Russia: il governo ridisegna la gestione artica


A distanza di più di due secoli, dalla guerra franco-indiana che si ebbe nel XVIII secolo tra inglesi e francesi, in cui impavidi esploratori si addentravano nei freddi territori dei nativi del Nord America alla ricerca del mitico Passaggio a Nord Ovest, tanta acqua ne è passata sotto i ponti. Le gesta di quegli uomini sono ben comprensibili guardando un vecchio film avventuroso di King Vidor "Passaggio a Nord-Ovest ", interpretato da Robert Young e Spencer Tracy, nelle vesti del maggiore Rogers.

Oggi tutta quella zona e l'Artico in generale, è diventata una grande e fredda autostrada marina su cui navigano grandi bastimenti merci e rompighiaccio nucleari alla ricerca di fonti energetiche per soddisfare l'insaziabile fame di energia che assilla il genere umano.  

Per la Russia lo sviluppo della Northern Sea Route (rotta del Mare del Nord) è diventata una priorità fondamentale nella strategia del trasporto russo ed è un percorso di spedizione definito ufficialmente dalla legislazione russa.

L'intero percorso si trova nelle acque artiche e all'interno della zona economica esclusiva (ZEE) in una zona marina prescritta dalla Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare, in luoghi privi di ghiaccio per soli due mesi all'anno. Il percorso complessivo sul lato russo dell'Artico tra Capo Nord e lo Stretto di Bering è chiamato Passaggio di Nord-Est, analogo al Passaggio a Nord Ovest.

Il governo mira a ridisegnare la gestione artica, e l''amministrazione del percorso della Northern Sea Route potrebbe aumentare il suo ruolo negli affari artici russi, assumendosi la responsabilità dello sviluppo delle infrastrutture regionali e della gestione dei rompighiaccio nucleari. A riguardo, il Ministero dei trasporti si propone di trasferire la gestione degli icebreakers nucleari dall'impresa statale Rosatom al nucleo statale della Direzione del percorso del Mare del Nord. La proposta è sostenuta dal primo ministro Dmitry Medvedev e dal suo vice Dmitry Rogozin, riferisce Kommersant.

Attualmente l'amministrazione navale del Mare del Nord di Mosca si occupa principalmente della regolamentazione del traffico nelle acque artiche russe, incluso il rilascio delle autorizzazioni di navigazione. Il trasferimento dei poteri all'amministrazione del percorso del Mare del Nord contribuirà ad aumentare l'efficienza e risparmiare i soldi, sostiene il Ministero dei trasporti. Tuttavia, se Rosatom perde il controllo della flotta di icebreaker nucleare, sarà un colpo per le attività della società nell'Artico. Negli ultimi anni, Rosatom ha significativamente ampliato il suo impegno nella regione e ha anche guidato il programma di sviluppo sulla costruzione di nuovi icebreakers nucleari. Tre potenti navi LK-60 sono in costruzione al Baltic Yard di San Pietroburgo. La prima delle navi, «Arktika», è stata posta sull'acqua nel giugno 2016. La costruzione di due altre navi, «Ural» e «Sibir», è stata lanciata nel maggio 2015 e nel luglio 2016.

L'amministrazione del percorso del Mare del Nord dovrebbe diventare un cosiddetto operatore logistico integrato nell'Artico. Ciò include la responsabilità per l'idrografia regionale, l'emergenza, il salvataggio e la preparazione, nonché la gestione di icebreakers a motore nucleare. La proposta viene dopo che il presidente Putin nel recente Forum Artico di Arkhangelsk ha chiarito di aver commissionato il suo governo a creare «una struttura separata responsabile del complesso sviluppo della rotta del Mare del Nord e dei suoi territori adiacenti, tra cui infrastrutture, idrografia, sicurezza, gestione E tutti gli altri servizi necessari ». Nel suo discorso al forum, Putin ha sottolineato che «il cambiamento nelle condizioni del ghiaccio e l'aspetto di nuove navi moderne rende questa rotta un' arteria per tutto l'arco dell'anno, con enormi potenzialità per l'economia russa e mondiale».

Immagini: barentsobserver.com  - www.cinekolossal.com

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Granny, l'orca secolare e suoi 100 giri del mondo

C'era una volta il Polo Nord

Idrogeno, la realtà della prossima generazione

L'ultimo oceano: il regno del pinguino

Qatargas, la mossa strategica sul gas liquefatto

Il riscaldamento globale nell'immaginario collettivo

Land grabbing senza pietà tra le tribù indigene del Borneo