Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2010

24 settembre 2182: un grosso asteroide verrà a trovarci...

24 settembre 2182: Incontro molto ravvicinato. Un grosso asteroide verrà a trovarci

Siamo in piena estate, tra una dozzina di giorni potremo guardare le stelle cadenti nel cielo col cuore carico di speranza, poichè da tempi immemori, quello è il giorno o meglio la notte, dedicata al martirio di San Lorenzo, uno dei sette diaconi di Roma, martirizzato nel 258 durante la persecuzione voluta dall'imperatore romano Valeriano nel 257. Le stelle cadenti sono le lacrime versate dal santo durante il suo supplizio che vagano eternamente nei cieli e scendono sulla Terra solo il giorno in cui Lorenzo morì.

Poi, se volessimo spaziare altrove lo sguardo, magari con un potente telescopio, riusciremmo forse a individuare un grosso asteroide, conosciuto come 1999 RQ36(scoperto nel 1999), il quale, sembra che abbia tutta l'intenzione di entrare in collisione con il nostro pianeta.

Secondo gli scienziati, bisognerebbe cominciare a deviare con cannonate o quant'altro gli asteroidi prima che si…

I costi del solare e del nucleare: lo storico sorpasso

Sebbene abbia spesso condiviso l'idea dell'energia nucleare, questa notizia mi rende particolarmente felice, in quanto, come dice un sito d'oltremare "Il Santo Graal del settore dell'energia solare non può più essere un sogno lontano".
Difatti, secondo un nuovo studio condotto da due ricercatori della Duke University, il costo dell’energia solare ha sorpassato, in convenienza, quello del nucleare che, invece, aumenterà sempre di più. Il giro di boa storico è avvenuto al prezzo di 0,16 dollari al chilowattora, pari a 12,3 centesimi di euro. 
Non è un segreto che il costo di produzione di celle fotovoltaiche (PV) è calato da anni. Un impianto fotovoltaico di oggi costa il 50 per centoin meno di quello che prodotto nel 1998.

I progressi della tecnologia e nella produzione combinata con aumento della domanda e della produzione hanno consentito che il prezzo dell'energia solare diminuisse costantemente. Allo stesso tempo, i costi stimati per la costruzione d…

Si apre il Forum nucleare italiano

Il nucleare al centro del dibattito energetico come risorsa alternativa al ricorso dei combustibili fossili, per combattere l'inquinamento ambientale.

Nel mondo sono attivi 438 reattori nucleari che generano il 14% di energia elettrica disponibile, altri 58 sono in costruzione.

Anche se non ha centrali sul proprio territorio, l'Italia, si può definire un paese nucleare, visto che buona parte dell'energia importata è prodotta con l'atomo.

Secondo il governo italiano le tecnologie nucleari sono anche una buona occasione di sviluppo per le nostre aziende. Il primo obiettivo è di arrivare perlomeno ad una quota del 20% dell'energia elettrica prodotta in Italia.

Oggi l'annuncio della creazione delForum nucleare italiano, con presidente l'ex ambientalistaChicco Testa

Lo scopo del Forum è quello di favorire il dibattito e diffondere conoscenze tecniche, con l'ausilio di un comitato scientifico multidisciplinare, che coinvolga i cittadini e il mondo delle impr…

Il green restyling del caro vecchio Empire State Building

Un gran bell'affare per Anthony Concepcion, che nel green restyling  del più famoso grattacielo del mondo, l'Empire State Building di New York, deve occuparsi di adattare o sostituire ciascuna delle 6.514 doppie finestre in doppia lastra di vetro (26.056) le quali, evitando l'impatto ambientale del trasporto delle nuove finestre e di quelle vecchie al riciclaggio, porterà ad un risparmio di circa 2.300 dollari per ogni finestra.

Secondo un sondaggio condotto dalla American Institute of Architects, i 1.454 metri dell'Empire State Building, lo hanno reso l'edificio preferito dagli americani ed una delle attrazioni più amate del mondo. 

Il grattacielo, che per quattro decenni (sin dal suo completamento nel 1931, soppiantato poi dal 1972 dalle celebri torri gemelle del World Trade Center a cui toccò il tragico destino), è stato l'edificio più alto del mondo, ancora una volta, dopo l'11 Settembre è diventato il più alto di New York City e New York State.

