Passa ai contenuti principali

Clima: anche l'India si è impegnata

Anche l'India, dopo Stati Uniti e Cina, in vista del vertice delle Nazioni Unite a Parigi nel mese di dicembre, ha preso l'impegno di rallentare il tasso di crescita dei gas serra.

Il subcontinente indiano, terzo emettitore mondiale, ha promesso di tagliare un terzo della velocità con cui  emette gas a effetto serra nei prossimi 15 anni. Cio significa ridurre drasticamente il tasso di emissioni di anidride carbonica rispetto al prodotto interno lordo del 33-35 per cento entro il 2030 dai livelli del 2005.

Tutti i paesi sono tenuti a presentare i loro impegni nazionali di riduzione delle emissioni di carbonio oltre il 2020, noto anche come Intended Nationally Determined Contributions (INDC).  Questo documento é parte dell'esercizio concordato con i membri della convenzione lo scorso anno per delineare pubblicamente le azioni per il clima post-2020, che s'intende assumere. Questi impegni andranno a determinare in gran parte in che modo il mondo può raggiungere un patto ambizioso a basse emissioni di carbonio, resistente ai cambiamenti climatici futuri.

Nuova Delhi ha presentato il suo piano d'azione per il clima alla segreteria delle Nazioni Unite ieri l'altro. E' l'ultima grande economia a presentare dei programmi in vista del summit di Parigi, tuttavia, non si impegna a eventuali tagli assoluti delle emissioni di carbonio.

Negli Stati Uniti stanno già tagliando. Ma India e Cina non sono ancora considerati Paesi industrializzati, perciò è consentito loro (visto che da oltre un secolo l'Occidente lo ha fatto), d'inquinare ancora per qualche anno.

A mio parere dovrebbe essere che poveri e ricchi si dividono (ORA che c'è il problema) la torta in egual misura, magari qualcosina in più a chi è più grande. Non che a due, tre venga consentito di mangiare molto più degli altri perchè prima era inappetente... In India, secondo la Dichiarazione politica sul cambiamento climatico, il carbone continuerà a dominare la produzione di energia per lo sviluppo. Aumenterà, però, la quota di elettricità prodotta da fonti diverse dai combustibili fossili al 40 per cento entro il 2030.

Tra i due colossi asiatici, ancora troppo avvinti dal carbone, la Cina ha promesso che avrebbe raggiunto il picco delle emissioni entro il 2030, mentre l'India dice che la sua economia è troppo piccola e la sua gente troppo povera per accettare dei tagli assoluti dei gas serra sin d'ora.

Tuttavia, nessuno dei due Paesi adotta il Cape and trade (la Cina ha preso un impegno l'altro giorno ), che potrebbe aiutarli nel presentare al meglio la propria contabilità ambientale.

Le Nazioni Unite dicono che 146 nazioni, che rappresentano quasi il 87 per cento delle emissioni di gas serra mondiali, hanno emesso piani in fase di preparazione per Parigi. Esse comprendono tutti i membri del Group of 20, ad eccezione dell'Arabia Saudita, che teme per le sue esportazioni di petrolio.

Per gli esperti, pur se gli impegni sul clima segnano dei progressi - anche se pienamente attuati - non sarebbe sufficiente ad evitare che il pianeta si riscaldi di oltre 2 gradi Celsius (3,6 gradi Fahrenheit) entro la fine del secolo, dai tempi pre-industriali.

Il che fa comprendere che c'è bisogno di qualcosa di geniale per sistemare una volta per tutte la questione climatica. E' difficile, difficilissimo, ma se qualcosa di buono è nell'uomo, ci potrebbe magari essere qualche scienziato pazzo che, entro tempi praticabili, possa trovare la medicina giusta per guarire definitivamente il nostro bel pianeta.

By in.reuters.com - thebricspost.com

Immagine:  www.thestatesman.com


I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…