La nuova rotta commerciale attraverso l'Artico russo


Una nuova era si apre ai collegamenti marini attraverso quelle che un tempo erano considerate acque proibite.

Lo scioglimento del ghiaccio artico apre una nuova rotta dall'Europa all'Asia orientale. Lo ha tracciata una nave mercantile danese che ha completato con successo un viaggio di prova attraverso l'Artico russo. L'impresa, era un viaggio di prova che dimostra che lo scioglimento dei ghiacci potrebbe potenzialmente aprire una nuova rotta commerciale dall'Europa all'Asia orientale.

La Venta Maerskuna container Ship che trasportava un carico di pesce congelato, è arrivata a San Pietroburgo venerdì, dopo aver lasciato la città portuale russa di Vladivostok il 22 agosto.

La rotta del Mare del Nord potrebbe essere un viaggio più breve per le navi che viaggiano dall'Asia orientale verso l'Europa rispetto al passaggio a nord-ovest del Canada, perché probabilmente, a causa dei cambiamenti climatici,  sarà priva di ghiaccio prima.

Gli esperti ritengono  che potrebbe ridurre la distanza di viaggio dall'Asia orientale all'Europa dai 21.000 chilometri (13.000 miglia) necessari per percorrere il Canale di Suez, fino a 12.800 chilometri (8.000 miglia). Ciò ridurrebbe i tempi di transito di 10-15 giorni.

Non è la prima volta che una nave da carico ha completato la rotta artica russa, e la Venta Maersk ha sottolineato che il viaggio è servito   "ad acquisire esperienza operativa in una nuova area e per testare i sistemi delle navi".

"Attualmente, non vediamo la rotta del Mare del Nord come una valida alternativa commerciale alle rotte est-ovest esistenti", ha affermato ha affermato Palle Laursen, direttore tecnico di A.P. Moller-Maersk, il più grande gruppo di spedizioni del mondo..

"Oggi, il passaggio è possibile solo per circa tre mesi all'anno, che potrebbero cambiare nel tempo. Inoltre, dobbiamo anche considerare che le navi glaciali sono obbligate a fare il passaggio, il che significa un investimento aggiuntivo ".

Durante il viaggio di 37 giorni, la  Maersk è stata "in un dialogo serrato e regolare" con le autorità russe e le società rompighiaccio come misure precauzionali.

La compagnia ha detto che la nave che ha fatto il viaggio è tra le più grandi navi al mondo di classe del ghiaccio specificamente progettate per operare in acque fredde.

Fonte e immagine: www.theguardian.com