Passa ai contenuti principali

Nel Myanmar una frana in una miniera di giada uccide 100 persone


Una frana nei pressi di una miniera di giada nello stato del Kachin, nel nord del Myanmar, ha ucciso circa 100 persone (ma il totale del numero delle vittime non è ancora definito) e ha lasciato più di 100 dispersi, la maggior parte di loro gente locale che rovistava tra gli scarti e i rifiuti in una enorme discarica lasciata incustodita dalle compagnie minerarie, molte delle quali di proprietà di famiglie di ex generali, aziende dell'esercito, gruppi etnici armati, compari e signori della droga, che stanno facendo decine o centinaia di milioni di dollari l'anno attraverso il loro bottino nella città di Hpakant, un'aspra regione strategica inserita tra Cina e India. In nessun luogo della Terra esiste giada in quantità e qualità come a Hpakant. 

Il Myanmar è strettamente identificato con le risorse naturali quali giada, rubini e teak ma finora il suo popolo non ne ha beneficiato. Lo afferma Global Witness, un gruppo di pressione ambientale che studia l'uso improprio di entrate provenienti da risorse naturali e ha pubblicato una relazione completa sul settore all'inizio di quest'anno. Si stima che il valore della produzione di giada in Birmania abbia fruttato all'elite militare e ai signori della droga ben 31 miliardi di dollari nel 2014.

Pochi di quelli che comprano un manufatto di giada pensano a ciò che ruota dietro al mondo della pietra verde. I più pensano alla lucentezza o ai riflessi di questo minerale.   

 Le pietre verdi o bianco latte che valgono più dell’oro sono macchiate dal rosso del sangue dei minatori-schiavi. Per farli lavorare nelle miniere di giada li rendono dipendenti dalle droghe.

Ora, grazie alla vittoria di Aung San Suu Kyi alle Elezioni in Birmania questo sporco traffico, quasi esclusivamente in mano ai militari potrebbe finire,

La giada è una pietra preziosa con una energia simbolica unica che per la sua bellezza e ampia espressività, ha sempre suscitato una speciale attrazione per il genere umano da migliaia di anni. Oggi la giada si estrae quasi esclusivamente in tre Paesi: Cina, Corea e  Myanmar (ex Birmania). In Corea la giada è simbolo di ricchezza e di prosperità. Infatti la si regala, in segno di buon auspicio, ai nuovi nati. 

In Cina si pensa che possa allontanare il malocchio e che abbia poteri curativi. Su un testo cinese del sedicesimo secolo è riportato che “se si sfrega ogni giorno con della giada l'area attorno a una ferita, non rimarrà alcuna cicatrice e, se la giada viene macinata fine come i semi di sesamo e poi ingerita, i dolori muscolari e del torace scompariranno e il cuore, il fegato, la milza, i polmoni e i reni funzioneranno tutti meglio” (e per confermarlo sono stati fatti degli studi presso l'Università di Taejŏn). In Corea la giada è simbolo di ricchezza e di prosperità. Infatti la si regala, in segno di buon auspicio, ai nuovi nati.
 

È per questo che, in molti Paesi orientali, ma anche in Occidente il mercato della giada è sempre più florido. Un proverbio cinese dice: “L’oro è di valore, ma la giada è senza prezzo”. 
Ma la giada un prezzo ce l’ha: un prezzo di sangue e di vite umane di cui nessuno parla.


Immagini: www.pbs.org -

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…