Tampa, in Florida, Cairns, in Australia e Dubai, nel Golfo Persico. Le tempeste Gray Swan potrebbero creare enormi onde, aumentando così i rischi per le città.

I ricercatori hanno scoperto che in tutte e tre le aree potrebbe venire una tempesta che è molto peggio di qualsiasi altro terribile evento climatico mai avvenuto. Tampa Bay, che ha conosciuto un numero relativamente ridotto di uragani dannosi (l'ultimo, di categoria 2 nel 1921 ha causato una tempesta che ha creato ondate di poco meno di 3 metri e mezzo, ancor prima nel 1848, un' altra tempesta si abbattè sulla città producendo ondate di almeno 4,6 metri), potrebbe subire inondazioni di circa sei metri se un Gray Swann lo colpisse.

Le acque del Golfo Persico sono molto calde e così contengono un notevole potenziale energetico degli uragani, ma l'atmosfera è normalmente troppo secca per gli uragani, ha spiegato Kerry Emanuel. Tuttavia, "la fisica afferma che è possibile averne uno. Non è probabile, ma non è impossibile." Difatti, lo studio ha dimostrato che, in circostanze estremamente rare, è anche possibile che un uragano possa essere generato. In effetti, ci sono stati diversi uragani e tempeste tropicali che sono entrati nel mare Arabico, anche se nessuno nel Golfo Persico. Se un Gray Swann colpisse le coste di Dubai, si potrebbero vedere gravi minacce sulle zone costiere con onde che raggiungono le due cifre...

Immagini: www.dailymail.co.uk - philosophynow.org

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria