Cambiamento climatico: visita in Alaska del Presidente Obama



La tragedia della fame, delle guerre, delle carestie e della siccità sta causando una migrazione di proporzioni enormi che ha messo in moto eserciti di persone che fuggono dal Medio Oriente, dall'Africa, dal sudest asiatico, un flusso di persone disperate in cerca di un domani migliore nei Paesi industrializzati.

Questo lo scenario che intravede Barak Obama qualora non si riuscirà a risolvere la questione dell'effetto serra. Il Presidente degli Stati Uniti, ha portato la sua crociata in Alaska in un viaggio di tre giorni progettato per evidenziare gli effetti devastanti del riscaldamento globale e promuovere iniziative per affrontare la questione

 "L'attività umana sta distruggendo il clima, per molti versi più velocemente di quanto si pensasse in precedenza", ha detto Obama, durante una riunione dei delegati internazionali ad Anchorage. E ancora: "Il cambiamento climatico non è più certo un problema lontano. Sta accadendo qui. Sta accadendo ora. " ed i suoi effetti inevitabili sembrano aver preso un tributo terribile sulle piccole isole che si trovano sotto la minaccia di sprofondare nei grandi oceani a causa del rialzo dei livelli di acqua.

Su questi temi si è espresso Obama nella sua visita in Alaska, uno stato che è al tempo stesso ricco di combustibili fossili e particolarmente vulnerabile ai cambiamenti climatici, e ha annunciato che tutti adotteranno nuove misure urgenti per rallentare il ritmo del riscaldamento nell'Artico. 
 
L'innalzamento del livello del mare, gli incendi devastanti e l'erosione costiera  minacciano le comunità in tutto lo stato, grazie soprattutto ai cambiamenti climatici. Ma, allo stesso tempo, l'Alaska beneficia dei combustibili fossili che sono la causa del riscaldamento globale di origine antropica. Tuttavia, le risorse petrolifere significano  migliaia di posti di lavoro e permettono allo Stato di evitare la riscossione dell'imposta sul reddito o di vendita. Ogni anno il governo dello stato emette un assegno in regalo per i residenti di Stato (circa 1.900 dollari nel 2014) finanziati dall'industria petrolifera). 

Oltreciò, lo scioglimento dei ghiacci a causa dei cambiamenti climatici, fa prevedere nella regione artica un aumento del traffico marittimo per l'estrazione, il trasporto e il turismo. 

Parlando su  ITV News agli abitanti dei villaggi che sono direttamente influenzati dal riscaldamento globale, Obama ricorda che il cambiamento climatico sta erodendo le coste dello stato. Ad esempio, guardando dall'alto la  piccola isola di Kivalina (nell'immagine a lato), isolata sulla costa occidentale dell'Alaska, 83 miglia al di sopra del circolo polare artico, diventa subito evidente qual è il problema ..... non c'è rimasto molto di essa. L'isola dell'Alaska si sta lentamente erodendo nell'oceano: sta scomparendo in mare a causa dei cambiamenti climatici. Gli esperti ritengono che tutto, compreso le case, la scuola e la sabbia nera che circonda l'isola andrà perduto entro il prossimo decennio, grazie all'attuale aumento del livello del mare.

Ieri, usando un linguaggio insolitamente schietto, il presidente ha sfidato i leader mondiali ad agire con coraggio per combattere il cambiamento climatico o "condannare i nostri figli a un mondo che non avranno più la capacità di riparare." Tutti adotteranno nuove misure urgenti per rallentare il ritmo del riscaldamento nell'Artico.

Come cadeau molto gradito l''amministrazione Obama ha anche annunciato la ridenominazione del Monte McKinley (immagine), denominato così dal 1917, la vetta più alta del Nord America con i suoi oltre seimila metri, ripristinando il nome che i nativi dell'Alaska hanno usato per generazioni: Denali.

Al pari di Obama, ieri Papa Francesco, ha riservato una giornata di preghiera globale in vista delle riunioni chiave sul cambiamento climatico, invitando  i ricchi e i potenti a prendersi cura della Terra. Intanto a Washington fervono i preparativi per l'atteso incontro del papa con Obama il 23 settembre, presso la Cattedrale di San Matteo vicino al Dupont Circle per la preghiera di mezzogiorno con i vescovi degli Stati Uniti.

 Immagine: edition.cnn.com - www.latimes.com - americablog.com

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria