Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2009

Tsunami alle Samoa: un altro segno della Natura devastatrice

Immagine
Secondo gli scienziati del Environmental Systems and Services di Melbourne, il maremoto che ha devastato le isole Samoa, le American Samoae Tonga è il risultato di una rottura superficiale della crosta terrestre.Il terremoto, che è stata misurato di magnitudo 8.3 gradi della scala Richter , si è verificato a 190 chilometri a sud-ovest delle Samoa Americane (un territorio senza personalità giuridica degli Stati Uniti che si trova nel sud dell'Oceano Pacifico).

Gary Gibson, sismologo del ES&S, ha detto che la regione colpita ha esperienze di diversi terremoti di magnitudo 7 nel corso dell'anno, ma una magnitudo 8 e oltre è cosa rara.

"Il terremoto ha avuto una magnitudo di circa 8, che corrisponde ad una rottura all'interno della terra che può avere una lunghezza di 200 - 300 chilometri, ed una profondità di 100 - 200 chilometri, con una parte in difetto del movimento dai quattro ai sette metri rispetto agli altri ", ha detto Gibson, affermando che l&…

Google Earth lancia il simulatore sul clima

In previsione della conferenza sul clima di Copenaghen che si terra a dicembre, Google Earth, in collaborazione col governo danese, ha annunciato di aver sviluppato alcune caratteristiche, in cui all’interno del software sarà possibile esplorare il potenziale impatto dei cambiamenti climatici sul nostro pianeta e le soluzioni per la sua gestione. Lavorare con i dati provenienti dall’IPCC(intergovernmental panel on climate change) permetterà a Google Earth di mostrare la gamma di temperatura prevista e dei cambiamenti delle precipitazioni in differenti scenari globali delle emissioni che potrebbero verificarsi durante questo secolo.Google ha chiesto di Al Gore – che agisce come un consulente “senior” per l’azienda – a fornire il commento su un video di accompagnamento. Il motore di ricerca ha anche collaborato con la CNN per stabilire un canale YouTube dedicato. Dal titolo "Raise Your Voice" – alza la tua voce – è dotato di una serie di video da parte dei leader mondiali e d…

Ci sarà una prima guerra lunare per l'elio 3?

Immagine
La futura partita sull'acqua e sull'energia si giocherà sulla Luna?

Adesso che è stato trovato un sottile strato di acqua sul suolo lunare, facendo tornare prepotentemente alla ribalta il nostro caro satellite, dal tempo in cui Neil Armstrong pronunciò una delle frasi più famose della storia "Questo è un piccolo passo per un uomo, ma un balzo enorme per l'umanità"; visto che l'utilizzo dell'acqua sul nostro pianeta è destinata a rivestire un’importanza sempre più rilevante nei rapporti tra gli Stati, con il rischio di dare origine a violenti conflitti; tenendo presente che le riserve di combustibili fossili hanno raggiunto livelli critici e le fonti energetiche rinnovabili non sono in grado di soddisfare il fabbisogno energetico, tant'è che per il 2035 si prevede il collasso energetico; considerando che sotto la superficie lunare c'è un'abbondanza di elio 3, un elemento che viene considerato alla stregua di un carburante non inquinante, …

L'oro blu sulla Luna potrebbe dare l'avvio a colonie umane

Immagine
Le tracce di acqua sotto forma di molecole trovate sulla Luna, andrebbero ricombinate per ottenere l'oro blu. I primi a ipotizzarlo furono gli astronauti della missione Apollo, circa 40 anni fa, ma il contenitore a tenuta stagna dove erano stati messi i campioni di roccia da analizzare non tennero, così le rocce contaminate non permisero di effettuare le analisi. Oggi, grazie agli strumenti di bordo della sonda Cassini, della sonda Chandrayaan-1 e di quella americana Lunar Prospector, è stato possibile fare questa sensazionale scoperta.

Questa scoperta, secondo Enrico Flamini, responsabile osservatorio universo agenzia spaziale italiana, sta a significare che ci potrebbe essere sufficiente acqua sotto forma di ghiaccio condensata nei crateri lunari che potrebbe essere utilizzata per eventuali usi di colonie umane.

Stime precedenti suggeriscono che ci potrebbero essere più di 300 milioni di tonnellate di ghiaccio d'acqua sulla luna.

Intanto già il 9 ottobre, un proiettile lancia…

Trovate tracce di acqua sulla Luna

L'agenzia spaziale americana NASA dovrebbe annunciare oggi i principali risultati d'una ricerca effettuata dalla missione lunare dalla navicella India's Moon Chandrayaan-1.

L'annuncio dovrebbe essere fatto da Carle Pieters, scienziato del progetto Moon Mineralogy Mapper(M3), affiliata alla NASA, la cui strumentazione, che avrebbe trovato un sottile strato di acqua sul satellite terrestre, era ospitata a bordo della navicella indiana.

"Quando si parla di acqua sulla Luna non si vuole intendere di laghi, oceani, fiumi, pozzanghere ma di piccole tracce, trovate in minima quantità, circa 32 once, in una tonnellata di strato superiore della superficie lunare", ha spiegato Pieters ai media.

La missione sulla Luna del Chandrayaan-1, durata 10 mesi, si è conclusa il 30 agosto dopo che gli scienziati hanno perso il contatto con la sonda. L'obiettivo di Chandrayaan-1, era quello di trovare l'acqua sulla Luna, oltre ad individuare le regioni per un eventuale…

Riscaldamento globale: una partita da vincere

Immagine
La grande sfida che l’umanità si trova ad affrontare in questo XXI secolo consiste nel vincere la partita sul riscaldamento globale, per preservare le future generazioni e far ritornare il pianeta Terra a respirare senza troppi affanni, perchè se alcune cause sono di origine naturale molte altre sono di origine umana.Il futuro del pianeta è a rischio e di tempo per correre ai ripari n’è rimasto poco, questo è quanto ha detto Obama ieri all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite in corso al Palazzo di vetro, mentre Ban Ki-moon denuncia la lentezza glaciale dei negoziati per arrivare ad un trattato internazionale che vada a sostituire l’ormai obsoletoProtocollo di Kyoto.Anche la Cina interviene nel dibattito, dicendo di essere disposta a fare la sua parte.Gas a effetto serra, deforestazione ed inquinamento dipendono anche dallo sviluppo economico. Quei Paesi come la Cina che costruiscono numerose centrali a carbone potrebbero usare energia verde per non aumentare l’anidride carbonica …

7 miliardi di alberi piantati nel mondo, grazie a Billion Tree

Immagine
In attesa dell'appuntamento di Copenaghen, dove il prossimo dicembre si terrà la conferenza sul clima, al Palazzo di Vetro di New York ha preso il via oggi un pre-vertice, che si svolge a margine dell'Assemblea generale dell'Onu, organizzato dal segretario generale Ban Ki-moon, a cui partecipano oltre 120 capi di stato e di governo.

I riflettori sono puntati sulla Cina, dove il presidente Hu Jintao, attraverso il vice ministro degli Esteri He Yafei, ha fatto sapere che il suo Paese lancerà un segnale positivo sulla volontà di contenere le emissioni di gas inquinanti.

La conferenza odierna e il vertice G-20 di Pittsburgh, in agenda il 24 e 25 settembre, si propongono di aumentare la pressione su Stati Uniti ed altri paesi industrializzati, affinche' si impegnino a ridurre le emissioni di gas serra e forniscano ai paesi in via di sviluppo il denaro necessario ad imprimere una svolta alle proprie economie energetiche, basate sul carbone e sulla deforestazione.

Prop…

Concepire meno figli, è la ricetta da seguire contro i cambiamenti climatici

Immagine
Fare meno figli nei paesi in via di sviluppo e adottare uno stile di vita meno consumistico, mangiando meno carne, può servire a rallentare il riscaldamento globale, e preservare così le risorse del pianeta, riducendo il numero di animali utilizzati.

Questa, secondo "Lancet" è la ricetta per combattere i cambiamenti climatici.

