Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene


Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di speranza che possiamo mantenere i nostri sistemi di supporto vitali per l'umanità e solo un amore per la natura e un amore delle balene", ha detto Jeff Hansen, Amministratore delegato di Sea Shepherd Australia.

Dopo la sosta presso la sede Sea Shepherd Australia, a Fremantle, Western Australia, la barca 53  metri sarà a capo sud con 30-35 membri di equipaggio a bordo per fare quello che ha sempre fatto: salvare il maggior numero possibile di balene.

In altri anni, Sea Shepherd ha inviato fino a quattro navi per interferire con la caccia alle balene giapponese, dice. Ma anche ad inviarla soltanto una in alcuni anni, si è comunque riusciti a salvare centinaia di balene. "Sarà più difficile con una sola nave, ma faremo sempre del nostro meglio con le risorse e i finanziamenti che abbiamo", ha detto Hansen.

Ecco come si stanno preparando. 

Il fulcro della flotta giapponese è una nave officina di 8.000 tonnellate chiamato Nisshin Maru, un peso di circa otto volte la Steve Irwin, con un equipaggio di circa 120 persone. Poi ci sono tre navi arpioni che disperdono e cacciano le balene, girandole verso la nave officina per la lavorazione. Ogni nave arpione è grande all'incirca come la Steve Irwin, spiega Hansen, e la loro tecnica sarà anche quella di utilizzare balene morte per proteggere quelle vive. Come fanno? Arrivare ad operare fisicamente nel modo di capacità della flotta baleniera. La posta in gioco è drammaticamente alta, un vero conflitto in mare  con collisioni reali, con le navi giapponesi che rispondono sparando con cannoni ad acqua e tentativi con funi e catene di aggrovigliare l'elica.

Dopo 10 anni di campagne contro la caccia alle balene, Sea Shepherd ha appreso che uno degli interventi più efficaci è quello di venire fisicamente tra la barca arpione e la barca officina, in modo che le balene morte non possono essere scaricate. "Se non riescono a caricare le balene morte, non possono uccidere quelle vive." ha detto Jeff Hansen.

Ma perchè ai giapponesi piace mangiare la carne di balena?

E' presto detto.

Dopo la seconda guerra mondiale  l'economia del Giappone era andata in frantumi, il cibo era scarso e la carne in modo particolare. Così il generale Douglas MacArthur, che governò efficacemente il Giappone durante l'occupazione alleata post-bellica, decise che i giapponesi dovevano ottenere proteine ​​dal mare. Nel 1946, autorizzò pertanto due navi cisterna militari per trasformarle in baleniere giganti, inaugurando così una nuova era della caccia industriale alle balene in Giappone. Una generazione di bambini giapponesi è cresciuto mangiando carne di balena nelle mense scolastiche.



 Immagine: www.inverse.com