Passa ai contenuti principali

Isole Spratlys: sale la tensione tra Stati Uniti e Cina


Una nave da guerra ombra statunitense, a 12 miglia nautiche dal limite territoriale cinese nei pressi dell' arcipelago delle isole Spratly, sta facendo arrabbiare la Cina, che ha messo in guardia gli Stati Uniti.

La US Navy ha inviato nella barriera corallina artificiale nelle isole del  Mar Cinese Meridionale, la USS Lassen, un cacciatorpediniere lanciamissili. La disfida si tiene in una delle più trafficate vie marittime del mondo.

Un ufficiale della difesa Usa ha detto che la USS Lassen ha navigato in una zona a 12 miglia dalla Subi Reef e un altro ha aggiunto che la missione è durata poche ore, e comprendeva anche la Mischief Reef,  la grande barriera corallina nelle isole Spratly nel Mar Cinese Meridionale. La zona circostante la Mischief Reef, occupata e controllata da parte della Repubblica popolare cinese, pare sia ricca di giacimenti di petrolio e di gas ancora inesplorati. Questo avvicinamento alle contestate isole artificiali sarebbe stato il primo di una serie di esercizi di libera di navigazione volti a testare le rivendicazioni territoriali della Cina.

Il ministero degli Esteri cinese ha detto che le "autorità competenti" hanno monitorato, hanno seguito e avvertito la USS Lassen di essere entrata "illegalmente" nelle acque vicine alle isole Spratlys senza il permesso del governo cinese.

In un comunicato del ministero, che non ha fornito dettagli su dove la nave americana stia  navigando, la Cina, rispondendo risolutamente alle deliberate provocazioni, continua a monitorare da vicino i mari e lo spazio aereo, adottando tutte le misure necessarie conformemente alla necessità. Esorta, dunque, gli Stati Uniti di gestire coscienziosamente la seria protesta cinese, e correggere immediatamente il suo errore, non intraprendendo alcun atto pericoloso o provocatorio che minaccia la sovranità e gli interessi di sicurezza.

Il secondo funzionario della difesa Usa ha detto che ulteriori pattugliamenti seguiranno nelle prossime settimane e potrebbero anche essere condotti intorno al tratto di mare che il Vietnam e le Filippine hanno costruito nelle isole Spratlys.

"Questo è qualcosa che avverrà normalmente, non un evento una tantum", ha detto il funzionario. "Non è qualcosa che è unico in Cina."

Il portavoce della Casa Bianca Josh Earnest rispondendo alle domande sulle eventuali specifiche operazioni al Pentagono, ha detto che gli Stati Uniti avevano chiarito alla Cina l'importanza del libero flusso del commercio nel Mar Cinese Meridionale.

La Cina rivendica la maggior parte del Mar Cinese Meridionale, attraverso il quale, ogni anno, transita più di 5 trilioni di dollari del commercio mondiale. Vietnam, Malesia, Brunei, Filippine e Taiwan hanno simili rivendicazioni.

Fonte e immagine: www.reuters.com



I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…