Il rapporto sul clima da Incheon che taglia la testa al toro


In attesa del COP24 che si terrà a Katowice, Polonia, a dicembre l'IPCC, il principale gruppo internazionale di ricercatori sui cambiamenti climatici, riunito a Incheon, in Corea del Sud, si sta preparando a rilasciare nelle prossime ore un importante rapporto sugli impatti del riscaldamento globale e cosa ci vorrebbe per limitare il riscaldamento a 1,5 gradi Celsius, o 2,7 gradi Fahrenheit, sopra i livelli preindustriali, un obiettivo che sembra sempre più improbabile.

L'IPCC che sta organizzandosi distillando migliaia di articoli accademici in consigli digeribili per i responsabili politici, probabilmente dirà anche che lo scenario più ottimistico per i cambiamenti climatici non è per nulla eccezionale, e il rapporto sembra possa prevedere tagli molto più profondi nell'inquinamento da combustibili fossili rispetto a quanto stabilito. L'unica via per evitare un pericoloso aumento delle temperature globali.

Le utenze entro il 2030 dovrebbero consumare solo un terzo del carbone che bruciano attualmente per mantenere il riscaldamento globale entro i limiti stabiliti. Il taglio è più del doppio rispetto allo scenario più audace delineato dall'Agenzia internazionale dell'energia (IEA).

Le raccomandazioni previste si basano dall'invito effettuato tre anni fa nell'Accordo di Parigi sul cambiamento climatico.

Mentre il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha definito la questione un falso e ha promesso di ritirarsi dall'accordo, i governi di tutta Europa e Asia stanno lavorando per limitare le emissioni e gli scienziati suggeriscono che bisogna muoversi più velocemente.

"È certamente un obiettivo molto ambizioso", ha affermato Tim Buckley, direttore degli studi sull'energia presso l'Institute for Energy Economics and Financial Analysis. "Vedremo che succederà entro il 2030? Probabilmente no, non in nessun modello che stiamo vedendo al momento. Ma grazie alla tecnologia, i mercati si stanno allontanando dal carbone molto velocemente ".

Questo rapporto, commissionato dopo l'accordo di Parigi, derivava dalla preoccupazione che le nazioni insulari sarebbero state sommerse dall'innalzamento dei mari e da violente tempeste associate al riscaldamento globale. Gli scienziati collegano il riscaldamento globale con l'aumento delle concentrazioni di anidride carbonica nell'atmosfera, un sottoprodotto della combustione di combustibili fossili, in particolare il carbone.

Funzionari dell'industria carboniera affermano che tagliare l'accesso al proprio combustibile rallenterà la crescita economica e lascerà milioni di persone intrappolate nella povertà, incapaci di accedere a una energia elettrica a prezzi accessibili.

"Mi sembra molto improbabile che in futuro desidereremo utilizzare sostanzialmente meno energia", ha affermato Brian Ricketts, segretario generale della European Association for Coal and Lignite"L'uso dell'energia ci ha permesso di progredire. Usare più energia è necessario per creare un mondo migliore per tutti. "

Le emissioni di anidride carbonica derivanti dall'uso di energia sono aumentate dell'1,6 per cento nel 2017, dopo tre anni di piccole variazioni, secondo i dati di BP Plc. Diciassette dei 18 anni più caldi degli ultimi 136 sono tutti accaduti dal 2001 e il 2016 è stato il più caldo mai registrato, ha concluso l'agenzia spaziale statunitense NASA.

Attualmente il carbone alimenta circa il 27% della domanda mondiale di energia. È probabile che tale percentuale scenda a circa il 22% nel 2040 grazie a una politica energetica più pulita, secondo l'IEA, l'istituzione con sede a Parigi che consiglia i governi sull'energia.

Sotto una prospettiva più audace che presuppone un'azione più rapida per proteggere l'atmosfera, l'uso del carbone scenderebbe al 13% del mercato energetico entro il 2040,  quasi il doppio della percentuale che l'IPCC sta valutando come raccomandazione. Bloomberg NEF prevede che la produzione globale di carbone raggiungerà il picco intorno al 2027 prima di scendere all'11% dell'elettricità mondiale entro il 2050.

Sia l'IEA che il World Coal Association hanno rifiutato di commentare il rapporto prima della pubblicazione.

A parte gli Stati Uniti dove Trump sta lavorando per rilanciare l'industria del carbone, altri governi stanno portando avanti gli impegni assunti con l'accordo di Parigi.

La Cina sta ridimensionando il suo programma per sull'uso del carbone, e l'Europa sta lavorando per eliminarla completamente. In Germania, la cancelliera Angela Merkel ha nominato un gruppo di esperti per consigliarle quando la nazione può chiudere tutte le sue centrali a carbone. Il Regno Unito ha promesso di rottamare il carbone entro il 2025.

La riluttanza del Sig. Trump ad abbracciare la scienza del clima ha rallentato lo slancio nei colloqui delle Nazioni Unite che hanno prodotto l'Accordo di Parigi. Gli inviati di quelle discussioni hanno dibattuto sui dettagli di un regolamento su come attuare l'accordo del 2015.


Tuttavia, a seguire l'America pare ci sia il gigante petrolifero dell'Arabia Saudita, che ha fatto marcia indietro all'ultimo minuto per non ostacolare l'adozione dell'importante rapporto di cui tutti sono in attesa.

I sauditi avevano contestato l'inclusione di un passaggio che enfatizzasse la necessità di ridurre drasticamente l'uso dei combustibili fossili, la principale esportazione dell'Arabia Saudita.

"L'Arabia Saudita ha ritirato il blocco del passaggio quando la loro obiezione stava per essere registrata formalmente in una nota a piè di pagina", ha detto un partecipante all'incontro.

Per saperne di più su quest'ultimo passaggio sull'Arabia Saudita QUI