Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2015

Ambiente: ora, bisogna soltanto agire

A parlare con troppa enfasi delle malformazioni ambientali che stanno compromettendo gravemente i meccanismi del nostro pianeta, si rischia di passare per fanatici e disfattisti.  Tuttavia, non è il caso del sottoscritto, che scrive di queste cose da 10 anni, consapevole che non ci si può privare di colpo di tutte quelle comodità (consumo sfrenato di tutto ciò che è plastica, congegni elettronici, spreco d'acqua, inquinamento del suolo... ) a cui siamo abituati (uso indiscriminato di combustibili fossili, maggiormente).

Ora, però, bisogna soltanto agire, agire globalmente per tentare di salvare il nostro pianeta e noi stessi. E' una faccenda improcrastinabile, a cui dobbiamo far fronte con molta energia, se vogliamo evitare quel giorno in cui ai nostri figli e ai nostri nipoti  sembrerà di vivere, non su un pianeta sano, meraviglioso, desiderabile, bensì all'interno di un forno.

Ai miei tempi le stagioni erano quattro, ma quattro veramente! L'estate faceva caldo, ma …

Pechino: una crescita urbana pericolosa

Un nuovo studio condotto da ricercatori che utilizzano i dati del satellite della NASA QuikSCAT ha dimostrato una nuova tecnica per quantificare la crescita urbana in base ai cambiamenti osservati nelle infrastrutture fisiche. I ricercatori hanno utilizzato la tecnica per studiare la rapida crescita urbana di Pechino, in Cina, trovando che la sua area fisica é quadruplicata tra il 2000 e il 2009.

Un team guidato da Mark Jacobson della Stanford University, Palo Alto, in California, e Son Nghiem, del Jet Propulsion Laboratory della NASA, Pasadena, in California, ha usato i dati da QuikSCAT per misurare l'entità dei cambiamenti infrastrutturali, quali nuovi edifici e strade, nella capitale della Cina. Hanno poi quantificato come la crescita urbana ha cambiato i modelli del vento di Pechino e l'inquinamento, utilizzando un modello di computer del clima e della qualità dell'aria sviluppato da Jacobson.

Le nuove infrastrutture da sole, gli edifici e le strade, non compreso l…

Ondata di calore: trappola mortale a Karachi

Le isole di calore urbane potrebbero trasformarsi in trappole mortali a meno che, le autorità investano molto nella costruzione di edifici verdi, installazioni di apparecchiature a basso consumo energetico e ad aumentare gli spazi verdi.

Questo è quel che accade a Karachi, Pakistan, dove un'ondata di caldo eccezionale sta facendo diventare i centri urbani trappole mortali.

Esperti come Qamaruz Zaman Chaudhry, autore del primo National Climate Change Policy del Pakistan, ritiene che l'ondata di caldo a Karachi, capitale del Sindh, la quale ha causato sinora oltre 1.000 vittime, è "una delle manifestazioni del cambiamento climatico". Altri hanno sottolineato il fatto che la città soffre particolarmente l'effetto "isola di calore urbana" (urban heat island: (UHI), che ha trasformato la città in una fornace, e questo è il motivo alla base di un così elevato numero di vittime.

Isola di calore è definito come l'aumento della temperatura di ogni zona arti…

La storia della vita sulla Terra in tre parole...

Molte persone non hanno idea dello scorrere del tempo attraverso i grandi eventi della
storia della vita sul nostro pianeta, per cui ritengo molto interessante proporvi una semplificazione, con un esempio davvero calzante, della storia della vita sulla Terra
raccontata dal mitico Piero Angela, conduttore del noto programma RAI Superquark,
trasmesso lo scorso giovedì.

La parte iniziale della storia della vita sulla Terra è stata molto ma molto lenta. Quasi niente è cambiato per miliardi di anni.  

Poi, man mano che le forme viventi sono diventate più complesse, si è verificata un'accelerazione sempre più crescente, che alla fine, con l'arrivo dell'uomo, è diventata frenetica.

Ora, tutto diventa più chiaro se si paragonano i 3 miliardi e 800 milioni di anni della storia della vita sulla Terra ai giorni di un calendario.

Se si pone come partenza dalle prime forme batteriche il 1 gennaio e il mondo di oggi alla mezzanotte del 31 dicembre, ecco come viene riassunta la storia …

Idrogeno: la migliore fonte di energia rinnovabile del futuro

H2 Energy Now, una start up israeliana nel campo tecnologico, é stata invitata ad una delle più prestigiose manifestazioni europee per la sua tecnologia di energia alternativa basata sulle onde radio..

