Passa ai contenuti principali

L'ambiguo utilizzo dei carbon credits

Dai tempi del Protocollo di Kyoto, i Paesi del mondo si sono organizzati per ridurre la cappa di CO2 che affligge gran parte del pianeta, in varie maniere. Un modo è quello dei Certificati Verdi, che si pagano in bolletta per finanziare l'eolico, l'idroelettrico e le biomasse.

Al momento, i Certificati Verdi sono in fase di esaurimento: ne sono stati finanziati abbastanza ed ora possono viaggiare con le loro gambe. Ci sono anche i Certificati Neri o Carbon Credits, che emettono le aziende che inquinano poco e sono obbligati a comprarle le aziende che, al contrario, inquinano di più. In alternativa per gli inquinatori, invece di acquistare i Carbon Credits, possono piantare alberi. Tuttavia, attorno a questi Certificati Neri e riforestazione succede un po' di tutto.

Ne è rimasto coinvolto anche il Vaticano, pur non avendo nessun obbligo poichè non è un'azienda inquinante. Nel 2007, il Vaticano annuncia d'essere diventato il primo Stato al mondo ad emissioni zero, grazie ai 125 mila alberi che verranno piantati in Ungheria riuscirà infatti a compensare le 10 mila tonnellate di CO2 prodotte ogni anno. Poi però, le società dell'artefice del green business sono andate in bancarotta, e alcuni scienziati hanno giudicato controversi i suoi progetti. Tipi come questo signore vengono chiamati carbon cowboys. Di fatto, a distanza di 6 anni di quei 125 mila alberi in Ungheria non ne è stato piantato neanche uno.

Ma gli imprenditori che si sono lanciati nella CO2 sono centinaia. Sono imprenditori che cercano in giro per il mondo clienti disposti ad intervenire e firmare contratti per trasformare foreste in meccanismi di compensazione di anidride carbonica. Che significa, se viene superata una data soglia di emissioni, devi compensare con progetti ecosostenibili, come la riforestazione oppure acquistando Carbon Credit, certificati che danno diritto ad emettere anidride carbonica.

Per emettere tanto, bisogna utilizzare o comprare questi permessi da qualcun altro che, invece, è stato più virtuoso e ha emesso di meno. In questo modo si da luogo a una domanda e un'offerta di permessi di emissioni, dove il prezzo è deciso dalle forze della Domanda e dell'Offerta.

Si può dire che il mercato del Carbonio (Carbon Credit) funziona come la Borsa Valori: vengono acquistati in grandi stock da società intermediarie e il loro prezzo viene quotidianamente contrattato da migliaia di broker.

Per molti, il sistema dei Carbon Credit non funziona affatto, rivelandosi, piuttosto, una calamita per le frodi. Seguendo il denaro che ruota attorno ai Carbon Credit si può arrivare molto lontano... fino ad un covo di attivisti islamici assai vicino al luogo dove è stato ucciso Bin Laden, in Pakistan, in cui, a quanto pare, sono state trovate tracce (fatture) di questo traffico all'insegna del Verde.

Ed è proprio su questo argomento, trattato dalla trasmissione Report di domenica 31 maggio, che in un prossimo post vi racconterò la storia di un ambizioso carbon cowboys australiano, che aveva in mente di aiutare la comunità indigena dei Matsés, in Perù...

A presto

Carbon credit e l'ineffabile Mr. Nilsson

Immagine:  garamut.wordpress.com


I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…