La riscossa di Sea Shepherd nell'Oceano Antartico.


Costruito su misura l' Ocean Warrior, un pattugliatore anti-caccia alla balena, destinato a cambiare il gioco in tavola. Sea Shepherd è impegnata a riprendere la sua lotta contro la baleniera giapponese nell'Oceano Antartico con rinnovato vigore, svelando l'ultima aggiunta al suo arsenale anti-caccia alle balene, una nave progettata su misura di 12 milioni di dollari. Il vascello è ancorato a Hobart dopo aver navigato dalla Turchia, dove è stato costruito con soldi della lotteria olandese.

Dopo una pausa di due anni - richiesto da una Corte Internazionale di Giustizia che ha causato il Giappone per fermare il suo programma di caccia "scientifica" per una stagione - Sea Shepherd è tornata alla battaglia con una nave che sostiene in grado di correre più veloce e superare le navi baleniere giapponesi.

Lo ha detto Adam Burling, portavoce di Sea Shepherd, ai visitatori ad Hobart che hanno fatto un giro guida sulla nave di 15 minuti.

Sea Shepherd Conservation Society ha descritto la nave come un "game changer" (cambio di gioco) nella sua lotta contro la flotta baleniera giapponese nell'Oceano del Sud. (Antartico). Il capitano Adam Meyerson ha detto che è più veloce e meglio attrezzata per tenere il passo con le navi molto più grandi della flotta baleniera. Essa è la nostra nave più veloce e andrà a modificare il modo in cui possiamo proteggere le balene, ha detto.

La grande sfida è trovare sempre [la flotta di caccia] e quindi solo la normale sfide di spostamenti da e per l'Antartide, il meteo e il ghiaccio e tutte le altre cose.

La grande sfida è trovarla sempre [la flotta di caccia]. Sono le normali sfide per muoversi che si giocano nell'Oceano del Sud (Antartide), esaminando il tempo e il ghiaccio, e tutte le altre cose. "E 'un viaggio difficile solo andare lì e tornare indietro, è come trovare un ago in un pagliaio, arrestare la caccia alle balene, e tornare indietro, è sempre una grande sfida."

Il capitano Meyerson ha detto che in passato ci sono stati alcuni scontri drammatici, e spera che quest'anno siano meno aggressivi."Cerchiamo di farlo nel modo più sicuro possibile", ha detto.

"La flotta baleniera giapponese ha detto che quest'anno non sta andando a impegnarsi o entrare in scontri con noi, speriamo che ti mantengono la parola."

Sea Shepherd sostiene che il Giappone ha avuto una quota di caccia di 333 balenottere in meno l'anno per gli ultimi 12 anni.

L'equipaggio Ocean Warrior sarà composto da 15 persone quando a breve salperà per una missione di 12 settimane nell'oceano Antartico. A dar loro man forte dovrebbe esserci un pattugliatore del governo australiano.

Questo è l'anno in cui il governo australiano ha dovuto sostenere il suo impegno elettorale, la sua promessa al popolo australiano, ha così concluso il portavoce di Sea Shepherd.

Immagine: www.themercury.com.au

ALTRO ARTICOLO SULL'ARGOMENTO: