Antartide: lo scenario climatico che desta grande preoccupazione


Uno sguardo sul mondo che cambia oggi torna in Antartide, anche perchè è questo il luogo del pianeta dove sia le correnti oceaniche che le grandi piattaforme di ghiaccio sciolto che avanza, sono da considerare fattori più rilevanti per tentare di comprendere meglio i delicati meccanismi che muovono gli elementi della Natura e il cambiamento climatico.

Quando si parla di cambiamento climatico, l'Antartide è il luogo del pianeta che più desta preoccupazione, soprattutto a causa dell'enorme quantità di ghiaccio che contiene, sufficiente a causare, teoricamente, circa 200 feet (oltre 60 metri) di innalzamento del livello del mare, se si sciogliesse.

Lungi dal pensare che ciò accadrà presto.

Eppure, parti più piccole potrebbero essere destabilizzate, e capire come la calotta antartica reagirà ai futuri cambiamenti climatici è una grande priorità per gli scienziati.

Una chiave importante del problema è nello studio delle lastre di ghiaccio, che sono grandi, le piattaforme galleggianti di ghiaccio (talvolta centinaia o migliaia di chilometri quadrati), che si formano dove una lastra di ghiaccio incontra l'oceano.

Per Luke Trusel, postdoctoral scholar presso il Woods Hole Oceanographic Institution, confrontando le piattaforme di ghiaccio al tappo di una bottiglia di champagne "Esse svolgono un ruolo estremamente importante nel vincolare il flusso di questa terra ghiacciata nell'oceano. Se il ghiaccio si rompe, può scatenare un flusso in mare dalla calotta di ghiaccio che sta dietro, che può contribuire all'innalzamento del livello del mare in modo sostanziale."

In effetti, senza piattaforme di ghiaccio che forniscono una difesa, i ghiacciai dietro le piattaforme di ghiaccio scorrono veloci, versando sempre più ghiaccio nell'oceano.

Al fine di ottenere una migliore comprensione sul come il cambiamento climatico potrebbe influire sulle piattaforme di ghiaccio in Antartide, Trusel e un gruppo di altri ricercatori hanno condotto uno studio per vedere come l'aumento della temperatura atmosferica potrebbe influire sullo scioglimento superficiale in Antartide. Questo è un processo che può influenzare direttamente la destabilizzante piattaforme di ghiaccio.

Osservazioni precedenti hanno dimostrato che il ghiaccio si scioglie sulla superficie di una piattaforma, l'acqua disciolta nell'effetto di ricaduta crea delle imperfezioni nel ghiaccio, causando crepe in profondità e in ampiezza, che, eventualmente, potrebbero determinare il collasso delle piattaforme di ghiaccio, scatenando il flusso della terra ghiacciata dietro di loro.

"Gli aumenti di temperatura dell'aria, e la fusione di superficie e i ristagni, ha portato al crollo improvviso e catastrofico di un certo numero di piattaforme di ghiaccio" ha detto Trusel, autore principale dello studio, pubblicato ieri su Nature Geoscience. Questi crolli sono stati osservati sulla Penisola Antartica, dove l'assottigliamento e il ritiro delle grandi lastre di ghiaccio è stato particolarmente marcato grazie al riscaldamento superiore alla media nella zona. La preoccupazione, però, è che più piattaforme di ghiaccio che circondano l'Antartide, comprese le zone più fredde, inizieranno a cedere nel momento in cui le temperature continuano ad aumentare e che le parti più interne dell'Antartide, seguiranno a ruota.

I ricercatori hanno utilizzato dei modelli per studiare i potenziali impatti futuri in due diversi scenari di cambiamento climatico: una traiettoria "business-as-usual", in cui le emissioni di gas serra continuano ad aumentare per tutto il secolo, e una traiettoria più "middle-of-the-road", in cui le emissioni cominceranno a diminuire prima della metà del secolo, meno legate al riscaldamento del globo.
Essi hanno scoperto che in entrambi gli scenari, l'ampia superficie antartica si scioglie del doppio entro il 2050, con la quantità di acqua prodotta vicino alle 200 gigatonnellate metriche all'anno (un gigaton è un miliardo tonnellate).

Questa è una diagnosi preoccupante, dice Nerilie Abram, ricercatore del Centre of Excellence for Climate System Science at Australian National University, che non è stato coinvolto nello studio. Tuttavia, ha detto, "credo che il risultato più interessante è osservare la grossa divergenza nel predetto scioglimento del ghiaccio antartico durante la seconda metà del secolo."

Dopo il 2050, le proiezioni per i due scenari si discostano drasticamente. Al centro dello scenario medio-of-the-road, la fusione non aumenta molto dopo la metà del secolo. Ma in quello del business-as-usual, la fusione continua ad accelerare, eventualmente raggiungendo una velocità di più di 600 gigatonnellate metriche all'anno entro la fine del secolo.

Davvero, uno scenario apocalittico! Ma io sono ottimista di natura e seppure le proiezioni future non sono affatto buone, talvolta ciò che la Scienza afferma, fino a prova contraria, la realtà è sempre un'altra cosa. Può accadere di tutto in questa sfida umana. 

Il resto dell'interessante articolo potete leggerlo QUI su www.ndtv.com

Immagine: www.ndtv.com