Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2014

Energia solare: la Russia che non ti aspetti

In uno dei paesi più ricchi di idrocarburi al mondo potrebbe non essere necessario sviluppare fonti alternative di energia, invece la Russia,  nonostante le condizioni climatiche e le ricche riserve naturali, lo sta facendo nelle aree più remote della sua vasta nazione.

Recentemente la Repubblica di Altai della Siberia, ha aperto la più grande centrale solare del Paese. L'impianto di Kosh-Agachskaya (immagine a destra), che ha una capacità di 5 megawatt (MW), sarà il primo di cinque impianti fotovoltaici che saranno installati nella regione entro il 2019. Anche altre regioni hanno iniziato a progettare e costruire i propri impianti fotovoltaici.

Il progetto, che ha un prezzo di oltre 5 miliardi di rubli (135,000,000 di dollari), porterà una potenza solare totale ad Altai pari a 45 MW.

Il nuovo impianto sarà situato nella steppa di Chuyskaya , che ha un livello di irraggiamento - la quantità di energia presente sulla superficie della terra - pari al Sud Europa. Tuttavia, benchè abbi…

Vertice sul clima di New York: speriamo non siano solo chiacchiere

Che non sia mai che al Vertice sul clima di New York, le proposte che si vanno facendo restino "le solite chiacchiere".  Anche se sarà poi il Summit di Parigi del novembre 2015 a determinare l'andamento della società. L'alta tensione che si vede per le strade di New York, dove sono scese migliaia di persone per protestare contro un modello economico che spinge verso un aumento della produzione senza limitare l'inquinamento, è solo una minima parte di quello che potrebbe accadere qualora, in tutto il mondo, milioni e milioni di persone, giovani soprattutto, si riversassero per le strade delle loro città a  manifestare duramente in contestazioni che finirebbero inevitabilmente in un grande sfacelo.

Allo stato delle cose i gas serra non accennano a diminuire: 40 miliardi di tonnellate di anidride carbonica saranno riversati in atmosfera, più  2,3 % rispetto al 2013.  Stati Uniti, Cina e India sono i peggiori trasgressori. Per la prima volta, le emissioni cinesi han…

New York: si apre il vertice sul clima mentre il mondo...

In concomitanza con l'apertura del vertice sul clima delle Nazioni Unite che si apre oggi a New York, il cui arduo compito per i 100 e più leader mondiali che parteciperanno (ci sarà anche il nostro presidente del Consiglio Renzi, reduce dalla Silicon Valley, straordinario incubatrice d'idee e anche di risultati economici), sarà quello di trovare il modo d'invertire la tendenza delle emissioni inquinanti, gli scienziati hanno annunciato che, rispetto al passato, il 2013 è stato emesso più inquinamento di carbonio nell'aria a livello globale, soprattutto da parte di Cina, Stati Uniti e India. L'anno scorso le emissioni cinesi sono cresciute del 4,2 per cento.

Secondo i nuovi rapporti scientifici, l'anno scorso il mondo ha pompato 36,1 miliardi di tonnellate di anidride carbonica nell'aria da combustione di carbone, petrolio e gas. Questo è di 706 milioni di tonnellate, pari al 2,3 per cento in più, rispetto all'anno precedente.

Le emissioni di anidride c…

Imponente marcia su Manhattan apre il Vertice sul clima di New York

Si apre domani al Palazzo di Vetro dell'Onu a New York il vertice sul clima delle Nazioni Unite

In un mondo in preda al caos climatico, dove siccità, tempeste, inondazioni, minacciano costantemente il pianeta, bisogna agire subito. Questo chiedono le centinaia di migliaia di persone che marciano per le variopinte strade intasate del centro di Manhattan, questo pretendono centinaia di migliaia di persone nelle piazze di circa 2700 città in tutto il mondo. In tutti i continenti è nata una mobilitazione spontanea: da Delhi alle campagne della Nuova Guinea, da Rio de Janeiro a Berlino, da Roma a Parigi.

Al summit parteciperanno dai 12 ai 160 Paesi, con capi di stato e di governo, ma già la macchina degli ambientalisti si è messa in moto a Manhattan, con una marcia epica, la "People's Climate March", la più imponente di tutte, organizzata da più di 1200 imprese: sindacati, gruppi religiosi, scuole, associazioni ambientaliste.

Per circa 2 miglia alla marcia ha partecipat…

Trasporto urbano ? E' la chiave per fare un gran passo avanti

Inquinamento nelle città: modificare il trasporto urbano è la chiave per fare un gran passo avanti

Il trasporto urbano è la fonte più in rapida crescita di emissioni di carbonio e nel 2010 ha rappresentato circa 2.300 megatoni di CO2, quasi un quarto di tutte le emissioni di carbonio prodotte in tutte le parti del settore dei trasporti. Il passaggio dal trasporto urbano su auto verdi, a piedi, in bicicletta può ridurre le emissioni di anidride carbonica di ben 1.542 megatonnellate (1700 megatoni) entro il 2050.

Mentre ogni parte dell'economia globale in un modo o nell'altro si riversa sul green, basterebbe risolvere il problema dei grandi ingorghi nelle città del mondo con meno sacrificio e più guadagno. Specie per la salute.

Se  le città continuano a crescere, in particolare nelle economie dei Paesi in via di sviluppo, queste emissioni sono sulla buona strada per raddoppiare nei prossimi 35 anni.

Rendendo più agevole andare a piedi, in bicicletta, prendere l'autobus, il m…

Ebola, l'arma batteriologica che incute paura

Avevo letto le prime notizie sull'Ebola in Guinea il 30 marzo ma non mi aspettavo certo una diffusione così rapida e forse un uso batteriologico del virus. Quella che sembrava una notizia di poco conto è invece diventata un'emergenza globale. Si sa che in Africa, la salute è poco curata (mancano le strutture) e quindi si corrono questi pericoli.

La Guinea è uno dei paesi più poveri del mondo, nonostante abbia vaste ricchezze minerarie non sfruttate, con una economia stagnante, una disoccupazione giovanile al 60 per cento e un range di 178 su 187 paesi come Indice di Sviluppo Umano delle Nazioni Unite.

La maggior parte dei casi sono stati registrati nel sud della Guinea, ma la malattia si è diffusa nella capitale Conakry.

Il virus tropicale - descritto anche come " squalo molecolare", conduce alla febbre emorragica, causando dolori muscolari, debolezza, vomito, diarrea e, nei casi più gravi, insufficienza d'organi e sanguinamento inarrestabile.

L'ebola può ess…

Teniamo d'occhio le nostre coste

A Baywalk, lungo Roxas Boulevard a Manila, i tifoni trascinano dietro tonnellate di rifiuti in balia di forti onde. La stessa cosa accade in altre zone costiere.

Attraverso la negligenza e l'indifferenza dell'uomo, la spazzatura ha ormai invaso di scarti i nostri mari, così che si crea il caos tra le creature marine.
In mezzoall'Oceano, nel Pacifico settentrionale, a circa mille miglia dalle Hawaii, vi è un enorme agglomerato di
spazzatura chiamato The Great Pacific Garbage Patch. Si tratta di una raccolta di rifiuti marini . La spazzatura varia da bottiglie di vetro e lattine in alluminio per rifiuti sanitari. La stragrande maggioranza dei detriti marini è di plastica.

Secondo i rapporti, gli scienziati hanno raccolto fino a 750.000 pezzi di plastica in un solo chilometro quadrato del Great Pacific Garbage Patch.

Questa è la ragione per cui un gruppo di persone ha iniziato una campagna per ripulire le zone costiere.

E' un piccolo sforzo rispetto a un compito immane, ma…

Blue economy: a che punto siamo ? ( 3 )

Blue economy nella Ue e in Italia

La sostenibilità è un elemento chiave della politica marittima della UE. Sfruttati in modo sostenibile i nostri mari e gli oceani hanno un potenziale enorme per promuovere l'innovazione, contribuendo alla crescita della economia marina in tutta Europa. Le stime parlano di creazione di un milione e mezzo di nuovi posti di lavoro entro il 2020 in Europa. 
L'idea non è male. Se il target verrà centrato potremo approfittare di mari e oceani sani che danno un lavoro sostenibile a tanti giovani. Se non ci si riesce, potremmo mettere questa preziosa risorsa a rischio e la UE non avrà saputo sfruttare la nuova economia blu. Ma io, che penso positivo, dico che andrà bene: la politica marittima è ora una parte essenziale del lavoro collettivo dell'Unione europea. Immigrazione compresa! (eppoi...non si possono più sentire notizie che parlano di naufragi, morte e disperazione... Quando ascolteremo dai media argomenti diversi, che parlano di gesta marin…

La buona notizia: il buco di ozono si è ristretto

A volte, con molta comprensione, basta poco per trovare la soluzione che ci vuole. Quando questo avviene, il mondo può davvero stare insieme ed evitare una catastrofe ambientale prima che sia troppo tardi.

Un nuovo rapporto delle Nazioni Unite ritiene che strato di ozono che protegge la Terra sta restringendosi, iniziando a recuperare - dopo molteplici sforzi nel 1980 per eliminare gradualmente i CFC (clorofluorocarburi) - sostanze chimiche che sono state ampiamente utilizzate nei frigoriferi e condizionatori  d'aria. Queste sostanze chimiche hanno già mangiato un enorme "buco" nello strato di ozono sopra l'Antartide, e il danno si è subito diffuso più a nord. 


Ma l'emergenza resta il riscaldamento globale, che andrebbe affrontato con la stessa urgenza.

La ricostruzione dello strato di ozono che protegge la terra dalle radiazioni ultraviolette del Sole è a buon punto, grazie all'azione concertata contro i gas distruggi -ozono", si legge nel rapporto.

Senz…

Sempre più emissioni inquinanti...

Il disequilibrio della natura sta complicando la nostra vita sulla Terra. La minore capacità del nostro pianeta di assorbire la biosfera, cioè l'insieme delle zone della Terra in cui le condizioni ambientali permettono lo sviluppo della vita, ha portato all'aumento progressivo di emissioni di anidride carbonica, facendo registrare l’aumento più incisivo dell’ultimo trentennio: un livello record nel 2013 di anidride carbonica, con conseguenze potenzialmente devastanti.

Deforestazione e acidificazione degli oceani limitano la capacità della biosfera di reagire alle emissioni delle attività umane.

"Sappiamo, senza alcun dubbio, che il nostro clima sta cambiando e sta diventando più estremo a causa delle attività umane, come la combustione di combustibili fossili", ha detto Michel Jarraud della U.N.’s World Meteorological Organization. "Dobbiamo invertire questa tendenza riducendo le emissioni di CO2 e di altri gas ad effetto serra su tutta la linea", ha infine …

NOAA ha in mente di mappare la spazzatura sul fondo degli oceani

Gli scienziati del NOAA(National Oceanic and Atmospheric) annunciano un ambizioso progetto di mappatura dello strato della spazzature sul fondo marino. L'impresa potrebbe richiedere 20 anni.

"Con circa 110 milioni di chilometri quadrati di spazzatura oceanica rimasta completamente inesplorata, ci auguriamo che il prossimo anno si possa iniziare a produrre carte batimetriche delle vaste gamme di detriti arenati sul fondo dell'Oceano Pacifico" ha detto l'amministratore di NOAA Jane Lubchenco, spiegando che i topografi useranno ecoscandagli multibeam per creare un modello digitale del terreno e visualizzare molte formazioni di rifiuti sospetti che esistono sul fondo marino, comprese profonde trincee fatte con pile di pneumatici, innumerevoli creste di rottami metallici, e montagne di flaconi per detersivo.

"Può essere ambizioso, ma speriamo di definire finalmente i contorni di ogni centimetro quadrato dei detriti di plastica e metallo sul fondo degli oceani de…

Blue economy: a che punto siamo ? ( 2)

Da oltre mezzo secolo l'uomo ha preso dimistichezza con lo Spazio: sonde che arrivano in luoghi remoti dell'universo e sui pianeti del Sistema solare ed extrasolare, Marte, Giove, Venere anche il misterioso Plutone, sono stati molto visitati da sonde e satelliti tecnologici di alta precisione. Poi venne il giorno in cui l'uomo toccò il suolo lunare!  Ed ora, vuole fare la stessa cosa sul pianeta rosso.

