Passa ai contenuti principali

San Valentino: una festività troppo mercificata e ammantata d'ombre

Che male avrà fatto il Santo, vescovo e martire di Terni, considerato patrono degli innamorati e protettore degli epilettici, se il suo ricordo ci fa venire a mente impennate in Borsa, biglietti da visita, diamanti, ninnoli vari, bijours, caramelle e cottillons, tavolette di cioccolato, baci o una calda bevanda al bar in un freddo giorno d'inverno? A San Valentino il cioccolato è una voce calda, perché non importa quale altro tipo di regalo le persone scelgono per i loro cari, tuttavia quasi sempre il cioccolato accompagnerà esso.

Sarebbe però un peccato venire a conoscenza che "l'industria che produce quel cioccolato che ti é stato regalato" (l’alimento più buono del mondo), tanto mercificato nelle svariate feste dell'anno, si porta dietro un bagaglio un po' troppo ingombrante per un prodotto che fa sorridere e ingolosire giovani e vecchi. Esso nasconde scenari loschi di schiavitù e sfruttamento: i bambini e i giovani che lavorano nelle piantagioni di cacao africane sarebbero più di 200mila. Hanno tra 5 e 15 anni, e sono vittime di una vera e propria “tratta”. A questa onta c'è d'aggiungere il costo ambientale, la deforestazione, i cambiamenti climatici, la povertà.

Questo è esattamente ciò che potrebbe accadere se si sceglie di acquistare cioccolatini da aziende che non badano agli ingredienti e ai valori etici e sostenibili dei coltivatori di cacao.

Negli Stati Uniti e non solo, se
acquistate prodotti dolciari garantiti da Rainforest Alliance Certified, potete essere certi che i vostri acquisti sostengono aziende gestite in modo responsabile, non solo con l'intento di conservare le foreste pluviali, ma anche migliorando la vita della flora e della fauna selvatica e degli agricoltori, delle loro famiglie e della comunità.

Tuttavia, un numero crescente di agricoltori va tagliando le foreste per coltivare il cacao più intensamente, e molte sono le piante ibride di cacao sottoposte ad una piena esposizione al sole e all'applicazione regolare di pesticidi. Questa pratica distrugge l'habitat della fauna selvatica, minaccia la salute delle comunità agricole e produce sostanze chimiche che contaminano il suolo, torrenti e corsi d'acqua.

Gli agricoltori che hanno ottenuto il sigillo Rainforest Alliance Certified proteggono l''albero del cacao, che richiede clima tropicale e condizioni di ombra, poiché teme la diretta esposizione al sole. Così la pianta cresce all’ombra di alberi più alti, soprattutto palme, palme da cocco e banani. In media, le aziende agricole di cacao sono di piccole dimensioni, circa 4 ettari, più o meno come 8 campi da calcio. (L'azienda media negli Stati Uniti, al contrario, è di circa 95 ettari.) e generano grandi profitti in Borsa, con un sacco di picchi e valli, specie con l'avvicinarsi di festività, come appunto quella che ricorre domani.

Il New York Cocoa Exchange è stato fondato nel 1925, e li si organizzava il ritiro, il trasporto, lo stoccaggio e per ultimo il controllo del cacao.

Immagine: www.wilderutopia.com/ - www.theepochtimes.com/

 

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…