Passa ai contenuti principali

Idrogeno, la realtà della prossima generazione

Come sappiamo l'idrogeno non esiste allo stato naturale. Bisogna produrlo ma ciò implica di usare l'utilizzo di altre energie per ottenerlo. Ma non si possono usare le energie fossili, altrimenti inquinerebbero ma se si usa energia pulita se ne ottiene poca quantità. 

In India gli scienziati dell' IIT-Kharagpur stanno lavorando a questo problema e si pongono di trasformare queste idee next-generation in realtà. 

Nel momento in cui la voracità di energia su cui si basa tutta la nostra economia fa consumare miliardi di barili annui di petrolio nel mondo, che sommati al consumo di carbone e di gas naturale, contribuiscono ad una immissione in atmosfera di milioni e milioni di tonnellate di anidride carbonica al giorno, i ricercatori dell'istituto di ingegneria pubblica indiana stanno generando il gas dalla distillazione di acque reflue. Mai come in questo momento c'è necessita di sviluppare fonti energetiche alternative, e questa è musica per le orecchie del governo indiano, ma di tutto il mondo.


Il ministero delle energie rinnovabili sta finanziando l'intero progetto e ha già pubblicato la ricerca pionieristica nella sua pubblicazione, Akshay Urja. Il lavoro innovativo è stato anche pubblicato su rispettabili riviste internazionali come Elsevier e da allora sono state copiate e diffuse tra le piattaforme online di ricerca scientifica.

Secondo i ricercatori, il 95% dell'idrogeno prodotto commercialmente ora arriva da materie prime contenenti carbonio, principalmente fossili. Tuttavia, i processi di produzione convenzionali sono ad alta intensità energetica e non sempre rispettose dell'ambiente.



Il processo di distillazione di acque reflue avrà un duplice effetto: la produzione di idrogeno e biorisanamento di acque reflue, ha detto Debabrata Das (nell'immagine a lato), docente del dipartimento di biotecnologia, che sta conducendo la ricerca. Un bioreattore con un volume di 10 metri cubi è stato installato presso l' IIT Kharagpur per produrre idrogeno continuamente effluente dalla distilleria. "Questo gas può essere utilizzato anche nella cella a combustibile per generare direttamente 52kwh di energia elettrica che può illuminare un intero villaggio", ha precisato Das.

L'idrogeno può essere adatto come carburante nei veicoli e tutte le principali aziende automobilistiche sono in concorrenza fra loro per costruire le automobili nel prossimo futuro a idrogeno.

L'aumento mostruoso del consumo di energia entro il 2030 richiederebbe una risorsa alternativa di carburante con la più alta densità di energia. L'idrogeno rispetta questo criterio. 

L'idrogeno viene considerato il combustibile del futuro, perché ha la più alta densità di energia, pari a 143kJg", ha spiegato Das.

Il ministero delle energie rinnovabili nel suo "National Hydro gen Energy Road Map " ha previsto che entro il 2020, un milione di veicoli alimentati a idrogeno circoleranno sulle strade indiane e 1.000 MW di capacità di generazione di energia a idrogeno potrebbe essere istituito nel paese. E ha affidato il lavoro a IIT Kharagpur con l'intento di raggiungere questo obiettivo nel più breve tempo possibile.



 Immagini: www.mnre.gov.in

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…