Passa ai contenuti principali

COP21: spinta finale verso un difficile accordo sul clima


La Conferenza di Parigi sul cambiamento climatico (COP21) in corso a Parigi è stata oscurata da minacce più immediate come il terrorismo, ma il vertice delle Nazioni Unite potrebbe in qualche modo fare la differenza. Se non si fermano le conseguenze peggiori dei cambiamenti climatici, le emigrazioni e le crisi legate all'aumento della siccità, nonchè agli eventi estremi indotti dall'uomo, questo provocherà tensioni ed ulteriori conflitti. Inoltre, siccome la soluzione è abbandonare l'utilizzo di carbone, petrolio e poi di gas (il petrolio alimenta le guerre), una prospettiva della politica di cooperazione tra le grandi economie per investire nelle energie alternative può ridurre le pressioni su quelle risorse per  le quali si rischiano guerre non solo locali ma anche su vasta scala.

Per alcuni attivisti ambientali presenti nella capitale francese i negoziati sul clima non sono sufficienti. I leader mondiali debbono ascoltare con più attenzione le parole di Papa Francesco sui cambiamenti climatici.

Al momento, come accade in ogni Conferenza, la bozza di 48 pagine che è emersa ieri contiene ancora un numero di potenziali campi minati (più di 900 parentesi quadre, utilizzate per indicare le aree di disaccordo) che potrebbero finire col rilasciare un accordo finale molto debole o addirittura impossibile da concludere.

Alcuni delegati sono preoccupati che troppo viene lasciata ai politici. Saranno infatti i ministri di tutto il mondo che si riuniranno a Parigi a dare la spinta finale per un nuovo patto globale sul clima.

"Da oggi inizia la settimana del compromesso: è una settimana difficile", ha detto in una conferenza stampa Miguel Arias Canete, Commissario dell' European Union's Climate.
Ci sono ancora disaccordi sul fatto se questo sarà un accordo giuridicamente vincolante, o se solo una parte di esso lo sarà.

Molte nazioni insulari vogliono un testo che faccia riflettere sul fatto che se il mondo si riscalda più di 1.5C, le loro case saranno spazzate via dall'innalzamento del livello dei mari. Altri paesi favoriscono un obiettivo a due gradi.

Un altro aspetto fondamentale è la questione della differenziazione. Quando la Convenzione ONU sul clima venne firmata nel 1992, il mondo era diviso in paesi sviluppati e in via di sviluppo. I paesi più ricchi ora vogliono il nuovo accordo di Parigi per riflettere come sia cambiato il mondo. "Sia i paesi sviluppati che quelli in via di sviluppo ora riconoscono che il mondo è cambiato", ha detto Michael Jacobs, consigliere sul  clima del primo ministro britannico al momento dei colloqui di Copenaghen nel 2009, Gordon Brown.

L'accordo che si prospetta "è disordinato," ha detto un delegato europeo, aggiungendo che la bozza contiene comunque i chiari contorni di un accordo ed è stato impressionante vedere delegati provenienti da quasi tutti i paesi che affermano di volere un accordo per sabato venturo.

Altre news su COP21

Ieri l'attore americano Sean Penn, che è intervenuto alla Conferenza parlando del ruolo importantissimo delle foreste nel mitigare il riscaldamento climatico, ha detto di ritenere la riunione di Parigi come "il momento più emozionante della storia umana", perché "i giorni dei sogni hanno lasciato il posto ai giorni del fare".

Intanto, nella parte orientale della capitale francese centinaia di persone sono scese in piazza per attirare l'attenzione su soluzioni alternative al riscaldamento globale. La manifestazione si è tenuta a margine di un "vertice alternativo", che sta tenendo dibattiti e workshop per discutere di diversi modi di tagliare le emissioni di carbonio.

Mathieu Dore che è il coordinatore per "International village of alternatives", ha dichiarato: "Esistono già soluzioni alla crisi climatica ... L'idea è quella di portare il messaggio per le strade per rendere il pubblico consapevole del fatto che vi sono altre alternative e non sono triste, non è un tornare all'età della pietra o all'utilzzo di candele . E inoltre, siamo in grado di cambiare facilmente le cose, possiamo adattarci con alternative per salvare il clima in modo facile e felice. ", Uno di questi modi è quello di "mangiare meno carne". Le ultime ricerche dicono che l'agricoltura provoca il 15% di tutte le emissioni, la metà delle quali provengono dal bestiame. Gli esperti sostengono che mangiare meno carne rossa sarebbe un modo migliore per le persone a ridurre le emissioni di carbonio piuttosto che rinunciare alle loro auto.

Sempre ieri, all'Angelus, a due giorni dall'apertura della Porta Santa della Misericordia il Papa ha lanciato un appello ai partecipanti alla Conferenza Cop21 sul clima. A Parigi, ha detto Papa Francesco, ogni sforzo dovrebbe essere rivolto ad attenuare gli impatti dei cambiamenti climatici e nello stesso tempo a contrastare la povertà e far fiorire la dignità umana.  Chiede poi ai fedeli di pregare affinchè i partecipanti alla Conferenza sul clima abbiano il coraggio di avere come unico criterio per decisioni così importanti il bene della famiglia umana

 Francesco ha poi esortato tutti a convertirsi, a non popolare i "deserti dell'umanità" "affollati da menti chiuse e cuori duri". "Dobbiamo abbassare le montagne dell'orgoglio e della rivalità,  riempire i burroni scavati dall'indifferenza e dall'apatia, raddrizzare i   
 sentieri di pigrizie e compromessi
".  E questo appello, a mio parere, è ben più difficile da raggiungere che l'accordo sul clima.

By redazione e John Keyman da Paris

Immagine: www.commondreams.org


Fonti: the guardian - euronews.com - financial time



I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…