Si sa che uno dei maggiori problemi che limitano l'adozione delle energie rinnovabili quale fonti di energia su larga scala, è la difficoltà e la spesa d'immagazzinamento dell' energia. Le batterie sono costose, pesanti, e possono contenere solo una quantità limitata di energia. Secondo molti esperti del settore, le fonti di energia rinnovabili, come l'energia solare ed eolica, non saranno adottate su vasta scala fino a quando il problema di stoccaggio non sia risolto.

Le energie alternative dipendono dal sole splendente, dal vento che soffia  e dall'acqua  corrente affinchè possano essere utilizzate come energia pulita e rinnovabile.

Ora, appunto NOW,  H2energy Now ritiene di avere la soluzione di stoccaggio dell'energia che consentirà alla società di…

Eccezionale ondata di calore in Pakistan

Unaondata di caldoeccezionale ha portato quasi "in ebollizione" la più grande cittàdel Pakistan, Karachi.

Sabato la temperaturaha raggiunto44,8gradi Celsius (112,64 gradi Fahrenheit),la temperaturapiù altaregistratain Pakistannegli ultimi 15anni. Domenica, è calata a 42,5gradi Celsius(108,5 F), e si prevede che il lieve calocontinuerànei prossimigiorni.

Secondo fonti ufficiali, solo da sabatosi sarebbero registrati 140 morti a Karachi e altri otto nel distretto di Sindh.   

Gli effetti negativi della canicola sono aggravate da frequenti interruzioni di corrente che non riesce a sostenere ladomanda di una città di 20 milioni di abitanti e dalla scarsitàd'acquanel corso delmese del digiuno musulmanodel Ramadan.

Il fatto che la maggior parte dei pakistani è a digiuno dall'alba al tramonto ha indotto il premier Nawaz Sharif a sollecitare le compagnie elettriche di evitare qualsiasi interruzione di corrente.

A est, unaondata di caldoha colpitol'Indiail mese scorso, ucciden…

Operation Cobra 3: vasta operazione contro il traffico di animali

Operazione Cobra 3, che è alla sua terza edizione, ha visto la Police National Wildlife Crime Unit (NWCU), UK Border Force, Europol e le forze dell'ordine di 62 paesi  lavorare insieme per sei settimane in una operazione in tutto il mondo per affrontare il commercio "illegale e barbaro" degli animali in via di estinzione, impedendo la circolazione illegale attraverso i confini internazionali.

Fino ad oggi, a livello globale, le squadre di polizia hanno effettuato circa 200 arresti, mentre nel Regno Unito il NWCU ha sostenuto le forze di polizia in 28 indagini.

Nei porti ed aeroporti britannici, la UK Border Force, che combatte globalmente il criminedella fauna selvatica, ha sequestrato più di 300 diverse specie animali e vegetali e loro derivati, migliaia di "mercanzie" illecite quali avorio e prodotti di avorio, 166 gechi blu turchese, 10.000 cavallucci marini, 400 tartarughe Horsefield vive, 11 artigli di orso nero, 23 orchidee, cactus e 157 integrato…

Energie rinnovabili: più impegno da parte dell'Asia

Il 2015 è un anno cruciale per lo sviluppo e per il clima. Nel mese di settembre, i leader mondiali si proporranno su nuovi obiettivi di sviluppo sostenibile, che si rivolgeranno, tra l'altro, all'accesso all'energia a prezzi accessibili e affidabili. Poi dal 30 novembre all'11 dicembre, i paesi si riuniranno a Parigi, per concordare un nuovo accordo globale sul clima che sostituirà il Protocollo di Kyoto.

Secondo l'Asian Development Bank (ADB ), il continente asiatico deve investire di più nel campo dell'energia pulita per far fronte al cambiamento climatico e sprona i governi a cogliere l'occasione del basso prezzo del petrolio al fine di eliminare costosi sussidi e il livello del campo di gioco per le energie rinnovabili.

Nell'ultimo decennio il continente asiatico ha fatto enormi passi avanti nello sviluppo dell'energia pulita, ma deve rilanciare gli investimenti e l'utilizzo di tecnologie di efficienza energetica per soddisfare la …

Coal crash: il crollo del settore carbonifero nei fondi pensione

Il crollo del settore carbonifero e un crescente movimento verde sta portando ad un disinvestimento delle imprese pesantemente esposte che ancora investono in fonti fossili e nei titolari di pensione connessi.

I fondi pensione di milioni di persone in tutto il mondo, compresi gli insegnanti, i lavoratori del settore pubblico, il personale sanitario e accademico nel Regno Unito e Stati Uniti, sono fortemente esposti al crollo del settore carbonifero. Lo rivela The Guardian.