Tuttavia, ancor prima dello Spazio ci sarebbe da esplorare gli oceani, l'acqua blu del pianeta, che copre il 72 per cento della superficie terrestre, e che è stato esplorato meno del 10 per cento, e perciò resta ancora un mondo in gran parte sconosciuto al genere umano.

Attualmente, nei mari del mondo, a causa del cambiamento climatico sono in grave pericolo di inondazioni parecchie isole.

Proprio in questo contesto, anche per avere una economia sana, gli oceani hanno un ruolo centrale da svolgere: risolvere uno dei maggiori problemi del 21 ° secolo:come sfamare 9 milia…

Blue economy: a che punto siamo ?

"Tutti noi abbiamo nelle nostre vene la percentuale esatta stesso di sale nel sangue che esiste nell'oceano, e, quindi, abbiamo il sale nel nostro sangue, nel nostro sudore, nelle nostre lacrime. Siamo legati a l'oceano. E quando si torna al mare ... stiamo tornando da dove siamo venuti ".

-John F. Kennedy, Newport, Rhode Island, settembre 1962

L'oceano è parte integrante della nostra società. In America, più della metà della popolazione vive sulle coste, che, esclusa l'Alaska, costituisce meno del 20 per cento del territorio degli Stati Uniti, ma con una densità media della popolazione cinque volte superiore rispetto alle regioni interne.

La natura quindi è la nostra più grande fonte di ispirazione in cui tutti i concetti sono supportati dalle leggi della natura e della fisica. La Blue economy giocherà quindi un ruolo assai importante nel sostenere i nostri oceani.

Oceano uguale Blue economy

Gli oceani sono fonte d'ispirazione della Blue economy, il tren…

Il pinguino, convertitore di energia dell'onda

Fortum, società finlandese che si occupa di energia ha acquisito una quota di minoranza del 13,6 per cento di Wello OyEspoo, considerato un innovatore nel campo delle tecnologie energetiche delle onde. Il valore della transazione non è stato comunicato.

Wello sta sviluppando soluzioni sui convertitore di energia delle onde. La soluzione del convertitore di energia dell'onda Penguin  si basa su una nave galleggiante che cattura l'energia cinetica delle onde e la converte in energia elettrica con un generatore.

Fortum si occupa di ricerca e sviluppo. L'azienda si sta muovendo verso un'economia dell'energia solare in cui la produzione si basa su fonti di energia rinnovabile e le risorse vengono utilizzate in modo più efficiente rispetto ad oggi.

Come contributo alla produzione di energia a emissioni zero, la potenza del moto ondoso può svolgere un ruolo importante oggi e nel futuro. L'azienda finlandese è molto apprezzata nei mercati dei paesi nordici e baltici, P…

Acqua ed energia: il collasso prossimo venturo

Gli scontri di questo secolo saranno conflitti per l'accesso a cibo, acqua ed energia.

La globalizzazione, l'aumento del tenore di vita di un gran numero di persone che emergono dalla povertà in Asia e in Africa, e la crescente domanda di cibo, acqua, ed energia in coincidenza con le carenze causate dai cambiamenti climatici, porteranno quasi certamente a possibili "guerre per le risorse".
Se i conflitti tuttora in atto nel mondo, conflitti completamente diversi da quelli del passato dove si combatteva tra Stati, prenderanno il sopravvento, si prevedono tempi difficili, anzi difficilissimi per l'intera umanità.
La lotta per le risorse non è certo nuova, ma guerre come queste che stiamo vivendo, diventeranno più comuni e più intense.
Il cambiamento climatico poi, che può gravemente compromettere le reti da cui dipende l'umanità per il cibo, l'acqua e l'energia, plasmerà il destino delle nazioni. Se non subentrerà la ragione e il buon senso gli effetti …