La Sirenetta di Copenaghen è stata dipinta di rosso da attivisti per i diritti degli animali

Il simbolo più famoso della Danimarca, "La Sirenetta ", è stata dipinta di vernice rossa nella protesta della caccia alle balene. Sul terreno davanti alla statua è stato scritto in rosso, in inglese e in danese, "la Danimarca difende le balene delle Isole Færøer", probabilmente un riferimento al caccia delle balene pilota nelle isole dell'Atlantico settentrionale durante i mesi estivi, dicono i media danesi.

Le autorità delle Isole Faeroe permettono agli isolani di guidare mandrie di balene pilota in acque poco profonde, dove vengono pugnalate a morte. La carne e il burro vengono poi condivise nella macellazione non commerciale, una pratica "barbara" in cui l'acqua diventa rossa del loro sangue che risale alla fine del XVI secolo. Da quelle parti le balene non sono una specie in via di estinzione. 

La popolazione delle balene pilota nell'Atlantico settentrionale orientale è abbondante con circa 778.000 balene, di cui 100.000 intorno alle Isole Faroe. Gli isolani cacciano e uccidono in media 800 balene pilota ogni anno.

La Little Mermaid "la Sirenetta" è stata creata dallo scultore danese Edvard Eriksen in omaggio al narratore danese Hans Christian Andersen. Seduta su una roccia all'ingresso del porto di Copenaghen dal 1913, è stata anche un bersaglio popolare per i vandali, che il
24 aprile del 1964, alcuni artisti del movimento situazionista, tra cui Jørgen Nash, segarono e sottrassero la testa della statua che non venne mai ritrovata, e dovette essere sostituita con una copia

 Immagine: www.gannett-cdn.com

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria