Passa ai contenuti principali

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero


La perforazione dei pozzi petroliferi e il trasporto dell'oro nero per il mondo, nel corso degli anni, hanno causato incidenti disastrosi oltre che effetti disastrosi per l'economia di molti pescatori. La Deepwater Horizon, che il presidente Obama ha definito un'altro 11 settembre per gli Stati Uniti, n'è testimone!

Dopo l'esplosione della piattaforma petrolifera Deepwater Horizon si è piegata su un fianco prima di affondare nel Golfo del Messico, causando la morte di 11 uomini, con la conseguenziale perdita di petrolio che ha versato nelle acque milioni e milioni di litri causando una gigantesca marea nera che come un mostro famelico si sta spingendo sulle coste orientali degli Stati Uniti, diventando una trappola fatale per tante speci di pesci e uccelli, rendendo scure e oleose le acque del Golfo.


Il 18 settembre 2007, in Iraq, nel fiume Tigri, una esplosione sotto un gasdotto nella città settentrionale di Beiji, ha scatenato un incendio con la conseguenziale fuoriuscita di enormi quantità di petrolio greggio nel fiume.  L'esercito Usa ha accusato dell'esplosione gli insorti irakeni. 

Il 29 novembre 2004 nel Delaware una falla in una petroliera, in rotta verso un porto del New Jersey, aveva causato la perdita di petrolio, versando nel fiume 265.000 galloni di petrolio nel fiume.

Sempre nel 2004, il 7 Agosto,  una tremenda esplosione sulla piattaforma petrolifera Piper Alpha, a nord-est del Mare del Nord di Aberdeen, in Scozia, ha ucciso 167 uomini.

Il 23 novembre 2002 nel nord della Spagna, la petroliera Prestige ha versato circa 20 milioni di galloni di petrolio nelle acque dell'Oceano Atlantico, inquinando anche le coste, facendo si che nella regione venisse sospesa la pesca d'altura sospesa per sei mesi.

Il 23 gennaio 2001 nelle acque al largo di San Cristobal nelle Isole Galapagos, un incidente sulla petroliera ecuadoriana Jessica è stata la causa di una fuoriuscita di circa 175.000 galloni di petrolio. Un grave disastro ecologico per tutta la natura incontaminata delle isole, che determinò, tra l'altro  la morte di oltre il 60% delle iguane, che in quelle isole prosperavano.

Il 13 dicembre 1999 al largo delle coste britanniche, il mare in tempesta fu causa della rottura in due parti della petroliera maltese Erika, che affondò, inquinando centinaia di chilometri di litorale. 

Il 24 Febbraio 1997 la petroliera panamense San Jorge che trasportava 370 mila di barili di petrolio si è incagliata nei fondali di Punta del Este (Uruguay) nel suo cammino dal sud dell'Argentina. Si stima che circa 6.000 tonnellate di petrolio si sono riversate nelle acque. (Nell'immagine sopra by Jose Luis Bello / El Pais - si vedono tre piccoli leoni marini coperti di petrolio in un isola santuario della specie)

L'11 Gennaio 1997. Una petroliera russa con 5,6 milioni di galloni di petrolio è affondato nel Mar del Giappone, 200 miglia a ovest di Tokyo. La conseguente fuoriuscita di petrolio ha inquinato circa 400 miglia di costa.
  
24 febbraio 1991 - Durante la guerra del Golfo, un carro armato iracheno, colpito dal fuoco degli Stati Uniti, si siede come un relitto fumante sullo sfondo dei pozzi di petrolio che bruciano.  (immagine by Los Angeles Times)

9 Aprile 1989 - Ecco come appare il corpo di una balena grigia della California depositata sulla Latoucha Island, Alaska, in seguito alla fuoriuscita di petrolio della Exxon Valdez (immagine  sopra a sx, Foto Giovanni Gaps III / Associated Press)

1978 - Amoco Cadiz: cariche esplosive sono sparate nei pressi del relitto della Amoco Cadiz, che ha rotto a parte al largo delle coste di Francia versando in mare 1,6 milioni di barili di petrolio. Essa fu la più grande fuoriuscita di petrolio mai registrata a quel tempo.

7 febbraio 1969 - Santa Barbara:  l'esplosione su un impianto di perforazione di Unocal, a sei miglia al largo delle coste californiane, ha versato in mare  3 milioni di galloni di petrolio. Il disastro è diventato un'icona del movimento ambientalista.

Per vedere tutte le altre immagini, vi rimando al sito del Los Angeles Time, la fonte di questo post, che mostra una galleria di inquientanti fotografie davvero molto suggestive.

Commenti

Post popolari in questo blog

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Cina: la profezia di Napoleone

Gli storici dicono che nel 1803, guardando la mappa del mondo, Napoleone si soffermò sulla Cina, paese lontano e poco conosciuto, dicendo: "Qui giace un gigante addormentato. Lasciatelo dormire, perchè quando si sveglierà scuoterà il mondo!".
Napoleone basava le sue preoccupazioni sulle relazioni ricevute da missionari gesuiti che si erano insediati in Cina già da due secoli. Alcuni di essi erano informatori dell'imperatore nella Città Proibita. Il loro rapporto era basato su versioni medioevali del mondo moderno.
Nel 1404, un famoso esploratore cinese, l'ammiraglio Zheng-He, un eunuco, condusse una flotta di 317 enormi giunche, alcune a sei alberi, con più di 100 metri di lunghezza e un equipaggio complessivo di 28.000 uomini. La flotta girava tra l'Asia e l'Africa con sete, porcellane ed altri preziosi carichi, dando parvenza di una nazione già potente.
Oggi, l'egemonia declinante degli Stati Uniti accellera, in un certo senso, le ambizioni neoimperiali

L'amuleto della libertà 2 - racconto sul web

PARTE PRECEDENTE

Ogni metà di giugno, in occasione del consueto "incontro d'estate", il castello si rianima più di quanto accade nel corso dell' "incontro d'inverno" che si svolge tra dicembre e gennaio, durante le feste natalizie. Per buona parte degli studenti, ma sicuramente per quasi tutti i giovani del mondo, l’estate è il periodo dell'anno più indicato per stare assieme e divertirsi, standosene beatamente a conversare all'aria aperta. La sessione estiva, che supera di una ventina di giorni quella invernale, sembra riesca a spronare gli studenti che da qualche giorno stanno affluendo al castello, a partecipare più convintamente alla vacanza studio. Normalmente, questa festosa forma di aggregazione é sintomatica del potere dell'amicizia e del rispetto verso il prossimo, finendo quindi con il fortificare i buoni propositi racchiusi nelle loro rigogliose menti.  
Quel giorno l'aula magna era gremita. Tra i ragazzi sembrava prevalere una …