Le emissioni globali di carbonio potrebbero calare nel 2015


Un nuovo rapporto del Global Carbon Project (GCP) mostra, nonostante la attuale crescita economica globale, che le emissioni da combustibili fossili a livello mondiale dovrebbero diminuire entro l'anno. Se è davvero una diminuzione, dicono gli autori dello studio, questa sarebbe la prima volta che le emissioni globali di anidride carbonica stanno diminuendo, anche se di poco, mentre l'economia mondiale cresce.

"Dopo una crescita sostenuta delle emissioni negli ultimi dieci anni, la crescita delle emissioni della Cina ha rallentato al 1,2% nel 2014 e si prevede un calo di circa il 4% nel 2015". "Abbiamo una montagna (di emissioni) di fronte a noi", ha detto il Professor Corinne Le Quéré, Director del Tyndall Centre all'University of East Anglia. "Con due anni di crescita atipiche delle emissioni, sembra che la traiettoria delle emissioni globali stia, temporaneamente, mutando".

Questo possibile declino sarebbe il primo in un  periodo di forte crescita economica globale. In particolare, i ricercatori prevedono che quest'anno non solo la crescita delle emissioni di biossido di carbonio potrebbe rallentare o rimanere in fase di stallo, ma che c'è anche la possibilità che le emissioni di crescita possano diminuire del 0,6% .

I maggiori responsabili delle emissioni nel 2014 sono stati la Cina, che rappresenta il 27% delle emissioni totali del mondo, gli Stati Uniti con il 15%, l'Unione europea, con il 10%, e l'India con il 7%. Secondo la University of East Anglia e Carbon Project Global ci sono stati però significativi miglioramenti da parte di queste regioni dove la crescita globale della CO2 ha rallentato al 0,6% nel 2014.

La Cina rappresenta più di un quarto delle emissioni industriali mondiali di gas a effetto serra, e le nuove cifre riflettono ampi spostamenti dell'economia cinese che ha portato a ridurre la crescita delle emissioni nel 2014, così come il rischio di emissioni in calo nel 2015. A livello globale, è improbabile che le emissioni abbiano raggiunto il picco, perché molte economie in crescita si affidano ancora al carbone per la produzione di energia e la riduzione delle emissioni in alcuni paesi industrializzati sono ancora molto modesti, dice lo studio.

Immagine: www.theguardian.com