Attualm…

Aumentano le isole di plastica nell'Oceano Pacifico

Il miliardario David de Rothschild, rampollo d'una delle famiglie più ricche del pianeta, è giunto da poche ore nella baia di Sidney, dopo un viaggio iniziato a San Francisco il 31 marzo, via Western Samoa e Nuova Caledonia  prima di arrivare in Australia, attraversando il Pacifico con il suo catamarano Plastiki,(in memoria delle gesta del norvegese Thor Heyerdal - il cui nipote fa parte dell'equipaggio - che nel 1947 sulla zattera Kon-tiki attraversò il Pacifico), costituito da 12.500 bottiglie di plastica. Le sue 9.000 miglia (15.000 km) di viaggio vogliono dire al mondo d'imparare a riciclare e prestare più attenzione all'ambiente, non gettando soprattutto immondizia negli oceani.


L'equipaggio è stato ispirato a intraprendere il viaggio dopo aver letto un rapporto dell'UNEP 2009 che ha rivelato che 13.000 pezzi di rifiuti di plastica galleggiano su ogni chilometro quadrato di oceano e che otto milioni di pezzi di rifiuti entrano negli oceani del mondo tut…

Trivellazioni della British Petroelum nel Mediterraneo ? Mmh...

Tra qualche settimana prenderanno il via 5 trivellazioni al largo delle coste libiche, a poche centinaia di chilometri dalla Sicilia, da parte della British Petroleum nel Golfo della Sirte, a circa 1700 metri in profondità, poco più della Deepwater Horizon, la piattaforma petrolifera al largo della Louisiana, da cui ha avuto origine il più grave disastro ambientale nella marea nera.

Ovviamente, la presenza nel cagionevole Mediterraneo di pozzi estrattivi della BP collocati di fronte alle coste siciliane e alle isole di Lampedusa e Pantelleria, diviene preoccupante.


Ma com'è lo stato delle trivellazioni in Italia, chiede il cronista del TGuno al direttore generale del Ministero dello Sviluppo ?


Italia Nostra , l'associazione nazionale per la tutela del patrimonio storico, artistico e naturale della nazione parla di 95 permessi per nuove trivellazioni di cui 25 a mare.

In Italia per le trivellazioni l'iter è ancora lungo. Quelle attuali, non sono autorizzazioni alle trivellaz…

I macellai delle isole Faroer

Oltre 236 balene, tra cui femmine in gravidanza e cuccioli attaccati ancora alle madri dal cordone ombelicale, sono state attirate in una piccola baia delle  Faroe Islands, regione autonoma ed extraeuropea della Danimarca, dove in un villaggio di pescatori, Klaksvik, è stata praticata la mattanza su un intero branco di balene, uccise una alla volta con ripetuti colpi alla testa.

Un'attivista di Sea Shepherd, Peter Hammarstedt,infiltratosi da una settimana tra la popolazione locale, alla ricerca di fatti del genere per filmarli e sottoporre al giudizio del mondo, ha sentito la notizia di quanto stava accadendo a Klaksvík alla radio locale, così ha documentato lo spargimento di sangue al momento dell'arrivo. 

Le stesse scene crudeli sulle balene si vedono da anni in Giappone, il quale però, a differenza delle Isole Faroer, è un Paese che si trova fuori dall'Unione Europea...


Fonte notizia e immagine: voxy.co.nz

Brasile: 500 pinguini alla deriva

Brasile: 500 pinguini alla deriva per scarsità di cibo e per l'inquinamento
Una eccezionale moria di pinguini di medie dimensioni è avvenuta sulle spiagge del litorale di Rio de Janeiro, dove sono stati trovati senza vita circa 500 esemplari.
Si pensa siano morti di fame e di fatica.

