Passa ai contenuti principali

Il deserto del Mojave: la prossima miniera d'oro di energia pulita.


Come sostiene il futurologo Ian Pearson (se n'è parlato QUI), che entro il 2045 sarà possibile trasferire l'energia solare da luoghi come il deserto del Sahara per alimentare l'Europa, lo stesso si può dire del deserto del Mojave, il quale potrebbe essere la prossima miniera d'oro di energia pulita. 

Il deserto nel sud della California potrebbe avere un makeover (rifacimento) rispettoso dell'ambiente, dopo che l'amministrazione Obama ha rilasciato nuovi programmi per sviluppare altri progetti di energia rinnovabile sui terreni di proprietà federale.

L'altro giorno il dipartimento degli interni ha rilasciato la versione finale di un piano che aprirebbe circa mezzo milione di acri non contigui (oltre 2023 chilometri quadrati), per progetti come l'eolico e parchi solari nel deserto del Mojave e zone circostanti. Sarebbe anche più del doppio della quantità di terra dedicata alla protezione dei delicati ecosistemi desertici che ospitano specie vulnerabili, tra cui la tartaruga del deserto.

Il deserto del Mojave, che si estende attraverso la maggior parte della California del Sud, è una potenziale miniera d'oro per l'energia pulita. All'inizio di quest'anno, li vicino, al Joshua Tree National Park è stato aperto il più grande parco solare del mondo. 


Secondo l'Interior Department (Dipartimento degli Interni), il deserto e la sua area circostante hanno il sole e il vento potenziale per sostenere 20.000 megawatt di progetti rinnovabili, un numero pari circa alla quantità di energia solare installata oggi a livello nazionale. 

Nell'annunciare il piano, il segretario agli Interni  Sally Jewell ha detto che le terre pubbliche dovranno "giocare un ruolo chiave" per aiutare gli Stati Uniti raggiungere l'obiettivo di procurare il 20 per cento della sua elettricità da fonti rinnovabili (escluse le grandi dighe idroelettriche) entro il 2030, dal circa il 7 per cento di oggi.

Ma nel corso degli ultimi anni, gli sforzi per sviluppare tutto il potenziale che hanno scatenato scontri tra i sostenitori di energia pulita e gli ambientalisti che non vogliono vedere i paesaggi incontaminati coperti da vastità di pannelli solari. 

Un progetto pionieristico, il parco solare Ivanpah Lake, un impianto termico a concentrazione solare nel deserto del Mojave a 64 km a sud ovest di Las Vegas, è diventato una battaglia di principio di gruppi di ambientalisti che vogliono preservare la vita delle tartarughe nel loro habitat e che la luce solare concentrata muta le rotte di volo degli uccelli uccidendone decine di migliaia. Stime successive dicono che il bilancio delle vittime è molto più basso, ma la polemica Ivanpah sottolinea quanto sia difficile portare avanti i piani del governo per trovare un terreno comune tra competitori d'interessi ambientali. 

Il nuovo piano (finalizzato nel mese di ottobre, ma reso pubblico martedì) ha lo scopo di pulire l'aria analizzando accuratamente una fascia di 2 milioni di acri nella California del Sud  ed offre un esauriente possibilità su cui focalizzare lo sviluppo dell'energia pulita. Scienziati e pianificatori provenienti da una miriade di agenzie di  ricerca su flora e fauna, acqua, agricoltura, aree di interesse storico e culturale, ed altre caratteristiche, sono al lavoro nel tentativo di trovare i punti che hanno un alto potenziale energetico rinnovabile con il minimo impatto ambientale.

Per chi vuole approfondire QUI su grist.org

Immagine:  www. fortune.com
Nell'immagine The Ivanpah Solar Electric Generating System in una veduta aerea del 20 febbraio 2014 nel deserto di Mojave in California vicino a Primm, Nevada. Foto di Ethan Miller/Getty Images.

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…