Passa ai contenuti principali

Amazzonia: la mattanza dei taglialegna sugli ambientalisti continua...



Brutte news dal Brasile. Sembra che gli attivisti ambientali siano diventati una specie minacciata di estinzione.

Nel vasto Paese sudamericano, almeno 477 ambientalisti sono stati uccisi tra il 2002 e il 2014, la maggior parte di loro morti per la difesa della foresta pluviale.

Raimundo Santos Rodrigues è morto difendendo la foresta che tanto ha amato. E' accaduto un pomeriggio di fine agosto. Rodrigues e sua moglie erano sulla via di casa presso il Gurupi Biological Reserve, una riserva biologica nello Stato di Maranhão, quando due uomini sono usciti dalla fitta foresta e hanno iniziato a sparare, colpendo l'ambientalista e sua moglie. La loro moto è andata fuori controllo e si è schiantata. Gli assassini, dice il rapporto, si sono poi  avvicinati a Rodrigues, che aveva 12 pallottole in corpo, e lo hanno pugnalato con un machete. Sua moglie, Maria da Conceicao Chaves Lima, è sopravvissuta.

Rodrigues, 54 anni, stava proteggendo la foresta e la sua comunità, come aveva fatto per molti anni.

In Brasile, sta diventando sempre più pericoloso: secondo la britannica NGO Global Witness, almeno 477 ambientalisti sono stati uccisi tra il 2002 e il 2014, quasi uno ogni settimana e circa la metà di tutti gli attivisti ambientalisti uccisi in tutto il mondo in quel periodo.

La pressione sulle risorse naturali aumenta, i difensori in prima linea sono diventati vulnerabili. È particolarmente grave in America Latina, dove vi è una mancanza di attenzione per i crimini contro l'ambiente e coloro che cercano di proteggerlo.

La maggior parte delle vittime brasiliane sono state uccise nella zona della foresta pluviale amazzonica. La maggioranza erano attivisti con le comunità indigene nel tentativo di salvare le loro foreste da taglialegna, minatori e allevatori di bestiame.

La proprietà terriera in Brasile è tra la più concentrata e diseguale nel mondo, che porta a conflitti tra poveri agricoltori o comunità indigene e "latifondisti ben collegati su chi ha il diritto legale di foreste e terra", dice il rapporto di Global Witness. I poveri contro i potenti. Pistole e muscoli. La polizia è assente, complice o troppo debole per affrontare le bande armate.

Tica Minami, un attivista forestale di Greenpeace Brazil, prevede che il numero degli attivisti assassinati è ancora più elevato di quanto stimato  dal momento che molti casi non vengono segnalati. "Accade così nel folto delle foreste che a volte può (prendere) giorni o settimane affinchè le notizie escano."  In genere, i problemi iniziano con taglialegna illegali che a volte radono al suolo centinaia di ettari di alberi in una sola volta.

Le nuove aree che sono state deforestate diventano, quindi, calamite per gli allevatori di bestiame e coltivatori di soia, infiammando ulteriormente coloro che vivono nelle vicinanze. La legge, dicono gli attivisti internazionali, non è in grado di riconoscere i diritti delle comunità indigene, e anche se così fosse, non hanno le risorse finanziarie per una battaglia legale. Minami dice la gente solitamente non sa che cosa sta succedendo finché si sente il rombo di bulldozer.

"Coloro che vivono nelle foreste tendono a far fronte a queste persone," dice. "Questa è la loro terra, la loro cultura e là è in gioco la loro fonte di sostentamento. E quando è in pericolo, il loro primo istinto è quello di combattere coloro che vogliono distruggerla." Ma questo è pericoloso, dice l'attivista di Greenpeace.

Mesi fa, disboscatori illegali tra la frontiera del Perù e la frontiera brasiliana hanno erroneamente abbattuto quello che gli esperti sostengono fosse l'albero più antico del mondo (immagine a lato). L'albero gigante Samauma, per gli esperti, aveva oltre 5.800 anni ed era alto circa 40 metri. Era una parte importante del paesaggio culturale delle tribù d'innumerevoli generazioni di nativi che hanno assistito alla lunga durata dell' albero includendolo nella propria cultura.

Immagini:  www.ibtimes.co.uk - worldnewsdailyreport.com


I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…