Ridurre la crescita demografica mettendo a disposizione dei Paesi in via di sviluppo i contraccettivi potrebbe contribuire a combattere i cambiamenti climatici.
In un editoriale, "The Lancet", la rivista medica più importante al mondo, ha scritto che oltre 200 milioni di donne in tutto il mondo vuole i contraccettivi, ma non ha accesso ad essi.Se le donne potessero avere questi contraccettivi potrebbero evitare 76 milioni di gravidanze indesiderate ogni anno, rallentare quindi la crescita della popolazione, e ridurre la pressione demografica in materia di ambiente.

Nei paesi in cui vi è l'accesso ai preservativi o ad altri contraccettiv…

Scoperto un nuovo virus mortale, si chiama Lujo

Immagine
Come se non bastasse, un nuovo virus rischia di farci rimpiangere le attuali ansie, paure e timori del virus H1N1. Gli è stato dato nome Lujo, in onore delle due città africane Lusaka e Johannesburg, dove è stato per primo individuato.

In primo luogo Lujo ha ucciso cinque operatori sanitari, ma senza che fossero stati infettati per via aerea, ha detto Nivesh Sewlall, della University of the Witwatersrand di Johannesburg, in occasione della Conference on Antimicrobial Agents and Chemotherapy (Icaac) tenutasi a San Francisco

Il primo caso risale ad un anno fa e ha colpito una guida turistica e giocatrice di polo a Lusaka, capitale dello Zambia, una città sinora poco conosciuta per le febbri emorragiche. Inizialmente lei ha cercato di muoversi da se, avendo solo la febbre, ma poi la situazione clinica (dolori muscolari, eruzioni cutanee, diarrea, e varie complicazioni) è peggiorata e la paziente è stata dovuta trasportare urgentemente in aereo presso il centro di cura di�…

Mare Nostrum o Toxic Patch?

Immagine
Ci sono tutti gli ingredienti per uno spettacolare film d'azione alla James Bond, in cui il cattivo è una organizzione criminale tipo Spectre, specializzata nel traffico di rifiuti tossici, ben ramificata nei meandri della società civile. D'ora in poi, grazie alle sue gesta poco edificanti, di cui si sapeva già abbastanza, ma che un collaboratore di giustizia ha ulteriormente rivelato, (dopo 17 anni, grazie ad un robot telecomandato, è stato rinvenuto nelle acque del Tirreno, sepolto tra le alghe a 500 metri di profondità, un grosso mercantile, probabilmente il Cunski, fatto inabissare al largo di Cetraro nel 1992), il mare Nostrum potremo cominciare col chiamarlo Toxic Patch, se si pensa che sono almeno 40 i cargo affondati, inspiegabilmente nel Mare Mediterraneo, negli anni 80 e 90, colati a picco coi loro carichi misteriosi, tra i quali certamente rifiuti tossici nocivi e rifiuti radioattivi, che hanno generato fiumi di denaro nelle tasche della criminalità organizzata.

&quo…

Per le navi commerciali inizia l'era del North East Passage

Immagine
Per centinaia di anni, i marinai hanno sognato di navigare attraverso l'Artico mediante una scorciatoia, che potesse accelerare gli scambi tra Asia e Occidente.Ora, che il riscaldamento globale va assottigliando i ghiacci polari, due navi commerciali tedesche sono in procinto di completare, per la prima volta, il viaggio, navigando dall'Asia verso l'Europa, attraverso il passaggio a NordEst. Le navi tedesche iniziano l'ultima tappa del loro viaggio questa settimana, lasciando un porto della Siberia per Rotterdam, in Olanda.Partendo dalla Corea del sud, il viaggio, secondo l'itinerario tradizionale, è di circa 11000 miglia nautiche (12.658 km) passando attraverso il Canale di Suez. Ora, attraverso il nuovo passaggio a NordOvest , i carghi potranno tagliare ben 4.000 miglia nautiche, con un notevole risparmio del carburante e con una riduzione della quantità di emissioni di CO2.Da ciò, i russi si augurano che il transito delle navi tedesche, e la combinazione del…

L'Australia e il grosso problema dell'inquinamento

Immagine
Un tubo di scarico sorge attraverso il vapore della centrale elettrica australiana Loy Yang Power, nella Latrobe Valley, 150 km a est di Melbourne.

Secondo Climate Change Maplecroft's Risk Report 2009/10, che valuta e compara i rischi del cambiamento climatico nei vari paesi, gli australiani hanno superato gli americani come il più grande produttore pro-capite del mondo di anidride carbonica, causa primaria del global warming, ed è ora in cima ad una classifica di 185 paesi.

Nella classifica, gli australiani sono responsabili di 20,58 tonnellate di anidride carbonica per persona all'anno, mentre gli americani emettono 19,78 tonnellate ed i canadesi, 18,81 tonnellate per persona. La Cina emette invece ogni anno 4.5 tonnellate pro-capite - anche se sono molte le aziende straniere che inquinano, delocalizzate sul loro territorio.

Fonte e immagine: www.physorg.com

In Cina l'impianto ad energia solare più grande del mondo

Immagine
First Solar, il più grande produttore mondiale di celle fotovoltaiche, ha appena firmato un accordo con la Cina per costruire il più grande impianto di energia solare esistente al mondo. Questo progetto è parte di un parco di 11,9 gigawatt di energia rinnovabile, previsto per il 2019 per Ordos City nella Mongolia Interna. La prima fase del progetto realizzerà un impianto di 2 gigawatt nel deserto della Mongolia e secondo First Solar, una volta completato, produrrà energia elettrica sufficiente per alimentare tre milioni di case.

Al momento, il più grande impianto solare in funzione è di 60 megawatt e si trova in Spagna.

Probabilmente First Solar costruirà anche una fabbrica in Cina per produrre pannelli solari in Thin film. "Questo rappresenta un passo incoraggiante verso una più ampia diffusione di energia solare in tutto il mondo per contribuire a mitigare le preoccupazioni dovute al cambiamento climatico", ha dichiarato Mike Ahearn, amministratore delegato dellaFirs…

Benthic Rover, il robot che scruta gli abissi marini

Immagine
Come il rover Spirit e Opportunity, che si sposta instancabilmente sulla superficie polverosa di Marte, un nuovo robot ha trascorso la maggior parte del mese di luglio a camminare sul fondale fangoso marino, a circa 40 chilometri (25 miglia) al largo della costa della California. Questo robot, chiamato Benthic Rover, ha fornito agli scienziati una visione completamente nuova della vita degli abissi marini. Benthic Rover servirà agli scienziati per documentare gli effetti del cambiamento climatico nei fondali marini.Con le dimensioni e il peso di una piccola macchina compatta, la Rover Benthic si muove molto lentamente sul fondo marino, fotografando animali e sedimenti marini al suo passaggio. Ogni tre, cinque metri la Rover si ferma e fa una serie di misurazioni sulle comunità di organismi che vivono nei sedimenti. Queste misure aiuteranno gli scienziati a capire come facciano gli animali sul fondo del mare più profondo a trovare abbastanza cibo per sopravvivere.La maggior parte d…

La macchina da corsa che va col cioccolato...

Immagine
Incredibile! Adesso anche una macchina da corsa costruita in parte da verdure e alimentata da cioccolata è pronta a debuttare in pista a Brands Hatch, in Kent, England, il prossimo mese.

Costruita da automobili riciclate, bottiglie di plastica e scarti di velivoli, la macchina da Formula 3 ha lo sterzo in fibra di carote e funziona con biocarburanti ottenuti da vinacce fermentate e rifiuti provenienti da fabbriche di cioccolato.

E' la prima vettura del suo genere costruita da materiale di scarto, materiale riciclato e materiali naturali, ma ha gli stessi livelli di prestazioni e sembra proprio una macchina da corsa di Formula 3, ha detto il capo del progetto Dott. Kerry Kirwan.

La maggior parte della carrozzeria è in fibra di carbonio WorldFirst ottenuto dallo scarto dell'industria aeronautica e da bottiglie di plastica di bibite, mentre il volante è stato costruito dagli avanzi di spremute di carote e i sedili da schiuma di olio di soia. Microscopiche fibre ottenute da rifiut…

Ironia della vita, meno inquini e più sei vulnerabile ai cambiamenti climatici

Immagine
Ironia della vita, i paesi che più contribuiscono al cambiamento climatico, cioè quelli che hanno le emissioni inquinanti più alte, sono meno vulnerabili, poichè saranno protetti dai suoi effetti peggiori, in quanto potranno usare la loro ricchezza per mitigare l'impatto climatico.

