Norvegia: impegno preso sull'inquinamento di plastica negli oceani


Uno sguardo sul mondo.

Il governo norvegese ha annunciato un impegno a spendere 200 milioni di dollari nei prossimi 4 anni per combattere la crescente piaga dell'inquinamento plastico negli oceani.

L'impegno, presentato al Global Citizen Festival di New York, rappresenta un significativo aumento degli sforzi per impedire che la crescita economica danneggi irreparabilmente la vita marina. Esso mostra anche lo slancio di un secondo importante pilastro della politica dell'oceano, oltre a mettere da parte più regioni oceaniche per la conservazione.

Gli oceani del mondo sono sempre più ingombri di inquinamento plastico da tutto, come cannucce di plastica, bottiglie d'acqua e "ghostnets", che sono reti da pesca che hanno interrotto le loro linee originali.

La maggior parte di tutta la plastica prodotta viene scartata o smaltita in ambienti naturali, piuttosto che riciclata.

 La Norvegia è un importante produttore di petrolio, compresa la produzione petrolifera offshore,, e ha una notevole industria della pesca.

Secondo Nikolai Astrup, ministro norvegese per lo sviluppo internazionale, il governo norvegese considera la salute degli oceani una priorità strategica. Per Astrup, che ha fatto l'annuncio in un'intervista a margine dell'assemblea generale delle Nazioni Unite, i due terzi della creazione di ricchezza norvegese provengono da attività legate all'oceano e gli oceani rappresenteranno una fonte alimentare ancora più importante a livello mondiale man mano la crescita della popolazione continua. Questo vale soprattutto per l'Asia e l'Africa, ha affermato.

" Uno dei problemi principali è la quasi totale mancanza di sistemi di gestione dei rifiuti nei paesi in via di sviluppo" afferma Nikolai Astrup, il quale suggerisce di andare più in profondità: le cannucce di plastica svolgono soltanto un ruolo secondario nell'inquinamento globale delle materie plastiche.

Fonte: www.axios.com

Immagine: guardian.ng