Passa ai contenuti principali

C'era una volta il Polo Nord


Mi vien da dire: C'era una volta il Polo Nord

Secondo gli scienziati le temperature artiche della superficie del mare e dell'aria sono straordinariamente caldi, impedendo la formazione di ghiaccio marino  al Polo Nord già dal prossimo anno.

Ricercatori danesi e statunitensi stanno monitorando l'Artico con satelliti e stazioni meteorologiche e sono sorpresi e allarmati per la temperatura dell'aria con picco che reputano inaudito di 20C superiore al normale per il periodo dell'anno. In aggiunta, la media delle temperature del mare sono di quasi 4C più elevate rispetto a quelle usuali in ottobre e novembre.

Il mare di ghiaccio, che si forma e si scioglie ogni anno" ha detto il professor Jennifer Francis of Rutgers university, è diminuito di oltre il 30% negli ultimi 25 anni. Questa settimana ha raggiunto la misura più bassa mai registrata per la fine di novembre.

Secondo lo statunitense National Snow and Ice Data Centre (NSIDC), sono circa 2m chilometri quadrati di ghiaccio in meno formatosi da settembre rispetto alla media. Il livello è molto al di sotto dello stesso periodo del 2012, quando il ghiaccio marino ha continuato a registrare un livello record annuo sempre più basso.

Francis ha affermato di essere convinto che la causa delle temperature elevate e la perdita di ghiaccio dipende dal cambiamento climatico. È tutto previsto. Non c'è niente ma il cambiamento climatico può essere la causa di queste tendenze. Tutto questo sta andando nella stessa direzione e sta prendendo velocità.

Rasmus Tonboe, un esperto di ghiaccio marino del Danish Meteorological Institute in Copenhagen, ha detto: "Le temperature della superficie del mare nei Mari di Kara e Barents, sono molto più calde del solito. Questo rende estremamente difficile per il ghiaccio marino di congelare.

Julienne Stroeve, professore presso la postazione polare dello University College London, ha detto che il ghiaccio che doveva aumentare in questo periodo dell anno si sta ritirando. "È stato un anno pazzesco. Ancora non vi è nessun ghiaccio alle Svalbard. Negli ultimi giorni si è registrato un calo del ghiaccio marino nel mare di Bering. Aria molto calda ha inondato l'Artico da sud, premendo il ghiaccio verso nord.

"La temperatura dell'aria aziona la formazione di ghiaccio. E 'stato davvero in gran ritardo quest'anno. quindi il ghiaccio è anche molto più sottile di quello che è di solito. La velocità con cui questo sta accadendo mi sorprende. Nell'Artico la tendenza è stata chiara per anni, ma la velocità con cui sta accadendo è più veloce di qualsiasi altro pensiero ", ha detto Strove.

"Il ghiaccio è molto sensibile alle condizioni atmosferiche. Vi è un enorme alta pressione sopra il Kara sea, e Eurasia e Canada. Stiamo assistendo a venti molto forti che portano aria calda dal nord."

Il significato della formazione del ghiaccio in ritardo riguarda la sua crescita per l'anno successivo, con conseguenze per il clima. Vento estremo e temperature dell'aria elevate [oggi]," ha detto il professore Stroeve, "potrebbe riguardare un ghiaccio più sottile per il prossimo anno al di sotto del record del 2012".

Ed Blockley, scienziato di punta del UK Met Office’s polar climate group, ha detto: "Il mare di ghiaccio è estremamente basso. Si tratta di un congelamento assai lento. La scorsa settimana il mare di Barents ha ridotto la sua copertura di ghiaccio. C'era meno ghiaccio alla fine che all' inizio. "Queste anomalie di temperatura non sono senza precedenti, ma questo è certamente straordinario. Stiamo assistendo ad un continuo declino nel ghiaccio. E 'probabile che sia un incidente di percorso, ma ci mette in una non buona posizione di partenza per il prossimo anno ".

Fonte ed immagine by www.theguardian.com

 

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…