Passa ai contenuti principali

Il ritorno del Colosso di Rodi

Credo che la notizia che riporto possa interessare alcuni dei lettori che capitano su queste latitudini del web. E' stata già pubblicata, con lo stesso titolo su un altro blog curato dal sottoscritto, e siccome la ritengo una notizia curiosa, ora la ripropongo qui, aggiungendovi anche l'immagine from CEN


Si parla dell'antico Colosso di Rodi, il quale potrebbe essere ricostruito, forse anche più alto, utilizzando le tecnologie che il XXI secolo offre. L'idea c'era da tempo, ma non era stata presa molto in considerazione.

Per dare ora un rinnovato vigore all'economia greca, dopo che una ricerca di mercato ha svelato che avrebbe fruttato migliaia di posti di lavoro, e probabilmente milioni di euro attraverso il turismo, l'idea sta tornando in auge: rifare il Colosso di Rodi, una delle meraviglie, e tra le più alte statue del mondo antico costruita nel 280 a.C. e distrutta da un violento terremoto nel 227 a.C. insieme ad altre cinque meraviglie tra cui il Faro di Alessandria, il Mausoleo di Alicarnasso, il Tempio di Artemide, i giardini pensili di Babilonia, e la Statua di Zeus, con solo la Grande Piramide di Giza sopravvissuta.

All'interno della statua il team, composto da architetti, ingegneri civili, economisti e archeologi vuole costruire un museo, che consentirebbe la visibilità di centinaia di oggetti attualmente non esposti in Grecia, a causa di mancanza di spazio. Per farci entrare tutto e tutti dentro, i più audaci del team hanno proposto di creare una statua ancora più grande di quella originale, costruendo una struttura di 150 metri di altezza.

Sperano anche in una biblioteca e in un centro culturale, insieme ad un faro, con un fascio di luce che può essere visto da 34-miglia, che non sarebbe solo un magnete per le navi, ma anche per i turisti.

La struttura tiene conto del rischio di terremoti e venti, che ricopre la superficie della statua dell'uomo con pannelli fotovoltaici, che fornirà l'autonomia energetica  al 100% , come il dio del sole che si alimenta esclusivamente da energia solare.

Altre immagini su www.dailymail

 Immagine: www.dailymail



I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…