Le insolite temperature delle acque più fredde, hanno spinto al largo i pesci e i calamari, di cui i pinguini si cibano.  Per qualche motivo - forse a causa dell'inquinamento o dell'eccessiva pesca praticata che ha sradicato le fonti di cibo dei pinguini - a volte questi pinguini si perdono durante la migrazione a migliaia di chilometri dalla Terra del Fuoco a nord della Patagonia e in Antartide in cerca di cibo. Ma quei pinguini - qualche centinaio l'anno - quando giungono sulle coste normalmente sono vivi. 
Negli ultimi tempi, con sempre maggiore frequenza, i pinguini di Magellano (allevamento nelle zone costiere di Argentina, Cile e delle Isole Falkland), si spingono sulle coste del Bras…

Cina: arriva la tempesta tropicale Chantu

Senza precedenti negli ultimi decenni il cattivo tempo che sta colpendo da settimane la Cina: oltre un migliaio tra morti e dispersi.

100 milioni di cinesi colpiti dal maltempo, decine di migliaia i senza tetto, mentre il calcolo dei danni sfiora i 20 MLD di euro. Già nel 1988, con la piena del Fiume Giallo, i morti furono oltre 4mila e i danni incalcolabili.

La stagione delle piogge che durerà fino alla fine di agosto, e che da settimane imperversa in ampie zone della Cina meridionale e centrale ha già causato 700 morti e oltre 300 dispersi.

Le autorità cinesi si dicono comunque fiduciose. I lavori pubblici portati a termine negli ultimi anni sono stati enormi, a cominciare dallaDiga delle tre gole(di cui, a suo tempo, definendola la muraglia del terzo millennio ne parlammo QUI), peraltro fortemente contestata,

Il problema è che da settimane non smette di piovere e la stagione dei tifoni è tutt'altro che finita. Ed ora arriva la tempesta tropicale Chantu, la seconda in una settima…

Marea nera in Cina e pronto intervento in casi del genere dei colossi petroliferi

Nel nord est della Cina si cerca di contenere la gigantesca macchia di petrolio scaturita da due esplosioni in un oleodotto di proprietà della più grande compagnia petrolifera cinese, ma il fatto che la si combatta con mezzi di fortuna, addirittura a mani nude (incredibili le foto che stanno venendo fuori), poichè i mezzi a disposizione non sono moltissimi, rende il disastro ancor più inquietante. 

E' quanto accade attorno al porto diDalian, dove su circa 400 chilometri quadrati, con gran parte delle spiagge chiuse al pubblico, si sta delineando il più grave disastro ambientale nella storia recente del grande paese asiatico.  

Per la prima volta le autorità ammettono che una minaccia gravissima incombe sulla flora e la fauna della zona. Le autorità assicurano che dall'oleodotto non ci sono più fuoriuscite di petrolio ma intanto emerge che la China National Petroleum Corp (CNPC), era stata avvertita del rischio di esplosione ma non era intervenuta.

Data la gravità del disastro am…

La Cina contesta d'essere il primo consumatore al mondo di energia

La Cina dopo 100 anni supera gli Usa e diventa il primo consumatore al mondo di energia. 

Secondo laIEA (International Energy Agency), la Cina ha consumato 2.252 milioni di tonnellate di petrolio, gas naturale, carbone e energie rinnovabili, uno 0,4 per cento in più degli Stati Uniti (2.170 milioni tonnellate).

Tuttavia, un portavoce del National Energy Administration(NEA), ha detto che i dati della International Energy Agency che mostrano come la Cina abbia superato gli Stati Uniti diventando così il maggiore consumatore di energia al mondo nel 2009 non sono accurati.

"Con il nostro calcolo" ha detto Zeng Yachuan al Dow Jones Newswires"nel 2009 gli Stati Uniti restano ancora il più grande utilizzatore di energia del mondo (anche se) la Cina è il maggior produttore di energia primaria".

La Nea si rammarica che la International Energy Agency manchi di comprensione degli inesorabili sforzi che la Cina sta facendo per ridurre il consumo di energia e di emissioni inquinant…

Petrolio in mare anche in Cina

Petrolio in mare anche in Cina, dove le autorità stanno tentando di contenere una macchia nera che si estende per 50 km quadrati. Il porto di Dalian, nel nord est, uno dei più grandi porti della Cina, specializzato in servizi di container e navi cisterna, è stato chiuso, mentre decine di pescherecci stanno operando con macchine che separano il petrolio dall'acqua e almeno 5000 barche da pesca hanno in corso operazioni di bonifica.

La perdita si è prodotta a causa di due esplosioni avvenuta 3 giorni fa che hanno fatto saltare in aria due condotte mentre si stava scaricando greggio da una nave cisterna in due oleodotti della China National Petroleum Corp (CNPC).

Lenta ma subdolamente una marea nera si è formata per almeno 183 chilometri quadrati di oceano, con almeno 50 chilometri quadrati gravemente colpiti.

Si stima siano state riversate nelle acque del Mar Giallo circa 1.500 tonnellate di carburante.

Mentre alcuni fuochi stanno ancora bruciando, decine di navi specializzate son…

Lo shopping di risorse naturali di Cina e Giappone continua...

La fame di energia e di risorse naturali sta rendendo il villaggio globale più tumultuoso che mai, per cui si movimentano scambi, incontri, affari da fare soprattutto in qualche paese africano o in qualche ex stato dell'Urss, i quali hanno bisogno di vendere le loro risorse per ammodernarsi.

A movimentare il grande business ci pensano soprattutto Cina e Giappone, che  stanno facendo affari d'oro,accordi e joint venture con coloro che detengono questi beni insostituibili e preziosi "cibi consumistici", necessari per far funzionare telefoni cellulari, batterie agli ioni di litio, tecnologie militari avanzate, tecnologie verdi... quindi anche tungsteno, ma soprattutto Ree, rare earth element, da cui dipendono turbine eoliche, lampadine a basso consumo energetico, fosfori verdi, laser, fibre ottiche, batterie per auto ibride, televisori a colori...

Il Giappone, dopo aver firmato, attraverso JOGMEC(Japan Oil, Gas and Metals National Corporation ) un accordo con una socie…

REE: accordo tra aziende giapponesi e Kazakhstan

Adesso che la Cina, il principale fornitore al mondo di metalli rari(utilizzati ampiamente nell'industria automobilistica, nelle tecnologie militari avanzate, nelle tecnologie "verdi" e in gran parte nei telefoni cellulari e batterie agli ioni di litio), ha preso provvedimenti per limitare al resto del mondo le esportazioni di questi elementi strategici, c'è chi corre ai ripari, stipulando alleanze e accordi commerciali come fa il Giappone, per le cui industrie questi metalli sono fondamentali, che attraverso laJOGMEC(Japan Oil, Gas and Metals National Corporation ) ha firmato un accordo globale con una società statale mineraria del Kazakistan, sullo sviluppo dei metalli rari, tra cui tungsteno, in quel paese.
Il memorandum d'intesa prevede un accordo in base al quale entrambi i paesi avranno in comune la ricerca di metalli rari nelKazakhstan orientale, e la società giapponese riceverà informazioni sui depositi non sviluppati. I diritti minerari della JOGMEC …

Energia verde: chi va piano va lontano.

Per il secondo anno consecutivo, negli Stati Uniti e in Europa, il mercato dell'energia verde ha superato le fonti convenzionali come il carbone, gas e nucleare, secondo quanto riferito dalle Nazioni Unite in un duplice rapporto sul programma United Nations Environment Programme and the Renewable Energy Policy Network for the 21st Century (REN21).

Nel 2009, le fonti rinnovabili hanno rappresentato il 60 per cento di nuova capacità produttiva installata in Europa e più del 50 per cento negli Stati Uniti. Per questo anno e il prossimo, gli esperti delle Nazioni Unite prevedono che il mondo, nel suo complesso, aggiungerà ulteriori capacità per la fornitura di energia elettrica da fonti rinnovabili.

A livello globale, nel 2009 sono state installate circa 80 gigawatts(GW) di nuove capacità da energia rinnovabile.

I due rapporti, rilasciati dal direttore esecutivo dell'UNEPAchim Steiner e e Mohamed El-Ashry, Cattedra di REN21: "Global Trends in Sustainable Energy Investment 20…

Un raro fungo accusato di improvvise morti in Cina

Gli esperti hanno scoperto che un fungo piccolo è la causa di quattrocento morti improvvise in Cina. La  sindrome è conosciuta col nome di Yunnan Sudden Death Syndrome. 

