Chernobyl: senza la presenza umana la fauna selvatica prospera


Finalmente una notizia che fa sorridere! Si vede che la non vicinanza all'uomo fa bene  alla fauna selvatica, come fa certamente bene ai cani, che senza la presenza umana diventano più intelligenti. Così asserisce uno studio pubblicato su Biology Letters da una ricercatrice dell'Università dell'Oregon.

Ma non è questo il punto.

Parliamo invece di Chernobyl e di come 30 anni dopo il drammatico incidente nucleare porti alla ribalta un fatto positivo in un luogo in cui la vita sembrerebbe improbabile.

In uno studio pubblicato ieri sulla rivista Current Biology, sembra che nelle 1600 miglia quadrate della Zona di contaminazione radioattiva, animali come alci, cinghiali, cervi, caprioli abbiano preso a prosperare.

"Quando gli esseri umani vengono rimossi, la natura fiorisce, anche sulla scia del più grave disastro nucleare del mondo", ha affermato Jim Smith, specialista in scienze della terra e dell'ambiente presso l'Università britannica di Portsmouth. "E 'molto probabile che i numeri della fauna selvatica di Chernobyl sono ora molto più elevati di quanto non fossero prima dell'incidente."

Studi precedenti condotti nella zona hanno mostrato importanti effetti delle radiazioni e una diminuzione delle popolazioni di fauna selvatica, ma Smith e i suoi colleghi ricercatori hanno scoperto che il tasso della popolazione di alci, caprioli, cervi e cinghiali sono molto vicini a quelli delle quattro riserve naturali incontaminate della zona.

Il team ha anche scoperto che il numero di lupi che vivono dentro e intorno al luogo è più di sette volte maggiore che in analoghe riserve naturali. "Questi dati univoci che mostrano una vasta gamma di animali che prosperano a poche miglia da un grave incidente nucleare illustrano la resilienza delle popolazioni della fauna selvatica liberata dalle pressioni degli insediamenti umani " ha aggiunto il coautore dello studio Jim Beasley dell'Università della Georgia.

 I ricercatori hanno detto che guardando a Chernobyl si potrebbe fornire un'idea delle conseguenze a lungo termine sulla fauna in seguito all'incidente nucleare di Fukushima, in Giappone.

Immagine: www.wired.com

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria