Conferenza sul clima di Parigi 2015: l'ora della verità


Tra una ventina di giorni avrà inizio la Conferenza sul clima di Parigi (COP21) e quello che accadrà sarà la risposta dell'uomo nel riparare i guasti compiuti in passato. Perchè, una cosa è chiara, non si potrà più sbagliare, perchè non c'è più margine a disposizione. A Parigi o si sistema definitivamente la situazione climatica planetaria, o nei prossimi anni (ma già ora) saremo tutti quanti vittime delle conseguenze che ne derivano.  

Supponendo che si ha intenzione di vivere su questo pianeta per molto tempo ancora, in contrasto con l'adesione al progetto di colonizzazione Mars One, saremo colpiti dal cambiamento climatico e dovremmo preoccuparci dell'esito della conferenza sul clima di Parigi, come sarà fondamentale nell'elaborazione la risposta internazionale al cambiamento climatico di origine antropica.

Purtroppo non sarà una cosa semplice mettere d'accordo tutti.

COP sta per Conferenza delle Parti, una riunione annuale di tutte le nazioni che compongono il quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici: 195 nazioni in totale. Questa è la 21a riunione (quindi COP21), con la prima che si verificò a Berlino nel 1995.
 
Come le nazioni si preparano per il vertice sul clima di Parigi.

Lo scopo degli incontri è quello di valutare i progressi compiuti delle nazioni in materia di cambiamenti climatici e, ogni tanto, di negoziare accordi e fissare obiettivi per la riduzione delle emissioni di gas serra che sono alla base del cambiamento climatico.

Precedenti memorabili incontri includono COP3 a Kyoto, in Giappone, che ha portato il Protocollo di Kyoto; COP11, che ha generato il piano d'azione di Montreal; e COP15 a Copenhagen, Danimarca, che è stato in gran parte considerato un fallimento perché non è stato raggiunto un accordo vincolante.

Qual è l'obiettivo della Conferenza?

L'obiettivo per la Conferenza di Parigi è abbastanza chiaro: per raggiungere un accordo giuridicamente vincolante, con la partecipazione universale fra tutte le nazioni, per mantenere il riscaldamento globale al di sotto di quello che la maggior parte degli scienziati dice sia la soglia critica di 2 gradi Celsius di riscaldamento. (Si riferisce all'aumento della temperatura media globale a partire dalla Rivoluzione Industriale). Pur tuttavia, questo non sarà un obiettivo facile da raggiungere, dato che il pianeta è già riscaldato di 0,85 gradi Celsius dal 1880, così dice l'ultimo rapporto nel 2014 dell'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), e molti scienziati dicono che i gas già emessi in atmosfera sono stabilizzati sull'aumento della temperatura media globale di 2 gradi Celsius.

Ciò significa che ci vorrà una significativa riduzione delle emissioni in un prossimo futuro, soprattutto da parte dei più grandi emettitori come Stati Uniti, Cina, India, nonché gli impegni per lo sviluppo sostenibile di tutti i paesi, che deve essere finanziato dalle nazioni sviluppate (più ricche).

Con più di 40.000 delegati provenienti da 195 paesi di tutto il mondo, il COP21 è un grande incontro. In realtà, questa è la più grande conferenza che il governo francese abbia mai organizzato. Il presidente del paese ospitante Francois Hollande accoglierà molti grandi leader mondiali, tra cui il presidente americano Barack Obama, il presidente cinese Xi Jinping e il primo ministro indiano Narendra Modi, leader dei tre paesi con le maggiori emissioni di anidride carbonica.

Tutti (o quasi) sperano il via ai negoziati con un certo slancio politico. Si tratta di un cambiamento netto dal COP15 di Copenaghen, quando i capi di stato, tra cui Obama, si presentarono alla Conferenza negli ultimi due giorni di trattative. Ciò provocò lenti negoziati giungendo così ad una fase di stallo che non portò nulla di buono.

Non è chiaro se Papa Francesco sarà presente alla Conferenza. Il Papa in fondo si sta mostrando un grande appassionato per la battaglia contro il cambiamento climatico, e la sua enciclica, rilasciata nel mese di giugno, è stata ampiamente vista come un invito ad agire per fare pressione sui delegati presenti al COP21 a venire ad un accordo. Accordo che potrebbe essere compromesso però da un eventuale scontro di comprensione scientifica contro gli interessi socio-economici e politici accademici, che attualmente stanno manifestando resistenza. Questo prevarrà in occasione del vertice sul cambiamento climatico COP21 a Parigi a fine mese.

Rammentiamo a chi non sa, che il riscaldamento climatico porterà a frequenti ed estreme ondate di calore, siccità e inondazioni. Oltre a condizioni meteorologiche estreme, scioglimento dei ghiacciai e delle calotte polari, che fanno alzare il livello dei mari, e  continuerà e influenzare la vita di centinaia di milioni di abitanti della costa in tutto il mondo. Altri effetti del cambiamento climatico sono la scarsità d'acqua, cambiamento della domanda di approvvigionamento alimentare, e  come capiterà a tutti, i suoi effetti, colpirànno tutti, in modo sproporzionato il mondo in via di sviluppo.

Da Parigi, ci terrà aggiornati sulla Conferenza il nostro John Keyman.


Immagine: www.gouvernement.fr

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria