Passa ai contenuti principali

Cambiamento climatico: visita in Alaska del Presidente Obama



La tragedia della fame, delle guerre, delle carestie e della siccità sta causando una migrazione di proporzioni enormi che ha messo in moto eserciti di persone che fuggono dal Medio Oriente, dall'Africa, dal sudest asiatico, un flusso di persone disperate in cerca di un domani migliore nei Paesi industrializzati.

Questo lo scenario che intravede Barak Obama qualora non si riuscirà a risolvere la questione dell'effetto serra. Il Presidente degli Stati Uniti, ha portato la sua crociata in Alaska in un viaggio di tre giorni progettato per evidenziare gli effetti devastanti del riscaldamento globale e promuovere iniziative per affrontare la questione

 "L'attività umana sta distruggendo il clima, per molti versi più velocemente di quanto si pensasse in precedenza", ha detto Obama, durante una riunione dei delegati internazionali ad Anchorage. E ancora: "Il cambiamento climatico non è più certo un problema lontano. Sta accadendo qui. Sta accadendo ora. " ed i suoi effetti inevitabili sembrano aver preso un tributo terribile sulle piccole isole che si trovano sotto la minaccia di sprofondare nei grandi oceani a causa del rialzo dei livelli di acqua.

Su questi temi si è espresso Obama nella sua visita in Alaska, uno stato che è al tempo stesso ricco di combustibili fossili e particolarmente vulnerabile ai cambiamenti climatici, e ha annunciato che tutti adotteranno nuove misure urgenti per rallentare il ritmo del riscaldamento nell'Artico. 
 
L'innalzamento del livello del mare, gli incendi devastanti e l'erosione costiera  minacciano le comunità in tutto lo stato, grazie soprattutto ai cambiamenti climatici. Ma, allo stesso tempo, l'Alaska beneficia dei combustibili fossili che sono la causa del riscaldamento globale di origine antropica. Tuttavia, le risorse petrolifere significano  migliaia di posti di lavoro e permettono allo Stato di evitare la riscossione dell'imposta sul reddito o di vendita. Ogni anno il governo dello stato emette un assegno in regalo per i residenti di Stato (circa 1.900 dollari nel 2014) finanziati dall'industria petrolifera). 

Oltreciò, lo scioglimento dei ghiacci a causa dei cambiamenti climatici, fa prevedere nella regione artica un aumento del traffico marittimo per l'estrazione, il trasporto e il turismo. 

Parlando su  ITV News agli abitanti dei villaggi che sono direttamente influenzati dal riscaldamento globale, Obama ricorda che il cambiamento climatico sta erodendo le coste dello stato. Ad esempio, guardando dall'alto la  piccola isola di Kivalina (nell'immagine a lato), isolata sulla costa occidentale dell'Alaska, 83 miglia al di sopra del circolo polare artico, diventa subito evidente qual è il problema ..... non c'è rimasto molto di essa. L'isola dell'Alaska si sta lentamente erodendo nell'oceano: sta scomparendo in mare a causa dei cambiamenti climatici. Gli esperti ritengono che tutto, compreso le case, la scuola e la sabbia nera che circonda l'isola andrà perduto entro il prossimo decennio, grazie all'attuale aumento del livello del mare.

Ieri, usando un linguaggio insolitamente schietto, il presidente ha sfidato i leader mondiali ad agire con coraggio per combattere il cambiamento climatico o "condannare i nostri figli a un mondo che non avranno più la capacità di riparare." Tutti adotteranno nuove misure urgenti per rallentare il ritmo del riscaldamento nell'Artico.

Come cadeau molto gradito l''amministrazione Obama ha anche annunciato la ridenominazione del Monte McKinley (immagine), denominato così dal 1917, la vetta più alta del Nord America con i suoi oltre seimila metri, ripristinando il nome che i nativi dell'Alaska hanno usato per generazioni: Denali.

Al pari di Obama, ieri Papa Francesco, ha riservato una giornata di preghiera globale in vista delle riunioni chiave sul cambiamento climatico, invitando  i ricchi e i potenti a prendersi cura della Terra. Intanto a Washington fervono i preparativi per l'atteso incontro del papa con Obama il 23 settembre, presso la Cattedrale di San Matteo vicino al Dupont Circle per la preghiera di mezzogiorno con i vescovi degli Stati Uniti.

 Immagine: edition.cnn.com - www.latimes.com - americablog.com

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…