Passa ai contenuti principali

Russia: il governo ridisegna la gestione artica


A distanza di più di due secoli, dalla guerra franco-indiana che si ebbe nel XVIII secolo tra inglesi e francesi, in cui impavidi esploratori si addentravano nei freddi territori dei nativi del Nord America alla ricerca del mitico Passaggio a Nord Ovest, tanta acqua ne è passata sotto i ponti. Le gesta di quegli uomini sono ben comprensibili guardando un vecchio film avventuroso di King Vidor "Passaggio a Nord-Ovest ", interpretato da Robert Young e Spencer Tracy, nelle vesti del maggiore Rogers.

Oggi tutta quella zona e l'Artico in generale, è diventata una grande e fredda autostrada marina su cui navigano grandi bastimenti merci e rompighiaccio nucleari alla ricerca di fonti energetiche per soddisfare l'insaziabile fame di energia che assilla il genere umano.  

Per la Russia lo sviluppo della Northern Sea Route (rotta del Mare del Nord) è diventata una priorità fondamentale nella strategia del trasporto russo ed è un percorso di spedizione definito ufficialmente dalla legislazione russa.

L'intero percorso si trova nelle acque artiche e all'interno della zona economica esclusiva (ZEE) in una zona marina prescritta dalla Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare, in luoghi privi di ghiaccio per soli due mesi all'anno. Il percorso complessivo sul lato russo dell'Artico tra Capo Nord e lo Stretto di Bering è chiamato Passaggio di Nord-Est, analogo al Passaggio a Nord Ovest.

Il governo mira a ridisegnare la gestione artica, e l''amministrazione del percorso della Northern Sea Route potrebbe aumentare il suo ruolo negli affari artici russi, assumendosi la responsabilità dello sviluppo delle infrastrutture regionali e della gestione dei rompighiaccio nucleari. A riguardo, il Ministero dei trasporti si propone di trasferire la gestione degli icebreakers nucleari dall'impresa statale Rosatom al nucleo statale della Direzione del percorso del Mare del Nord. La proposta è sostenuta dal primo ministro Dmitry Medvedev e dal suo vice Dmitry Rogozin, riferisce Kommersant.

Attualmente l'amministrazione navale del Mare del Nord di Mosca si occupa principalmente della regolamentazione del traffico nelle acque artiche russe, incluso il rilascio delle autorizzazioni di navigazione. Il trasferimento dei poteri all'amministrazione del percorso del Mare del Nord contribuirà ad aumentare l'efficienza e risparmiare i soldi, sostiene il Ministero dei trasporti. Tuttavia, se Rosatom perde il controllo della flotta di icebreaker nucleare, sarà un colpo per le attività della società nell'Artico. Negli ultimi anni, Rosatom ha significativamente ampliato il suo impegno nella regione e ha anche guidato il programma di sviluppo sulla costruzione di nuovi icebreakers nucleari. Tre potenti navi LK-60 sono in costruzione al Baltic Yard di San Pietroburgo. La prima delle navi, «Arktika», è stata posta sull'acqua nel giugno 2016. La costruzione di due altre navi, «Ural» e «Sibir», è stata lanciata nel maggio 2015 e nel luglio 2016.

L'amministrazione del percorso del Mare del Nord dovrebbe diventare un cosiddetto operatore logistico integrato nell'Artico. Ciò include la responsabilità per l'idrografia regionale, l'emergenza, il salvataggio e la preparazione, nonché la gestione di icebreakers a motore nucleare. La proposta viene dopo che il presidente Putin nel recente Forum Artico di Arkhangelsk ha chiarito di aver commissionato il suo governo a creare «una struttura separata responsabile del complesso sviluppo della rotta del Mare del Nord e dei suoi territori adiacenti, tra cui infrastrutture, idrografia, sicurezza, gestione E tutti gli altri servizi necessari ». Nel suo discorso al forum, Putin ha sottolineato che «il cambiamento nelle condizioni del ghiaccio e l'aspetto di nuove navi moderne rende questa rotta un' arteria per tutto l'arco dell'anno, con enormi potenzialità per l'economia russa e mondiale».

Immagini: barentsobserver.com  - www.cinekolossal.com

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…