Passa ai contenuti principali

Pechino, inizia il summit OBOR


Tra qualche ora prenderà il via a Pechino il summit di due giorni in cui la Cina presenterà il progetto riguardante la costruzione di una grande rete commerciale, chiamata OBOR  (“One Belt, One Road”) che collegherà l'Asia, l'Africa, il Medio Oriente e l'Europa.

Il progetto fu introdotto nel 2013 dal presidente Xi Jinping, in una versione riveduta e corretta della vecchia Silk Road (Via della seta), percorso per eccellenza del traffico commerciale nei secoli XVI e XVIII. OBOR sarà una vasta rete di percorsi marittimi e terrestri in decine di paesi. Avrà un impatto di 4,4 miliardi di persone. Si dice che la Cina spenda un miliardo di dollari su di esso. Non è un progetto a se stante, ma sei percorsi principali che includeranno diverse linee ferroviarie, strade, porti e altre infrastrutture. La Cina afferma che questi corridoi economici non solo costruiranno infrastrutture in paesi che non possono permettersi di farlo ma anche di rafforzare il commercio globale.

La Cina afferma che il progetto è aperto a tutti, ma ha anche individuato 65 paesi lungo l'itinerario tracciato che, sin dalle fasi iniziali della proposta, hanno insistito per parteciparvi (indipendentemente dal fatto che l'abbiano confermato o no). Per Fung Business Intelligence le 64 nazioni più la Cina rappresentano il 60% della popolazione mondiale e il 30% del suo PIL.

Questa settimana il ministero degli Esteri della Cina ha confermato che al summit saranno presenti 29 capi di stato e 1.500 partecipanti cinesi e stranieri. Secondo Bloomberg, la Cina chiederà ai capi di stato presenti al forum di firmare un comunicato comune che appoggi le sue posizioni economiche e diplomatiche.

Gli esperti cinesi hanno avvertito che soltanto l'India, che non ha confermato la sua partecipazione al forum, resterebbe isolata nella regione, nonostante la sua considerevole influenza, se continuasse la sua posizione sui legami con la Cina. Anche il Nepal ha firmato formalmente l'accordo quadro One Belt One Road a a Kathmandu, lasciando l'India come unico paese dell'Asia meridionale non coinvolto nella ambiziosa strategia economica cinese. Dopo l'annuncio sull'ingresso del Nepal, gli esperti di politica estera in Cina hanno dichiarato che questa forza costringerà l'India a seguire l'esempio nel prossimo futuro o affrontare l'isolamento.

Tuttavia, sembra che le defezioni di altri Paesi dell'OBOR non siano poche. Uno sguardo più attento all'elenco dei partecipanti dimostra che solo 20 paesi dell' OBOR invieranno i loro capi di stato. In altre parole, 44 nazioni OBOR non inviano i loro leader al summit.  Nessuna delle nazioni del Medio Oriente lo vuole; né la maggior parte dei paesi europei.

A quanto pare, se  Donald Trump si rivolge alla sola America con la sua politica "America First" ,  Xi si è impegnato a fornire un esempio della globalizzazione in salsa cinese.

IMMAGINE: www.thefinancialexpress-bd.com/
 Pechino

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…