Si è inoltre riscontrato che solo una dozzina di persone, compreso il proprietario del Chelsea FC, Roman Abramovich, ha le proprie riserve di carbone pari alle emissioni annuali di carbonio della Cina, il più grande inquinatore del mondo. L'ONU, che auspica un passaggio all'energia pulita, ha più di 100 milioni di dollari investiti in carbone attraverso il proprio fondo pensione.

The Guardian ha esaminato le proprietà delle maggiori 50 società carbonifere quotate in borsa, classificate secondo le riserve dete…

La canna da zucchero per ridurre drasticamente l'inquinamento degli aerei

In un articolo appena pubblicato su Proceedings of National Academy of Sciences, i ricercatori hanno detto che l'utilizzo della biomassa di canna da zucchero ridurrebbe drasticamente l'inquinamento di carbonio degli aerei, che contribuisce per circa il 2 per cento delle emissioni di anidride carbonica generate dalle attività umane, secondo l' Air Transport Action Group, un'organizzazione di settore.

Insomma, se è usato per fare biocarburante, la canna da zucchero potrebbe anche aiutare il drammatico inquinamento degli aerei a reazione dell' 80 per cento. Lo sostiene un nuovo studio condotto da ricercatori della University of California-Berkeley.

Allo stato attuale, l'inquinamento degli aerei ammonta a 705 milioni di tonnellate di anidride carbonica all'anno.

I ricercatori hanno sviluppato il nuovo metodo di produzione di tale combustibile, basandosi su complesse reazioni chimiche che coinvolgono zuccheri e materiale di scarto dalla canna.

Uno dei vantaggi …

Laudato si' : la nuova enciclica sull'ambiente di Papa Francesco

UPDATE: Oggi 18 giugno: l'Enciclica Laudato si' di papa Francesco sulla cura della casa comune. QUI

La Nuova Enciclica di Papa Francesco dal titolo "Laudato si', sulla cura della casa comune" che sarà presentata il 18 giugno da un cardinale, un ortodosso e uno scienziato sarà, come diceThe Guardian, un intervento esplosivo destinato a trasformare il dibattito sul cambiamento climatico. 
La lettera di Francesco è rivolta principalmente ad 1,2 miliardi di cattolici. Essa chiederà la fine dello sfruttamento tirannico della natura da parte dell'uomo. Potrebbe portare a un cambiamento radicale nella lotta contro il riscaldamento globale? 

L'enciclica è rivolta a tuttii."perchè tutti possano ricevere il Suo messaggio e crescere nella responsabilità verso la casa comune che ci è stata affidata" ha aggiunto papa Francesco, stamane a San Pietro-.

Nell'inedita enciclica sul tema ambientale, il pontefice è atteso per sostenere che lo sfruttamento dell'…

NASA : nel 2100 farà molto ma molto caldo.

La NASA ha rilasciato Climate Change Forecast Until 2100, e per i nostri nipoti le previsioni non sembrano buone.

Il dataset (collezione di dati), sulle previsioni di come i modelli delle temperature e delle precipitazioni possono variare nel corso dell'anno 2100, per via di una crescente concentrazione atmosferica di gas a effetto serra in tutto il mondo, è pubblicamente disponibile.

Derivato dalla simulazione di 21 modelli climatici sulla base di diversi scenari di crescente di biossido di carbonio a livello regionale, ad alta risoluzione di dati aiuterà gli scienziati e progettisti di effettuare valutazioni del rischio climatico nel tentativo di comprendere i rischi locali e globali associati ai cambiamenti climatici. Questi includono la siccità, le mareggiate, le variazioni del livello degli oceeani, inondazioni, ondate di calore e perdite di produttività agricola.

Secondo l'insieme dei dati, nella maggior parte dei paesi entro l'anno 2099 la Terra continuerà a ess…

Carbon credit e l'ineffabile Mr. Nilsson

David Nilsson, un cosidetto carbon cowboys, è un agente immobiliare, la cui società Sustainable Carbon Resources Limited, ha sede a Hong Kong. Costui prevedeva di aiutare la comunità indigena dei Matsés, in Perù.

Nilsson, impostando il progetto dei crediti di carbonio con i Matsés, chiedeva in cambio, non appena i certificati neri fossero stati venduti, la condivisione dei profitti,. Se il piano di Nilsson fosse andato avanti, in teoria la foresta sarebbe stata risparmiata dal taglio forestale, la sua azienda ne avrebbe tratto un buon profitto, e la comunità indigena avrebbe ricevuto milioni di dollari in finanziamenti per l'istruzione e le cure mediche da parte degli investitori e le società interessate ad espandere gli sforzi ecosostenibili.

