Passa ai contenuti principali

Clima 2015: un mondo da salvare

Alla fine dell'anno appena iniziato, in quello che è ampiamente considerato come l'ultima possibilità di salvare il mondo dalle peggiori devastazioni del cambiamento climatico, 192 nazioni si sono impegnate a concordare un trattato globale sul clima, nella maratona di due settimane di negoziato a Parigi. Si tratta del più ambizioso compito politico nella storia.

Il piano per ogni paese è che s'impegni a drastici tagli delle emissioni di carbonio per dare al mondo una possibilità ragionevole di limitare il riscaldamento globale a 2 ° C - oltre il quale le conseguenze diventano sempre più devastanti.

Nel 2014 la lotta per frenare il cambiamento climatico ha compiuto alcuni passi da gigante, alimentando le speranze che un trattato significativo può essere concordato, ma il compito da svolgere è ancora enorme - alcuni dicono insormontabile.

Il passo più grande del 2014, quello che ci dovrebbe far entrare in una nuova era nell'azione verso il cambiamento climatico, è stato l'impegno comune dei due più grandi inquinatori: Stati Uniti e Cina. Entrambi i Paesi si sono sempre opposti nell'affrontare il cambiamento climatico ed aderire al vecchio Protocollo di Kyoto.  A novembre però, America e Cina hanno preso un impegno storico nella riduzione delle emissioni di anidride carbonica. La loro decisione di iscriversi alla causa è considerata un cambio importante del gioco: adesso sarà più difficile per altri Paesi nascondersi dietro la loro inazione.

Il più grande punto critico che sussiste, rimarcato ancora al vertice del cambiamento climatico di dicembre a Lima, è la feroce discussione tra le nazioni in via di sviluppo e i paesi ricchi del mondo, alla ricerca di quale migliore soluzione potrebbe essere condivisa.

I paesi poveri sostengono che le nazioni ricche hanno messo la maggior parte della CO2 in atmosfera per cui dovrebbero tagliare di più le loro emissioni inquinanti e dare ai Paesi in via di sviluppo la possibilità di recuperare. Le nazioni ricche accettano di avere un punto d'intesa, ma sostengono che i paesi in via di sviluppo stanno producendo una enorme - e crescente - porzione di anidride carbonica, che non possiamo più permetterci di mettere in atmosfera.

Nonostante il consenso scientifico schiacciante che il clima si va riscaldando e che gli esseri umani sono in gran parte responsabili, altri, più scettici si dimostrano efficaci nell'alimentare la semina del dubbio: in fondo è scomodo per molti dover frenare le emissioni di carbonio.

Ora però, il crollo del prezzo del petrolio, e il calo associato del prezzo del gas minaccia anche l'agenda verde, rendendo le fonti energetiche rinnovabili come l'eolico e il solare ancora più costose rispetto al potere di acquisto dei combustibili fossili. Per attrarre investimenti saranno necessari sussidi ancora più grandi, che saranno poi aggiunti nelle bollette energetiche che pagheranno le famiglie...

Mi sorge spontanea una domanda: quale politico s'immolerà nel portare avanti la causa?

Immagine: www.thegreenmarketoracle.com



I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…