Per circa trent'anni, nella provincia dello Yunnan, queste improvvise morti si sono presentate quasi sempre durante la stagione delle pioggie (a partire da giugno ad agosto) in luoghi ad un'altitudine di 1800-2400 metri .

A seguito di una ricerca quinquennale, i ricercatori del Chinese Centre for Disease Control and Prevention (CDC) a Pechino affermano di aver individuato il colpevole nel fungo, noto come Little White, appartenente al genere Trogia, che secondo i ricercatori contiene tre amminoacidi tossici.

"Abbiamo sentito storie incredibili su come la gente sarebbe morto nel mezzo di una conversazione," ha detto alla rivista Science Zhang Shu, un cardiologo che ha preso parte allo studio del CDC. "Circa due terzi delle vittime, poche ore prima del decesso, hanno avuto dei sintomi quali pal…

J.R. Ewing abbandona il petrolio per il sole

Entrato perfettamente a suo agio nell'alter ego che lo ha reso famoso nel mondo, cioè il magnate petrolifero di DallasJ.R. Ewing, in un momento in cui l'America sta attraversando una catastrofe ambientale senza precedenti, causata proprio dall'oro nero, che tanto ha fatto godere il mondo occidentale, l'attore Larry Hagman ha prestato il suo famoso volto per una buona causa, abbracciando la tecnologia solare come parte di una nuova campagna pubblicitaria,  il cui slogan recita: "Shine, Baby, Shine - Trivella, pupa, trivella".

L'azienda produttrice èla SolarWorld, azienda tedesca leader mondiale nella tecnologia relativa all'energia fotovoltaica di alta qualità, che produce celle solari a Hillsboro, in Oregon.

L'attore è un sostenitore di lunga data di energie rinnovabili e ha installato quello che lui crede essere più il grande sistema residenziale solare del Paese nella sua eco-tenuta a nord di Los Angeles, costatagli la bellezza di 750 mila do…

Primo impianto solare termodinamico inaugurato in Sicilia

Oggi è stata inaugurato a Priolo Gargallo, vicino Siracusa, in Sicilia, il primo impianto solare termodinamicoal mondo, che fornisce energia anche di notte.
Archimede è il primo prototipo del genere, realizzato da Enel, con tecnologia integrata ad una centrale termoelettrica, a ciclo combinato, che produce elettricità da gas metano. 
La nuova centrale produrrà 5 MW di energia elettrica per 5000 famiglie da gas metano e sole, abbattendo notevolmente le emissioni inquinanti, che ammontano ad alcune migliaia di tonnellate di anidride carbonica. 
L'impianto, consentirebbe inoltre di risparmiare 2400 Tep (tonnellate equivalenti di petrolio) all'anno

In questa speciale tecnologia, con brevettoEnea, che avrà sviluppi importanti in Italia e all'estero, l'investimento di Enelè stato di 60 milioni di euro. Il management della maggiore azienda elettrica italiana si auspica che impegnandosi in nuovi processi produttivi si possa generare quel meccanismo industriale di riduzione dei …

Studiare gli alti fondali oceanici: adesso verrà il bello!

Si conosce molto più la superficie della luna che le profondità dei nostri oceani. Si potrebbe ragionevolmente sostenere che il pavimento oceanico presenta continue sorprese, specie nella constatazione d'una una porzione inesplorata del fondo del mare. E l'oceano, per il 90 per cento è inesplorato!

La forma più avanzata di vita aliena finora incontrata dagli uomini è stata trovata dal professor Colleen Cavanaugh in un passaggio idrotermico nel profondo del mare poco più di 25 anni fa. Si trattò di una specie ottenuta utilizzando un processo chiamato chemiosintesi,un processo completamente nuovo per creare energia metabolica, le cellule e la vita il quale, a differenza della fotosintesi clorofilliana che utilizza l'energiasolare, sfrutta l'energia liberata da alcune reazioni inorganiche per produrre sostanze organiche: trasforma, quindi, alcune sostanze inorganiche a più alta energia (entalpia) in alcune con più bassa energia.