In uno scenario ideale, è così che dovrebbe funzionare: una comunità in un paese in via di sviluppo lavora con una ONG o uno sviluppatore per progettare un piano che protegge una vasta fascia di foresta e impedire il rilascio del composto c…

Donne Masai: le missionarie dell'energia solare

Loro, le donne, si alzano presto al mattino e si coricano tardi la notte, dopo ore di intenso lavoro.

La mancanza di piogge in questa zona significa che loro, le donne, soffrono di più perché debbono camminare di più ogni giorno per chilometri e chilometri su sentieri impervi e dal suolo impoverito a cercare pascoli e a prendere l'acqua, che portano in anfore troppo grandi per loro, ma che serve per cucinare o dissetare la famiglia o la comunità in cui vivono.

Succede in Africa, tra le donne Masai.

Nella cultura Masai, le donne non posseggono nulla, niente eredità e un'intera vita sotto l'autorità degli uomini.

Sino a qualche tempo fa, il crepuscolo era un momento di forte disagio per la gente di Magadi, un villaggio nella contea di Kajiado, nel Kenya. Al tramonto, gli agricoltori cominciavano a preoccuparsi per il loro bestiame, facile preda di iene e leopardi. I bambini accendevano il fuoco per terminare il loro lavoro scolastico, riempiendo le case di fumo.

Ora, come s…

Svalbard, la dispensa per l'umanità futura

In una fetta di Norvegia, nell'arcipelago delle Svalbard, c'è l'isola di Spitsbergen, scoperta dal navigatore olandeseWillem Barentsche la battezzò, appunto Spitzbergen (Montagne aguzze).

Benchè appartenga alla Norvegia, l'isola del Mar Glaciale Artico, distante 1200 chilometri dal Polo Nord, ha goduto di diritti speciali per l'attività industriale dei russi sin dai tempi del periodo sovietico; un po' meno oggi, visto che il grandioso progetto della Banca dei semi è stato voluto fortemente dal governo norvegese.

Pur non essendo, di per se, un esperimento scientifico, la massiccia banca dei semi,  la cosiddetta "The doomsday vault" (la voltadel giorno del giudizio), situata in un bunker inaccessibile, ha delle implicazioni scientifiche, specie se vi fosse un evento catastrofico che cancellasse le banche del seme esistenti.

Per ogni varietà vegetale esistente sul pianeta c'è una piccola quantità di semi conservati in condizioni stagne, ermeti…

L'ambiguo utilizzo dei carbon credits

Dai tempi del Protocollo di Kyoto, i Paesi del mondo si sono organizzati per ridurre la cappa di CO2 che affligge gran parte del pianeta, in varie maniere. Un modo è quello dei Certificati Verdi, che si pagano in bolletta per finanziare l'eolico, l'idroelettrico e le biomasse.

Al momento, i Certificati Verdi sono in fase di esaurimento: ne sono stati finanziati abbastanza ed ora possono viaggiare con le loro gambe. Ci sono anche i Certificati Neri o Carbon Credits, che emettono le aziende che inquinano poco e sono obbligati a comprarle le aziende che, al contrario, inquinano di più. In alternativa per gli inquinatori, invece di acquistare i Carbon Credits, possono piantare alberi. Tuttavia, attorno a questi Certificati Neri e riforestazione succede un po' di tutto.

Ne è rimasto coinvolto anche il Vaticano, pur non avendo nessun obbligo poichè non è un'azienda inquinante. Nel 2007, il Vaticano annuncia d'essere diventato il primo Stato al mondo ad emissioni zero, g…

Il ritardo del trasporto aereo sulla riduzione delle emissioni inquinanti

Il termine ultimo delle Nazioni Unite di istituire meccanismi di offset nel corpo dell'aviazione nel 2016 non sarà raggiunto, ritardando, in tal modo, l'azione verde del trasporto aereo sui cambiamenti climatici.

La crescita del numero dei passeggeri e di nuovi vettori che solcano i cieli, ritardano gli obiettivi dell'industria aeronautica, che mira a conseguire "una crescita carbon-neutral" da raggiungere entro il 2020: é un obiettivo volontario di dimezzare le emissioni ai livelli del 2005 entro la metà del secolo. L'impronta di carbonio del settore aereo è  equivalente al settimo paese più grande del mondo.

Secondo un funzionario che partecipa alla discussione del problema, non ci sarà uno strumento chiave per ribadire le emissioni delle compagnie aeree, che verrà adottato dalla International Civil Aviation Organization’s (ICAO), nel prossimo incontro nel 2016. Andreas Hardeman, vice direttore dell' ICAO, ha detto che un meccanismo di compensazione no…