Tra i paesi più poveri, dei 28 considerati a rischio estremo, 22 si trovano in Africa, gli altri nell'Asia del sud, sebbene abbiano le emissioni di gas a effetto serra molto basse.

Secondo uno studio che classifica le nazioni in base alla loro vulnerabilità al riscaldamento globale la Gran Bretagna si trova in fondo alla classifica, cioè al 155 posto sui 166 paesi dello studio by Maplecroft, una società britannica che si occupa della mappatura dei rischi politici in 170 paesi nel mondo. L'Italia occupa invece la 128 posizione, avendo un impatto basso.

Gli Stati Uniti e l'Australia, la più grande emittitrice pro-capite di CO2 tra le nazioni sviluppate, sono comodamente all'intern…

Bisognerà ricorrere al sinistro geoengineering per salvare il pianeta dal global warming?

Immagine
Sebbene i progetti di geoengineering volti a ridurre l'impatto ambientale siano "tecnicamente possibili", la Royal Society invita i governi a non abbandonare i loro sforzi per ridurre le emissioni di anidride carbonica. Qualora non si riuscisse a ridurre in maniera sostanziale le emissioni di CO2, allora la Geo-ingegneria sarà considerata la sola opzione rimasta per invertire il processo di surriscaldamento del pianeta. Tuttavia, sembra che bisognerà ricorrere lo stesso alla Geoingegneria, poichè si presume che attraverso i metodi tradizionali (energia verde, riforestazione...), non sarà comunque sufficiente per tenere il riscaldamento globale al di sotto dei 2 ° C.

Secondo l'ultima relazione della Royal Society, la famosa istituzione scientifica britannica, potrebbero essere considerati necessari, infatti,alcuni arditi progetti di Geoingegneria, d'abbinare ai continui sforzi delle nazioni nel tentativo di mitigare il cambiamento climatico. Tuttavia, il rapporto,…

Ecuador, Chevron Corp.: la resa dei conti

Immagine
In una piccola aula di tribunale nella regione amazzonica dell'Ecuador, Chevron Corp., la più grande azienda della California e uno dei maggiori produttori al mondo di petrolio, presto si troverà ad affrontare il giorno della resa dei conti. Dopo 16 anni di controversia, un caso che l'azienda ha ereditata da una fusione, Aguinda vs Texaco Inc., si sta avviando al termine.
La battaglia legale che ha avuto inizio negli Stati Uniti nel 1993 e ripresa in Ecuador nel 2003, ha messo la multinazionale contro un avversario difficile, composto da una coalizione di tribù indigene e delle comunità.

Il verdetto è atteso all'inizio del prossimo anno. I querelanti sono pronti al confronto e la Chevron riconosce che può rischiare di perdere. Il caso è storico in diverse misure. Difatti, mai prima d'ora le popolazioni indigene hanno portato una multinazionale del petrolio ad un processo nel proprio paese. Inoltre, una vittoria segnerebbe un punto di svolta nelle relazioni tra le popolaz…

Rifiuti tossici: dove sono finiti?

Immagine
Mistero su cosa sia sepolto sotto una collina, in una zona dove si registrano allarmanti patologie tumorali che possono essere indotte da fattori radioattivi. Da analisi svolte nei comuni di Aiello Calabro e Serra d'Aiello in provincia di Cosenza sono state rilevate sotto una collina 2 sostanze radioattive artificiali e il Cesio 137. La perizia di un consulente della Procura di Paola evidenzia un incremento di tumori della tiroide, i quali hanno uno stretto legame con il Cesio 137 uno degli isotopi radioattivi riscontrati nell'aerea, estesa a poche centinaia di metri dal greto del fiume Oliva, nei pressi del quale, sotto una colata di cemento è stato scoperto un sarcofago riempito con metalli pesantiA due passi un crinale dove già qualche tempo fa era stata evidenziata la presenza di granulato di marmo, che insieme alle polveri di marmo viene usato in varie applicazioni, tra cui come schermante per nascondere la radioattività. Secondo il rapporto Ecomafia 2009 ammonterebber…