Studiare gli alti fondali ocean…

Attenzione, lavori in corso

Scusate carilettori, ma con le meraviglie editoriali che mi offre attualmente Google, questo blog, che continuerà a pubblicare post magari con meno frequenza, subirà dei
LAVORI IN CORSO. Questo, anche perchè, grazie a Google, mi sto dilettando, tra una boccata d'aria e l'altra, a trovare il design più confacente a questo blog. Per cui potrà capitarvi per qualche tempo di trovare lavori in corso.
Secondo me, questi sono lavori che si dovrebbero fare almeno ogni paio d'anni. Per ridare slancio al blog, un nuovo design, uno stile diverso... ma anche colorarlo di più, riempirlo di informazioni non banali e magari scriverci sempre articoli interessanti, come provo a fare io, riuscendoci, qualche volta.
Bene, adesso vado a farmi due passi con Sugar, un macello di Jack Russel terrier di poco più di un anno, un po' bastardino, in verità, che però mi fa tanta tenerezza!
A domani...

I Mattoni POLLI-Bricks nei nostri edifici

Dando per scontato che gli edifici contribuiscono al global warming(circa il 48% delle emissioni di gas a effetto serra), l'idea di poter contare su di essi per ricavarne una possibile risoluzione, son diverse e tutte interessanti, riuscendo a  motivare stuoli di architetti e geometri volenterosi, imprese e indotto, che operano nel mondo dell'edilizia.

Gia sappiamo dell'idea di pitturare i tetti degli edifici di bianco, una soluzione per riflettere la luce del sole che permetterebbe la riduzione della domanda di aria condizionata, consentendo di diminuire la temperatura di circa 0.7 gradi Fahrenheit

Come anche la costruzioni di case in legno, un'idea forse più adatta in ambienti rustici e campagnoli, sulla quale, secondo un recente studio del CNDB(Comité National pour le Développement du Bois), viene dimostrato come sia possibile, mettendo in opera una tonnellata di legno, evitare l’emissione in atmosfera di oltre una tonnellata e mezzo di anidride carbonica.

Il motivo…

Il disastro del Golfo: un problema grosso, grosso!

Il 20 aprile 2010, un'esplosione sulla piattaforma petrolifera Horizon Deepwater ha scatenato un disastro ambientale di portata eccezionale nel Golfo del Messico. 

L'istante successivo al disastro, che ha causato la morte di 11lavoratori della piattaforma e feriti altri 17, una marea nera e vischiosa ha cominciato a riversarsi nel Golfo, muovendosi lentamente ma inesorabilmente verso altri lidi. 

A parte i numerosi tentativi fatti da parte della BP per fermare la marea nera: "kill top" (il processo che ha coinvolto pompaggio dei fluidi in sommità del pozzo), "junk shot” (sparare grandi quantità di fango, gomma, pneumatici triturati), l'uso di robot per tagliare il tubo montante e il processo a lungo termine della perforazione, la situazione a distanza di neanche tre mesi, sta avendo effetti non particolarmente favorevoli per la salute del pianeta.

Già si sono visti gli effetti disastrosi nella pesca della marea nera che entra nel Golfo.  

Studiosi della Univ…

21 secolo: il secolo del nucleare?

La prima parte di questo secolo vede un rifiorire di impianti ad energia nucleare su entrambi gli emisferi del pianeta. 
D'altronde, è il XXI secolo, l'archetipo d'un futuro nucleare e tecnologico?

Ci siamo addentrati ad ampie falcate nell'era del nucleare poichè è l'unica energia che può opporsi al predominio dei combustibili fossili. 
Questo non esclude che il mondo possa però trovarsi a vivere un periodo di pericolosità immanente, un po' come succede nell'attraversamento di un campo minato. Potrebbe anche andar bene!

Purtroppo, il discorso sul nucleare civile porta subito al brutto ricordo di Chernobyl, anche se deve però destare sospetto il breve passaggio, neanche tanto difficoltoso, che intercorre tra l'uso civile dell'energia nucleare e un utilizzo, di tutt'altro tenore. 

L'uso crescente del nucleare civile inevitabilmente trascina con se la possibilità d'una estensione del prodotto anche in ambito mlitare.

Chissà quante volte sar…