Passa ai contenuti principali

Akon e l'energia solare in Africa: quando il successo diventa sociale

Akon pseudonimo di Aliaune Thiam è un cantautore, compositore e produttore discografico statunitense, di origini senegalesi, noto per brani come Locked Up, Smack That e I Wanna Love You, che People With Money posiziona al primo posto fra i 10 cantanti più pagati nel 2015, con un fatturato stimato di 96 milioni dollari.

Il cantante è nato negli Stati Uniti da genitori senegalesi ed è stato allevato in entrambi i paesi. Conscio che la celebrità può influenzare le genti, l'artista è deciso nel diventare uno strumento chiave per aiutare la crescita dell'Africa, utilizzando i giovani dell'Africa ad essere i principali artefici dei loro futuri successi.

Già lo scorso febbraio, all'indomani della brutale esecuzione dell'IS del pilota giordano Muath Kesasbeh, l'artista del Missour appena nominato ai grammy artista hi hop, promise di recarsi a Erbil, in Kurdistan, per intonare dal palco "canzoni d’amore contro la cultura della morte".

Ebbene, questo talentuoso e generoso artista due anni fa avviò una iniziativa denominata "Akon Lighting Africa" con l'obiettivo di portare l'elettricità a un milione di case nell'Africa rurale entro la fine del 2014. Ieri, in una conferenza stampa al summit di tre giorni Sustainable Energy for All e4all,  la campagna delle Nazioni Unite che prevede il raggiungimento di tre obiettivi per il 2030: l'accesso universale ai servizi energetici moderni, raddoppiando il tasso di miglioramento dell'efficienza energetica, e raddoppiare la quota di energie rinnovabili nel mix energetico globale, prnedendo la parola ha detto che l'iniziativa ​​di due anni fa, non solo ha raggiunto l'obiettivo ma si va diffondendo in 14 paesi africani.

Il nuovo rapporto delle Nazioni Unite appena elaborato richiede che l'investimento in energia pulita deve essere tiplicato a 1.200 miliardi dollari ogni anno fino al 2030 per dare a più di un miliardo di persone in tutto il mondo l'accesso all'elettricità e aiutare a prevenire il riscaldamento globale. La missione di Akon e degli altri due co-fondatori della Akon Lighting Africa, va in questa direzione: aiutare l'Africa a crescere e prosperare, portando l'energia solare nei villaggi africani in soluzioni ragionevoli. L'azienda utilizza un modello di micro-credito per offrire micro-griglie energia solare e impianti di illuminazione pubblica. Secondo la società, l'investimento medio per paese è di 75 mila dollari e finora la società ha investito quasi 400 milioni di dollari in totale.

Noi investiamo il nostro denaro per dare seguito alle cose cominciate", ha detto  Akon,
e vogliamo essere li per fornire posti di lavoro per la gente del posto e per consentire loro di sfamare le loro famiglie. In Guinea Conakry, per esempio, la Akon Lighting Africa sta impiegando 5.000 persone per installare i suoi sistemi.

Akon e i suoi partner si definiscono imprenditori sociali, ma occhieggiano, senza  alcun dubbio, anche il lato redditizio. Alla domanda con quale organizzazione ispirano il loro modello, rispondono di avere aspetti in comune con la Coca Cola. "Hanno conquistato il mondo, ma sono sostenibili", dice l'artista.

STAND up AFRICA

Più avanti, "A proposito di Akon"

Immagini: beatingbeats.com- http://akonlightingafrica.com - www.parhlo.com

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…